Home > Telefonia > Il VoIP, tecnologia da condividere: l’esempio virtuoso dell’Università di Ferrara

Il VoIP, tecnologia da condividere: l’esempio virtuoso dell’Università di Ferrara

scritto da: SABMCS | segnala un abuso

Il VoIP, tecnologia da condividere: l’esempio virtuoso dell’Università di Ferrara


 L'Università di Ferrara è una delle più antiche d'Italia: fondata nel 1391 dal marchese Alberto V d'Este, su concessione di papa Bonifacio IX, l’Ateneo conta oggi 18.000 studenti, 12 dipartimenti, 49 centri di ricerca oltre a un Istituto Universitario di Studi Superiori (IUSS - Ferrara 1391), distribuiti in 12 sedi dislocate a Ferrara e quattro sedi al di fuori della città. L’Ateneo offre oggi oltre 50 corsi di laurea e numerosi corsi di specializzazione post laurea. 

Con 2.000 utenze telefoniche e un costo annuale per la telefonia di circa 500.000 Euro tra canoni e traffico, l’Università di Ferrara sceglie di migrare al VoIP nel 2006. 
 
L’INSOSTENIBILE PESANTEZZA dell’INFRASTRUTTURA 
Fino al 2006 l’Università di Ferrara disponeva di un impianto telefonico Telecom / Siemens particolarmente articolato. Con 11 centralini dotati ciascuno di un flusso primario e diverse linee di back-up, un sistema proprietario pseudo-IP di intercon-nessione tra i diversi centralini per le chiamate intrasede e 2.000  interni, l’infrastruttura si rivelava particolarmente onerosa in termini di manutenzione, e non scalabile. L’incremento dei costi su base annuale (circa € 500.000 nel 2006 laddove il mero canone fisso e il leasing degli apparecchi cubava 3 volte il valore del traffico telefonico effettivamente generato), la crescente insoddisfazione in merito alla carente flessibilità dei sistemi, non interoperabili con soluzioni che avrebbero garantito la fruizione di servizi di telefonia evoluti e il desiderio di gestire in-house i sistemi telefonici avvalendosi di una piattaforma per la telefonia che favorisse la ricerca e la sperimentazione, spinsero il prof. Cesare Stefanelli, Delegato del Rettore all’Informatizzazione, insieme al prof. Gianluca Mazzini ad avviare un innovativo progetto di passaggio al VoIP Open Source, progetto poi realizzato dai tecnici dell’Ufficio Reti e Sistemi, in particolare Enrico Ardizzoni e l’Ing. Federico Fergnani, Responsabile VoIP dell’Università di Ferrara. Si iniziò dalla revisione integrale dell’infrastruttura di telefonia dell’Ateneo, anche a fronte della progressiva disponibilità della banda larga attraverso la rete in fibra di nuova generazione implementata dall’azienda pubblica Lepida SpA, in linea con il Piano Telematico dell’Emilia-Romagna (PITER).
Gli obiettivi primari della migrazione erano in particolare infrastrutturali ed economici. Con l’impiego del VoIP sarebbe stata necessaria una sola cablatura per dati e fonia, i centralini SIP open source avrebbero garantito una maggior scalabilità e flessibilità dell’infrastruttura oltre alla riduzione dei costi, permettendo all’Ateneo di scegliere in modo del tutto autonomo l’operatore più conveniente – se non gratuito - per le chiamate in uscita, favorendo l’integrazione tra i servizi informatici e la telefonia e la fruizione di nuovi servizi telefonici evoluti e gestibili via web. Il tutto doveva ovviamente far capo a un nuovo sistema di gestione degli account dei singoli utenti per l’esatto monitoraggio del traffico telefonico generato.
 
