Home > Eventi e Fiere > Un nuovo marketing del territorio coniugato con le emozioni profonde degli Italiani

Un nuovo marketing del territorio coniugato con le emozioni profonde degli Italiani

scritto da: Redoffice3 | segnala un abuso


Un marketing di eccellenza per il territorio deve connettere la cultura, il volontariato, le Istituzioni e le aziende. E’ oggi necessario, infatti, come è successo a Malalbergo su iniziativa di Adriano Facchini, rendere concreti nuovi modelli che colleghino, in un percorso fluido e permanente, le ricchezze del territorio con la vita sociale e la partecipazione attiva dell'industria


Il sociologo statunitense Richard Florida – il cui nome tradisce le origini avellinesi - aveva individuato nelle tre T – Talento, Tecnologia e Tolleranza – il motore per creare eccellenza territoriale, cioè situazioni catalizzatrici di inedite opportunità e centri capaci di farsi “indotti” di forme di sviluppo sociale innovativo. In sintesi: attivarsi affinchè il locale diventi luogo di eccellenza, capace di farsi "magnete del talento", ovvero attrattore di “teste” creative capaci di generare prosperità interagendo con l’ambiente e modificandolo a loro volta.


Afferma Adriano Facchini, esperto di marketing territoriale ed ex direttore generale di tre Consorzi Agrari (Parma, Brescia e Ferrara): “l'eccellenza territoriale deve interagire con le richieste di respiro globale per avvicinarsi ad una visione glocal, che è quella più adatta allo sviluppo omogeneo. Il modello che ricerco, come a Malalbergo, è un marketing territoriale di qualità in cui la cultura, il volontariato, le istituzioni e le aziende si connettono. In pochi anni, sull'onda della riscoperta dell'ortica quale alimento con proprietà importanti e con capacità di interagire positivamente sul terreno dove cresce, quattro aziende hanno messo in produzione prodotti che hanno alla base questo alimento (La Vassalli Bakering, Andalini, Pastificio Vignolese e la East Balt)”.


Emergono, sull'onda della crisi, nuovi luoghi di incontro, nuove interazioni e di conseguenza nuovi prodotti e servizi

Il mondo sta cambiando molto profondamente e per le aziende il dilemma di questi ultimi anni è stato spesso “O cambi o muori”! E' inesorabilmente tramontata un'era ed avanza, prepotente, un nuovo marketing territoriale i cui ingredienti sono la condivisione – reale e digitale, la partecipazione dal basso, la capacità di emozionare, il coinvolgimento del trio aziende-istituzioni-ricerca come il modello "Ortica di Malalbergo" ha mostrato splendidamente in questi giorni.

Qualche esempio: le mostre d’arte sono luoghi di eccellenza caratterizzate da numeri straordinari: la mostra di Milano dedicata a Picasso ha registrato 580mila visitatori mentre quella "Van Gogh e il viaggio di Gauguin" a Genova 346mila. Sostiene Fabrizio Bellavista, partner Psycho Research e Social Media Specialist: “le sagre sono caratterizzate da numeri da capogiro, con oltre 150 milioni di pasti distribuiti all'anno mentre, sul versante dei social network, Facebook in Italia ha registrato un nuovo record con 24 milioni di iscritti e una media di 17 milioni di presenze giornaliere. Anche l'Expo 2015, nella sua versione disseminata sul territorio - 'Fuori Expo' compreso, sarà uno di questi nuovi luoghi in cui la tecnologia si sposerà con le nostre antiche tradizioni enogastronomiche”. E conclude: “la crisi, in Italia, sta facendo emergere nuovi valori; eccone alcuni in una speciale Top 20: 1° la libertà personale, 2° gli affetti familiari e l'amore, 3° la salute e il benessere, 4° l'amicizia, 5° la cultura mentre il denaro è solo al 17° posto (dati Istituto di Ricerca Emotional Marketing). I nuovi valori chiedono nuove relazioni e nuovi luoghi di incontro”.


Nuove relazioni territoriali

L'esempio dell'Ortica a Malalbergo si propone come un esempio virtuoso di una visione glocal di successo per nuove relazioni territoriali. Ingredienti della ricetta: prendere una pianta spontanea, l'ortica in questo caso, studiarne le proprietà coinvolgendo l'Università, facilitare il fiorire di iniziative spontanee che affianchino il progetto, coinvolgere le Istituzioni, e, dopo aver attivato la ricerca all'interno di aziende del settore agroalimentare, coinvolgere queste ultime in un progetto articolato; infine sensibilizzare le scuole sull'argomento, muovere influencer per condividere le tesi del progetto, coinvolgere i media locali, coinvolgere realtà turistiche locali e giungere poi a supportare le aziende affinché avviino produzioni differenziate basate sull’ortica, implementandole in una sagra dedicata.


