Home > Turismo e Vacanze > Brasile: felice contagio

Brasile: felice contagio

articolo pubblicato da: evolutiontravel | segnala un abuso

Brasile: felice contagio

Rio è in assoluto la prima meta che ci accoglie arrivando in Brasile: sorridente e grandiosa nella sua architettura, ma anche selvaggia nella natura che la circonda.

Appena arrivi ti accorgi della grande civiltà del popolo brasiliano. Incredibilmente, in una metropoli come Rio de Janeiro, la gente non urla e fa la fila ordinata per salire sul bus!

Incontri sorrisi che ti ripetono tudo bem. Anche se sei in una favela, senti la frase “...tudo bem”.

In questo lontano mondo latino lo sport non è solo tifo “civile” allo stadio, ma parte attiva della quotidianità della popolazione: attrezzi sportivi sono disseminati lungo l'Avenida Atlantica e sulla spiaggia.

 

Per chi va in Brasile la prima volta alcune mete sono imperdibili e ne rappresentano l' essenza.
A Rio:

- la famosissima Collina del Corcovado con il suo il Cristo Redentore, che domina tutta la baia

- il “Pan di Zucchero” uno strategico punto panoramico che offre una vista impareggiabile a 360° di Rio e dintorni.

- Visitare a piedi ad una favela (consigliabile prenotare l' escursione dall' Italia e farsi accompagnare da guide del luogo). In netto contrasto con la povertà, qui regna molta dignità!

- Floresta de Tijuca polmone verde dentro la città: ancora oggi è un' esplosione di alberi, torrenti, cascate, zone montuose, e vette elevate.

- La domenica di Rio: nei giorni festivi il lungomare Avenida Atlantica è interdetto al traffico e si riempie di ciclisti, pattinatori e amanti del jogging, brasiliani e turisti godono di questo momento di relax che trasforma il lungomare di Rio in un' allegra festa.

A iguacu: ammirare le maestose cascate.
A Salvador de Bahia festosa e coloratissima  dove ogni giorno è Carnevale: da vivere il vibrante centro storico del Pelourinho e i suoi 80 km di spiagge tutte da scoprire!

Il Martedì a Salvador è il tradizionale Dia da Bencao ( giorno della benedizione) ed è una delle serate in cui il Pelourinho è più movimentato perché nelle piazze si svolgono numerosi concerti

aperti al pubblico e spesso si può assistere al concerto degli OLODUM, il più famoso gruppo di percussioni e di musica afro del Brasile, famoso anche per aver girato un video-clip con Michael Jackson. Chi sceglie il Brasile come soggiorno balneare deve sapere che il mare in Brasile è oceano aperto quindi, anche se pulito e trasparente, ha un colore scuro e tende ad essere ondoso.

Pochi sono i luoghi costieri organizzati con strutture che garantiscono lettini, ombrelloni e trattamento All inclusive.

A Natal , dove il turista italiano è molto frequente si sono adeguati alle abitudini italiane ma, generalmente, quello che potete trovare sono le “barracas”: bar e ristorantini sulla spiaggia, sotto un ombrellone striminzito con sedie e tavolini di plastica dove troneggia una Skoll o una Schin, le tipiche birre brasiliane...quindi dove c'è tantissima gente assiepata lì c'è anche la birra!

Ma se intendente partire per conoscere l'anima del Brasile il Nordeste sicuramente la rappresenta ottimamente.

La regione del Maranhao (che si estende dai 2 ai 5 gradi sotto l’Equatore) da Sao Luis fino ad arrivare a Fortaleza, racchiude un paesaggio che muta ad ogni soffio di vento regalando panorami mai uguali, tanto che la zona è stata dichiarata patrimonio UNESCO.

Un Tour consigliato con un nome magico Rota das Emoções (La rotta delle emozioni) nella regione dei Lençóis Maranhenses: un mare di dune che per 6 mesi all' anno si nutre di pioggia per regalare paesaggi impressionanti, fatti di lagune blu e verdi che contrastano con le dune di sabbia bianca.

Qualsiasi zona visiterete del Brasile sappiate che sarete contagiati da un'inguaribile Saudade: in lingua portoghese si pronuncia Saudagi.

Intraducibile in altre lingue la Saudade, assolutamente e altamente contagiosa, può essere tradotta come melanconia di un ricordo felice!

Brasile: un felice contagio!


Caterina Rimoli

Consulente di viaggi online Evolution Travel

Evolution Travel | Brasile Evolution Travel | Viaggi Brasile | Rio de Janeiro | Natal |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci alla Fondazione Darcy Ribeiro per l’uscita della nuova traduzione italiana di “Utopia Selvaggia”


Intervista di Alessia Mocci a Giancorrado Barozzi: vi presentiamo “Utopia Selvaggia”


Gravidanza e infezione da citomegalovirus: cosa può accadere al feto?


Giuseppe Massano, presentazione del romanzo “Una scelta felice”


MARIGLIANELLA R...ESTATE CON NOI CON LA CORRIDA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

In viaggio alla scoperta del Senegal

In viaggio alla scoperta del Senegal
Senegal: paese di infiniti colori, innumerevoli odori, miriade di paesaggi e soprattutto tanti, tantissimi sorrisi di gente serena e innocente che vuole trasmettere la sua gioia di vivere! Il viaggio in Senegal è stato un'esperienza che ci ha permesso di approfondire  la cultura e le tradizioni di un popolo simpatico, sereno ed entusiasta che sorride sempre di fronte alla vita! U (continua)

Ecommerce nel turismo e come sarà per Evolution Travel

Ecommerce nel turismo e come sarà per Evolution Travel
Il Turismo è uno dei settori più articolati e complessi esistenti: esistono centinaia di migliaia di fornitori in tutto il mondo, in qualsiasi nazione, in qualsiasi lingua, decine e decine di valute, centinaia di tipologie di prodotto e si può definire il settore più liquido al mondo, dopo il petrolio. Ogni giorno milioni di persone si spostano e milioni di transazi (continua)

L'inimitabile luce Argentina

L'inimitabile luce Argentina
L’Argentina è un paese con moltissime diversità, ci sono tanti luoghi e tanti e diversi aspetti con i quali la si può descrivere. Il cibo, le persone, la natura, la musica e tanti altri ancora. Quello di cui vogliamo parlare ora è la LUCE!  Cosa vuol dire? La luce del sole, alla quale durante il viaggio forse non si dà peso ma che accompagna al r (continua)

Pronto per un Capodanno al caldo?

Pronto per un Capodanno al caldo?
L’estate è ormai alle spalle e i colori caldi e variegati dell’autunno cominciano a riempire i nostri sguardi regalandoci una magia fatta di rossi, gialli, viola, marroni... che, pian piano, ci accompagneranno nel più freddo inverno. C’è però chi del freddo non ne vuole proprio sapere e allora i festeggiamenti di Capodanno si trasformano in un&rsqu (continua)

Seychelles sempre più "Green&Eco"

Seychelles sempre più
Un arcipelago da 10 e lode, senza dubbio, non solo perché da tutti riconosciuto come un Paradiso in Terra, come ci fa pensare la classifica mondiale delle spiagge top ed il fatto di essere una delle mete da sogno più ambite, ma anche, ed in primis, per gli sforzi e scelte in direzione di un turismo consapevole e responsabile e della conservazione del patrimonio ambientale. Due (continua)