IL PROGETTO
Grazie all’allacciamento alla nuova MAN, l’Ateneo partì con la progressiva dismissione dei centralini telecom interponendo inizialmente tra questi device e la rete pubblica i nuovi centralini IP basati su server Intel in configurazione ridondata e software Asterisk. L’ingegnerizzazione dei centralini è stata condotta in-house in base alle esigenze dell’Università di Ferrara, che, vagliati benefici e svantaggi di soluzioni open source pacchettizzate, preferì internalizzare il servizio, dando luogo a una soluzione che, a partire dal centralino Asterisk, ha portato a sviluppare al proprio interno una piattaforma completa per la telefonia, con l’integrazione di opportuni strumenti di peritelefonia, gestione e accounting.
Tra la fine del 2006 e Marzo 2007 furono quindi installati 3 centralini Asterisk con una sostituzione graduale di tutti i telefoni analogici installati con 2.000 telefoni IP digitali. Era necessario rendere fruibile a basso costo e in tempi brevi tale quantitativo di telefoni IP, compatibili con una infrastruttura mista onde erogare rapidamente, attraverso i nuovi terminali, almeno i servizi di base della telefonia più utilizzati dagli utenti e implementare gradualmente i nuovi servizi di Unified Communications. L'Università di Ferrara optò in un primo momento per telefoni IP di fascia bassa, che presentarono numerose criticità in termini di qualità, affidabilità e versatilità , aspetto, questo, cui nella prima fase sperimentale del progetto non si attribuiva ancora la rilevanza di cui invece gode oggi. 
Con la ratifica della Finanziaria 2008, che prevedeva un forte taglio dei costi per le comunicazioni nella Pubblica Amministrazione, ha inizio la seconda fase del progetto, che vede l’Ateneo rimuovere definitivamente tutti i centralini tradizionali per fruire di una infrastruttura “full VoIP” accorpata in un singolo edificio, con due centralini (ridondati) Linux/Asterisk collegati direttamente alla MAN regionale attraverso due linee internet dedicate e quattro linee E1 a 30 canali cad. Gli oltre 2.000 interni facenti capo alle 12 sedi geografiche connesse in fibra e alle 4 sedi remote connesse in VPN, sono serviti attraverso 2.160 telefoni IP e softphone. I centralini Asterisk integrano i servizi di telefonia più diversi, tra cui le chiamate Consip verso numeri geografici, IntercentER verso numeri cellulari, il peering diretto tra centralini con un sistema di directory E164.arpa, e164.org, nrenum.net, freenum.org, come anche Skype e GoogleTalk, al fine di instradare le telefonate sul canale più conveniente attraverso il least cost routing. 
 
I TELEFONI VoIP presso Università di Ferrara
A fronte di un traffico telefonico che oggi ammonta a circa 6000 minuti / giorno, la scelta del giusto telefono IP ha assunto col passare del tempo un ruolo di primaria importanza. Se da un lato le considerazioni economiche sono le prime a essere affrontate, non necessariamente corrispondono a soluzioni in grado di soddisfare pienamente le aspettative. A fronte di un tasso di rottura dei telefoni inizialmente adottati superiore al 45% in 6 anni e dell’esigenza di avvalersi di terminali di qualità, che supportassero i protocolli e i codec necessari alla propria infrastruttura e basati sullo standard SIP, per non tornare a legarsi a tecnologie proprietarie, a partire dal 2009 l’Università di Ferrara sostituisce gradualmente gli apparati di qualità inferiore in uso con i telefoni snom 300 e snom 710, rivelatisi più concorrenziali di terminali di altri noti produttori, perfettamente compatibili con la piattaforma Asterisk-based impiegata, dotati di switch interno per evitare nuovi cablaggi o l’acquisto di hardware aggiuntivo, configurabili con l’auto-provisioning e in grado di offrire adeguati standard di protezione dei dati 
(account e password utenti) oltre alla cifratura del traffico voce. 
Attualmente l’Università di Ferrara ha sostituito oltre il 50% dell’installato con telefoni snom e impiegherà in futuro sempre più spesso lo snom 710 in luogo dello snom 300, poiché - oltre al design innovativo  - il terminale presenta un display a quattro linee, una memoria superiore per maggiori prestazioni e un’eccellente qualità della voce grazie all’audio a banda larga. Al vaglio sono altresì telefoni snom 720 per future implementazioni e i terminali VoIP DECT snom m9r per sperimentazioni.
Dal 2009 a oggi, l’Università di Ferrara non ha mai avuto la necessità di rivolgersi all’assistenza tecnica di snom: con un tasso di guasti inferiore all’1% i terminali snom risultano particolarmente solidi e versatili. In combinazione con la piattaforma VoIP collaborativa basata su Asterisk e sviluppata dall’Università di Ferrara, i telefoni snom presentano infatti alcune caratteristiche non fruibili con altrettanta semplicità con altri terminali IP:
 