L'esperienza fatta in questa settimana a Malalbergo è stata illuminante sulla possibilità di rendere concreti nuovi modelli che colleghino, in un percorso fluido e permanente, le ricchezze del territorio con la vita sociale e la partecipazione attiva dell'industria. Adriano Facchini è il motore dell'iniziativa nel connettere visione e pratica, e, intorno a lui, sono stati moltissimi i volti di persone coinvolte, entusiaste e proattive.

 

Il convegno “Un esempio di Glocal, un modello da imitare”


Il convegno “Un esempio di Glocal, un modello da imitare” ha visto la presenza di: ADRIANO FACCHINI, Esperto di marketing territoriale e agroalimentare; VINCENZO BRANDOLINI, Ordinario di chimica degli alimenti all'Università di Ferrara; FABRIZIO BELLAVISTA, Esperto di digital & emotional marketing; PIER LUIGI MASINI, Direttore marketing de “il Resto del Carlino”; TIBERIO RABBONI, Assessore all'Agricoltura della Regione Emilia Romagna.

marketing territorio | marketing territoriale | ortica malalbergo | adriano facchini | glocal | fabrizio bellavista | vincenzo brandolini | pierluigi masini | tiberio rabboni |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’ADC U3-1402 di Daiichi Sankyo i dati aggiornati presentati a Barcellona


"Dirty Marketing" di Emmanuele Macaluso insignito del Marchio di Qualità della Microeditoria


Mancano pochi giorni al Global Marketing Expo Summit, per una reale occasione di business


NSCLC: Daiichi Sankyo ha presentato i risultati del farmaco U3-1402


Marketing BtoB: Email marketing, sito web, SEO e social marketing gli strumenti più efficaci per le imprese


Article Marketing : Consigli e Regole


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Reagire alla crisi: una soluzione arriva dall’alta gioielleria d’arte

Reagire alla crisi: una soluzione arriva dall’alta gioielleria d’arte
Il "Grande Patto” proposto da #GabriellaRivalta è un vero e proprio nuovo paradigma che vede la cultura e la prassi della condivisione diventare driver di cambiamento nella pratica di tutti i giorni La Maison piemontese di gioielli d’arte, con a capo Gabriella Rivalta e il figlio Roberto, ha deciso di recuperare i rapporti che in questi momenti di crisi sanitaria e sistemica stanno subendo danni irreparabili nel tessuto sociale e relazionale dell’Italia. Ecco la proposta di #GabriellaRivalta: “si tratta di un rivoluzionario rapporto di collaborazione, un nuovo patto fiduciario fra produz (continua)

Diretta con “Da Gutenberg a Zuckerberg, che emozione!”, martedì 26 maggio 2020 dalle ore 14.30 alle 16

Diretta con “Da Gutenberg a Zuckerberg, che emozione!”, martedì 26 maggio 2020 dalle ore 14.30 alle 16
Le frontiere dell'editoria del terzo millennio ed i segreti per una strategia di content curation e storytelling efficace, fra tecnologia ed umanità Come riconoscere le nuove forme di editoria digitale che possono diventare modelli di business validi e replicabili? Come rendere la propria comunicazione multi-canale coerente ed efficace? Risponderà a queste ed altre domande un evento AISM - Associazione Italiana Sviluppo Marketing a cura di Emotional Marketing Lab e MIURA: dalla prima Bibbia sino a «Facebook Augmented Reality» passando per (continua)

La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana

La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana
“La desiderabilità del segno” è un concept a tre voci con Paolo Rossetti, Simonetta Ferrante e Matteo Pettinaroli, in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di gesti Designing Happiness a 100 anni da Bauhaus L’incontro “La desiderabilità del segno”, avvenuto nel centesimo annive (continua)

La desiderabilità del segno

La desiderabilità del segno
La desiderabilità del segno Un incontro tra arte, design e trasformazione urbana, a cento anni dall’esperienza Bauhaus con al centro la desiderabilità, motore che fa girare l'esistenza “La desiderabilità del segno”. Un incontro a tre voci, Paolo Rossetti, Matteo Pettinaroli, Simonetta Ferrante in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di ge (continua)

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0
Il meeting svoltosi il 30 gennaio 2018 ha visto protagonista il robot NAO della Scuola di Robotica che ha interagito con gli ospiti. L’incontro, presentato da “LA LOGICA DEL FLUIRE. CHE MERCATO SAREMO” e “COPERNICO”, ha incluso gli interventi di Fiorella Operto, Fabrizio Bellavista e Stefano Lazzari e un saluto di benvenuto di Federico Lessio mentre Luisa Cozzi ha (continua)