Home > Libri > Roberto Lirussi a PordenoneLegge 2013 con "La regalità calò dal cielo", dal 20 al 22 settembre, Pordenone

Roberto Lirussi a PordenoneLegge 2013 con "La regalità calò dal cielo", dal 20 al 22 settembre, Pordenone

scritto da: Alessia Mocci | segnala un abuso

 Roberto Lirussi a PordenoneLegge 2013 con


 Un collaboratore di Oubliette Magazine sbarca a PordenoneLegge 2013 da venerdì 20 a domenica 22 settembre. Sarà Roberto Lirussi, con il thriller storico religioso “La regalità calò dal Cielo”, che dopo sei anni dalle prime righe buttate su un foglio, scritte a matita e rinchiuse in un cassetto, arriva ad un palcoscenico importante.

Roberto ci dice, è uno studioso/scrittore e gli piace leggere per imparare. Appassionato di Storia del Vicino Oriente Antico, origine e storia di popoli e religioni, temi sui quali sta pubblicando un importante saggio, quindi non è neanche più un esordiente, infatti ci riferisce di svariati progetti di lavoro, tra cui la poesia e l’arte sacra medievale, cristiana e mussulmana.

Queste passioni sono alla base de “La Regalità calò dal Cielo”, che riporta come non succede spesso, luoghi, date persone, avvenimenti e situazioni vere, non inventate di sana pianta. Probabilmente questo è uno dei fatti per cui è schizzato per due settimane all’ottavo posto della classifica delle vendite tra nomi che ci dice “mi ha fatto tremare i polsi Wilbur Smith, Roberto Saviano, Patricia Cromwell, Stephen King, Dan Brown e così via…”.

Intorno ad una precisissima base storica l’autore friulano avvolge un canovaccio romanzesco che fa arrivare all’ultima pagina sperando che ce ne siano ancora oltre.

L’ho scritto in un mese”, ci dice sorridendo, “come se fossi ispirato dall’alto. Poi tre-quattro anni di rivisitazioni integrazioni, limature, tre edizioni fino ad arrivare a questa che è quella finaleLa Regalità calò dal Cielo  è una frase incisa su una stele che riporta la lista dei re sumerici. Dopo che la Regalità calò dal Cielo il Regno ebbe dimora in Eridu. In Eridu Alulim divenne Re, regnò per 28.800 anni…”.

L’autore continua raccontandoci una cosa sconvolgente, che dà il via al viaggio romanzesco: è il fatto reale e tangibile, “perché abbiamo il testo integrale” conferma Roberto, “ che 2.000 anni prima della Bibbia i Sumeri scrissero un poema con protagonista l’eroe Gilgamesh ed il racconto avrebbe similitudini incredibili con il testo biblico”.

Capiamo che è pane per i suoi denti da come e cosa ci spiega:”sicuramente, storicamente, gli ebrei deportati in Mesopotamia da Assiri e Babilonesi assunsero molte caratteristiche del luogo, infatti molti di loro, quando gli venne dato il permesso per rientrare nella loro terra, rifiutarono e si fermarono a vivere nella valle tra il Tigri e l’Eufrate. Scorrendo le pagine di “La Regalità calò dal Cielo” ci imbattiamo in uno studioso che vuole rendere pubblica una scoperta da lui interpretata in maniera pericolosa per molti e tra rituali pagani, omicidi rituali, viaggi nelle zone dell’Anatolia dove dovrebbe essere avvenuto il Diluvio universale, il capo ispettore Marsini e l’archeologa Clarissa precipitano in un vortice che dovranno dipanare mille eventi ed indizi che confonderanno in un primo tempo i due.

Lirussi ci spiega come La Cupola della Roccia sulla spianata del Tempio di Gerusalemme, un’abbazia di suore Clarisse in Friuli, il bunker di Hitler a Berchtesgaden, in Baviera, poco oltre il confine italiano, una biblioteca di San Daniele del Friuli ed un cimitero ebraico nel quale vi sarebbe una tomba con una scritta che non dovrebbe esserci, il primo “folio” stampato da Gutenberg, l’amicizia tra un frate amanuense ed un comandante nazista siano altri elementi che fanno divenire questo testo “un film scritto”, tale è la precisione con cui vengono descritti fatti e luoghi. Salutiamo Roberto che ci fa vedere una medaglietta vinta ad un concorso di poesia a Pordenone nel 1975. Premiazione al Teatro Verdi, Pordenone il giorno 7 maggio 1976!

La vita fa strani scherzi” chiude Roberto che da Pordenone è partito quasi quaranta anni fa ed ora ci ritorna da protagonista per raccontarci i suoi “viaggi con la macchina del tempo”, come definisce lui i libri. Pordenonelegge si svolgerà dal 18 al 22 settembre 2013, con più di 300 tra eventi ed invitati e riveste un ruolo molto importante come polo di attrazione e diffusione di cultura in Italia ed in Europa.

Un saluto a tutti e grazie per l’attenzione che mi avete riservato e che non sono sicuro di meritare” è la chiosa di questo “ragazzo” quasi cinquantenne che ci stupirà in futuro, noi ci scommettiamo.

 

Roberto Lirussi recentemente ha pubblicato con Edizioni DrawUp, nella sottocollana Oubliette, il saggio storico "Dalla Svastica alla Bibbia".