- collegamento con la rubrica centralizzata dell’Ateneo
- tasti per la composizione rapida
- condivisione dello stesso terminale con altri utenti, ognuno con le proprie       credenziali
- configurazione via web e via rete con l’auto-provisioning 
- hot-desking, fruibilità dei servizi in modalità “plug & play”
- funzione direttore / segretaria
- suonerie personalizzate
- switch interno / interfacce Fast o Gigabit Ethernet
- qualità audio eccellente
- teleconferenze
- alto livello di personalizzazione dei servizi fruibili attraverso il telefono 
 
 
Il BANDO per il RIUSO – il VoIP dell’Università di Ferrara reso fruibile per la pubblica amministrazione
La piattaforma VoIP dell’Università di Ferrara è stata  realizzata al duplice scopo di fornire agli studenti una piattaforma di ricerca articolata per le loro tesi e di garantire la massima riduzione e razionalizzazione delle spese per i servizi di fonia e la flessibilità necessaria all’implementazione di nuovi servizi telefonici evoluti integrati con la rete dati in linea con le esigenze di un gruppo estremamente eterogeneo e ampio di operatori e ricercatori. La piattaforma è stata quindi modulata in base alle specifiche esigenze dell’Ateneo. I recenti aggiornamenti del Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD) relativi, in particolare, al Capo VI “Sviluppo, acquisizione e riuso di sistemi informatici nelle pubbliche amministrazioni”, hanno dato nuovo impulso alla pratica del riuso di sistemi realizzati presso altri enti della Pubblica Amministrazione. Tramite tale bando l’Università ha avuto accesso ai fondi necessari per la reingegnerizzazione del progetto, al fine di rendere la piattaforma VoIP fruibile per altri enti o Istituti, in linea con gli obiettivi del progetto U4U (University 4 University).
 
E’ nata così la piattaforma VoIP4U, un framework VoIP Open Source completo e riusabile all'interno di altre Pubbliche Amministrazioni o Istituti Universitari attualmente presente nel catalogo del riuso. La piattaforma viene aggiornata regolarmente con perfezionamenti e nuove funzioni dall’Università di Ferrara, che è anche disponibile ad affiancare altre Pubbliche Amministrazioni che vogliano farne uso, fornendo supporto diretto per la configurazione iniziale e per la migrazione.
 
Da quando sono stati pubblicati i riferimenti per la fruizione della piattaforma nel 2013, numerose Pubbliche Amministrazioni hanno già vagliato la soluzione. In alcuni casi la piattaforma VoIP4U è già stata installata con successo, come presso l’Università di Urbino, il Comune di Cento e il Comune di Sant’Agostino. Quest’ultimo in particolare si è dovuto dotare in tempi rapidissimi di una nuova sede, il Municipio è infatti stato abbattuto a fronte degli ingenti danni provocati dal sisma che ha colpito l’Emilia Romagna nel 2012. Prima di Natale gli operatori comunali hanno potuto avvalersi, con soddisfazione per la soluzione impiegata, di un sistema telefonico allo stato dell’arte, di cui fanno parte anche circa 40 telefoni IP snom 710.
 
 
CONCLUSIONI
Con circa 350.000 euro/anno di risparmio rispetto alla soluzione analogica precedente; una decina di nuovi servizi di peritelefonia sviluppati tra cui VoiceMail, Click2dial, Conference Room, chiamata diretta IP ad altri applicativi, l’esperienza VoIP di Università di Ferrara dimostra non solo che infrastrutture di grandi dimensioni possano migrare al VoIP con notevoli vantaggi in termini sia di taglio di costi che di implementazione di nuovi servizi, ma che il VoIP possa contribuire concretamente all’instaurarsi di un nuovo modo di intendere i servizi di fonia, con indubbi vantaggi sia per gli utenti sia in termini di gestione e amministrazione dei sistemi. 
 

snom technology | UniFe | Università di Ferrara | asterisk | bando del riuso | chiamate Consip | E164 arpa | e164 org | Federico Fergnani | freenum org | GoogleTalk | IntercentER | least cost routing | nrenum net | Skype | snom | snom 710 | snom 7xx | voip per la pubb |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Telefonia IP quo vadis: le 5 tendenze per il 2017 in Italia


TIM SI ALLEA CON LE UNIVERSITA’ ITALIANE PER SOSTENERE LA DIDATTICA A DISTANZA


Cosa conta nello sviluppo di un telefono IP


Pratici consigli per pianificare la migrazione al VoIP della pubblica amministrazione locale


