Home > Spettacoli e TV > Un'icona, molte voci

Un'icona, molte voci

scritto da: Coeconews | segnala un abuso

Un'icona, molte voci


 A 50 anni dalla sua morte, la scoperta di scritti privati di Marilyn Monroe è il punto di partenza del documentario “Love, Marilyn”,  diretto nel 2012 da Liz Garbus, acclamata regista di opere di successo come “Bobby Fischer against the world” e “The Execution of Wanda Jean”. Glenn Close, Uma Thurman, Ellen Burstyn, Marisa Tomei e tanti altri grandi attori, leggono brani tratti dai diari segreti di Marilyn, e interpretano persone che hanno lavorato con lei o l’hanno conosciuta.

Diva Universal ha presentato in esclusiva Prima TV questo documentario che offre una visione inedita della vita privata dell’iconica bionda.

Marilyn Monroe. Il suo vero nome è Norma Jean Baker ed è nata il primo giugno 1926 nel reparto per persone indigenti di un ospedale di Hollywood. Senza padre, la piccola Norma Jean è presente quando gli infermieri portano sua madre afflitta da schizofrenia all’ospedale psichiatrico di Norwalk. Un’infanzia terribile, segnata da violenze e trascuratezze tra orfanotrofi e affidi, è la premessa di un’esistenza disordinata e difficile, ma anche il motore del suo desiderio di riscatto. Quando infatti, nel 1945 un reporter militare la scova mentre lavora in fabbrica, l’adolescente, ritrosa e sempre a disagio, si trasforma nella modella che tutti i fotografi sognano. Quelle foto pubblicate dalla rivista “Yank”, sarebbero state le prime di una lunga serie. Solo un anno dopo, decolorati i capelli e firmato un contratto con la 20th Century Fox, Norma Jean Baker diventa Marilyn Monroe, e un pubblico sempre più vasto comincia ad amarla e seguirla lungo tutta la sua straordinaria carriera. Nonostante l’insicurezza e l’inaffidabilità professionale, sono ben 32 i film girati dall’attrice in soli 15 anni, in un crescendo d’interpretazioni memorabili. Susan Strasberg, attrice americana, racconta così Marilyn: «Lei aveva creato il personaggio Marilyn Monroe, era il suo sogno. Era solita dirmi che: “È una sorta di mostro, di Frankenstein. L’ho creato ed ora sono costretta a interpretarlo ed è strano essere vittima della propria creazione.” Quando volle liberarsene, Hollywood voleva che continuasse ad interpretare il ruolo della “bionda” perché li faceva arricchire!».

Poco prima della sua morte nell’estate del ’62, la vita di Marilyn è completamente in subbuglio. La depressione dovuta ai numerosi aborti naturali e al fallimento del suo terzo matrimonio è aggravata da uno stato di profonda solitudine. Un anno prima, dopo un fugace flirt con John F. Kennedy, tra lei e suo fratello Bobby inizia un’intensa relazione. La sua eclatante apparizione al compleanno del presidente mette in imbarazzo l’intera famiglia Kennedy e Bobby la scarica. Col peggiorare della sua depressione la Fox è in procinto di annullarle il contratto. Solo Joe DiMaggio continua ad esserle vicino ma, improvvisamente dopo l’ennesimo ricovero, le sue condizioni fisiche e mentali volgono al peggio e nella notte tra il 4 e il 5 agosto, dopo una frettolosa autopsia, la versione ufficiale è: “probabile suicidio per overdose di barbiturici”. Joe DiMaggio è l’unico a farsi avanti per reclamare la sua salma. L’8 agosto del ’62 al Westwood Memorial Park Cemetery hanno luogo i funerali. Joe invita solo pochissimi amici e parenti dell’attrice e si preoccupa di farle avere sempre nuovi fiori: per 20 anni e tre volte la settimana, una fioraia continuerà a mettere nuove rose sulla sua tomba.


Barbara Braghin

 

Marilyn monroe | barbara braghin | coeconews |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

SoJuEn: educazione all'auto-imprenditorialità per i futuri Social Innovators

SoJuEn: educazione all'auto-imprenditorialità per i futuri Social Innovators
Sojuen è un progetto sociale dedicato ai giovani che offre un percorso incentrato sull'auto-imprenditorialità e sulla formazione di una nuova figura professionale: il Social Innavotor. Il corso si svolgerà presso il Quartiere Porto a Bologna a partire dal 26 Gennaio 2016. L'associazione Creativi108 ha lanciato un percorso di formazione in auto-imprenditorialità e citt (continua)

AMAZON PORTERÀ A CASA NOSTRA I PACCHI TRAMITE DRONI

Il progresso tecnologico è sempre in divenire, e questa volta un notevole passo in avanti spetta al mondo delle consegne; nel caso specifico al colosso Amazon. E’ di alcuni giorni fa la notizia che il sogno di Amazon potrebbe presto diventare realtà, infatti ha ricevuto una prima approvazione da parte della FAA (Federal Aviation Administration), di potere testare, per quanto riguarda il mercato (continua)

CIF9 APRE I BATTENTI: RESOCONTO DEL PRIMO WEEKEND

CIF9 APRE I BATTENTI: RESOCONTO DEL PRIMO WEEKEND
Prima giornata di grandi emozioni nel campionato di III Divisione, che si preannuncia sempre più interessante. Non sono mancate le sorprese, come la sconfitta degli Sharks Palermo a Catanzaro, dove gli Highlanders hanno meritato il successo grazie a una grande prova della difesa. 14-7 il punteggio finale. Difesa decisiva anche per i Blitz San Carlo, che superano gli Hammers grazie a un fumble nell (continua)

MARKETING: I SELFIE COME STRUMENTO D’ANALISI

MARKETING: I SELFIE COME STRUMENTO D’ANALISI
I celebri selfie che impazzano sui social network sono diventati ormai dei potenti strumenti di marketing, capaci di studiare a fondo i nostri gusti e proiettarci quindi su futuri consumi. Fino ad ora infatti le aziende si erano limitate ad analizzare serie di post pubblicati su Facebook o Twitter per cercare la strategia adatta al proprio target; ma oggi gli scenari sono in evoluzione e nascono n (continua)

TRA GAFFE E POLEMICHE HA INIZIO IL FESTIVAL DI SANREMO

TRA GAFFE E POLEMICHE HA INIZIO IL FESTIVAL DI SANREMO
Come da tradizione, ormai da diversi anni, il Festival di Sanremo non poteva non iniziare con una serie di gaffe che hanno fatto parlare e talvolta anche infuriare il mondo del web e della stampa. Seppur è sempre valida una celebre legge del marketing:”l’importante è fare parlare di sé”, sempre meglio che se ne parli in modo positivo se proprio si deve, e sempre con un certo decoro. A onor di c (continua)