 

Info

http://oubliettemagazine.com/tag/roberto-lirussi/

https://www.facebook.com/groups/160247187335810/

 

Fonte

http://oubliettemagazine.com/2013/09/18/roberto-lirussi-a-pordenonelegge-2013-con-la-regalita-calo-dal-cielo-dal-18-al-22-settembre-pordenone/

 

 

 

 


Fonte notizia: http://oubliettemagazine.com/2013/09/18/roberto-lirussi-a-pordenonelegge-2013-con-la-regalita-calo-dal-cielo-dal-18-al-22-settembre-pordenone/


roberto lirussi | pordenonelegge |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Roberto Lirussi ed al suo Dalla Svastica alla Bibbia


La regalità calò dal cielo record di vendita: ottava posizione su Ibs


Al via il Festival del libro a Pordenone


Situazione del mercato lavorativo a Pordenone e provincia


Acquisto casa: periferia o centro città, quali sono i pro ed i contro?


Mercato immobiliare: previsione per il 2016


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

In libreria: La brace dei ricordi di Giovanna Fracassi edito da Rupe Mutevole Edizioni

In libreria: La brace dei ricordi di Giovanna Fracassi edito da Rupe Mutevole Edizioni
“La brace dei ricordi” è la nuova raccolta poetica di Giovanna Fracassi recentemente pubblicata per la casa editrice Rupe Mutevole Edizioni. La copertina e le immagini dei quadri presenti all’interno del libro sono opere di Nico Daniele, in arte NicDan. “[…] Volute di fumo/ saliranno dai prati:/ il respiro dell’estate/ a confondersi con il mio/ e sarò acqua nella pioggia/ nuvola nel vento/ erba nella terra/ fuoco nelle viscere dell’universo.” – dalla lirica “Volute di fumo”“La brace dei ricordi” è la nuova raccolta poetica di Giovanna Fracassi recentemente pubblicata per la casa editrice Rupe Mutevole Edizioni. La copertina e le immagini dei (continua)

Intervista di Alessia Mocci ad Emanuele Martinuzzi: vi presentiamo “Notturna gloria”

Intervista di Alessia Mocci ad Emanuele Martinuzzi: vi presentiamo “Notturna gloria”
Emanuele Martinuzzi (Prato, 1981) si è dedicato ai versi sin dalla tenera età ed, anche, dopo la laurea in Filosofia ha continuato una strada solitaria di dialogo incessante. Dalla prima pubblicazione con “Nella pienezza del Non” sino al canzoniere di cui si tratterà in questa intervista, Emanuele si è prodigato nell’indagine sul perché della scrittura come necessità “costruttiva affidata al verso”. “Le mie prime raccolte, che non ho quasi più riletto se non alcuni estratti, provenivano da tutt’altra considerazione personale della poesia, il senso che davo al poetare era molto nitido dentro di me, la ricerca della poesia si sposava perfettamente con la riflessione e la conoscenza di se stessi e del mondo, era un fatto che davo per scontato, quei lavori risentono di queste e altre illusio (continua)

Capitale Mobile: come trasformare un’idea in una Startup di successo

Capitale Mobile: come trasformare un’idea in una Startup di successo
Trovare investitori, individuare locali ed immobili in posizioni strategiche, cercare consulenti e dipendenti specializzati (e non), aver accesso ad una banca dati di incontro tra domanda ed offerta di risorse umane e materiali: ecco alcuni temi primari da tenere presente per poter iniziare a comprendere come proseguire. “La cosa più importante per un imprenditore è di raccogliere un’idea su qualcosa che ama davvero, lavorarci, e trasformarla in un business solo quando è sicuro che funziona.” – Mark Zuckerberg Non serve presentare l’autore di questa affermazione essendo uno degli uomini più famosi al mondo per inventiva e per capacità di business. Certamente alla base di qualsiasi buona idea c’è la passione (continua)

Intervista di Alessia Mocci a Laure Gauthier: vi presentiamo kaspar di pietra

Intervista di Alessia Mocci a Laure Gauthier: vi presentiamo kaspar di pietra
Laure Gauthier vive a Parigi ed insegna Letteratura tedesca e cinematografia all’Università di Reims. La prima opera, pubblicata nel 2013, è in lingua tedesca (successivamente tradotta in francese) “marie weiss rot/ marie blanc rouge”.  “Ogni epoca ha i suoi pericoli, la nostra è in una determinata fase della crisi del capitalismo, esiste un’“atrofia dell’esperienza” («Verkümmerung der Erfahrung»), come la definiva già Walter Benjamin, e davanti a questa svalutazione dell’esperienza, si esalta il linguaggio, si usano continuamente iperboli oppure all’opposto continuamente eufemismi. Siamo in un periodo di inflazione e (continua)

Intervista di Alessia Mocci a Zoe Tami Kirsten: “Trycia”, avvincente metafora del mondo sulle ali della scrittura

Intervista di Alessia Mocci a Zoe Tami Kirsten: “Trycia”, avvincente metafora del mondo sulle ali della scrittura
Zoe Tami Kirsten è nata nel 1991 negli USA. Dopo aver brillantemente concluso gli studi universitari in Storia contemporanea e Letterature moderne comparate, da circa due anni e mezzo vive in Italia. “Lo sceriffo sapeva qualcosa, che presumeva dovesse riguardare Trycia, che fino ad allora aveva tenuto nascosto a Robert per timore che lui potesse agire d’impulso, compromettendo l’indagine. Gli agenti della squadra che aveva mandato sul luogo dell’incidente lo avevano informato subito di aver trovato i segni delle ruote di una motocicletta impresse nella terra, oltre il ciglio della strada, (continua)