TIM SI ALLEA CON LE UNIVERSITA’ ITALIANE PER SOSTENERE LA DIDATTICA A DISTANZA, CI SONO ANCHE PADOVA E VENEZIA


Modem Libero: Cosa cambia per il VoIP


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un criterio di scelta in più: i telefoni Snom sono personalizzabili

Un criterio di scelta in più:  i telefoni Snom sono personalizzabili
Che si tratti di modificare le diciture sui tasti, di applicare il logo dell’azienda acquirente sul telefono o che si desideri un terminale di un colore completamente diverso - con Snom è possibile soddisfare quasi tutti i desideri in termini di design. Qualità, mobilità e funzionalità - le aspettative nei confronti della moderna telefonia aziendale sono sempre più elevate. Snom, noto produttore di telefoni IP per aziende e industria aggiunge a questo elenco un ulteriore criterio di scelta: l'individualizzabilità dei terminali. Il produttore berlinese garantisce infatti la massima adattabilità dei propri telefoni alle esigenze dei propri clienti. (continua)

Il VoIP a prova di intemperie: la stazione base DECT multicella Snom M900 Outdoor

Il VoIP a prova di intemperie: la stazione base DECT multicella Snom M900 Outdoor
Con un involucro protettivo (300 x 175 x 80 mm) in plastica certificato IP55 e resistente agli urti (IK08), agli agenti atmosferici e ai raggi UV, la stazione base DECT multicella M900 outdoor opera con temperature comprese tra -20 e +60 °C e ha una portata del segnale radio di 50 metri all'interno e 300 metri all'esterno degli edifici. Le misurazioni necessarie per l’installazione di stazioni base DECT per una copertura ottimale di specifiche aree di taluni edifici possono essere una dura sfida per i tecnici. Soprattutto se occorre garantire un passaggio delle chiamate da una multicella all’altra senza soluzione di continuità in presenza di un gran numero di telefoni cordless IP. Un compito ancora più arduo se tale copertura va (continua)

Più flessibilità e tempi di implementazione ridotti con la nuova API di Snom per fornitori di soluzioni UC

Più flessibilità e tempi di implementazione ridotti con la nuova API di Snom per fornitori di soluzioni UC
Il pioiniere del VoIP e produttore di telefoni IP premium ha introdotto una nuova API sicura che consente ai produttori di soluzioni UC di integrare facilmente nei propri sistemi il servizio SRAPS, lo strumento di provisioning automatico firmato Snom. Lo scorso settembre, Snom, noto produttore di telefoni IP premium per professionisti, aziende e industria ha messo a disposizione dei produttori di soluzioni UC una API sicura che consente loro di integrare nei propri sistemi in maniera ancora più comoda il servizio SRAPS, lo strumento di provisioning automatico firmato Snom. Sono già numerose le integrazioni dell’API per SRAPS realizzate da parte (continua)

Snom affida a Luca Livraga la gestione del Technical Support EMEA

Snom affida a Luca Livraga la gestione del Technical Support EMEA
A cinque anni dall’inizio della sua carriera in Snom Italia come Technical Support Engineer, Livraga assume ora il ruolo di Team Lead Technical Support EMEA. Tra le priorità del manager sia una stretta collaborazione con il product management a sostegno di un’innovazione ancora più vicina al mercato sia la garanzia di continuità in termini di eccellenza del servizio tecnico erogato. Da cinque anni in Snom, Livraga ha lavorato in passato per noti operatori italiani come Vodafone e Fastweb, occupandosi anche nelle precedenti esperienze di VoIP e problemi di connettività. Da sempre a contatto con tecnici installatori e i loro utenti finali, dal piccolo al grande cliente fino alle pubbliche amministrazioni, l’oggi trentottenne ha portato in Snom una visione a tutto tondo su ciò d (continua)

Cybersecurity: ospedali più che mai in prima linea

Cybersecurity: ospedali più che mai in prima linea
Dall'inizio della crisi COVID-19 gli ospedali sono stati particolarmente esposti alle minacce informatiche (phishing, attacchi DDoS, trojans e ransomware). Secondo recenti studi, gli attacchi informatici contro gli ospedali sono aumentati del 475%, quintuplicandosi rispetto alla media. L'Interpol, ex capi di Stato e dirigenti aziendali hanno reagito sostenendo una forte azione governativa per comb (continua)