Home > Cultura > ANIMALI E CASTELLI

ANIMALI E CASTELLI

scritto da: In arce | segnala un abuso

ANIMALI E CASTELLI

Serie di conferenze sul rapporto che legava animali e fortificazioni del Medioevo, del Rinascimento e dell’Età Moderna. A cura di Davide.


Animali e castelli
 
L’iniziativa Animali e castelli si è occupata dei rapporti che univano gli animali con le opere fortificate del Medioevo, del Rinascimento e dell’Età Moderna.
L’evento si è svolto nel 2012, nel 2013, nel 2014, nel 2018 e nel 2019 a Broni (Pavia), alla Spezia, a Massa (Massa e Carrara), a Cremona e a Parma.
Gli incontri di Animali e castelli sono stati organizzati per la serie itinerante di conferenze «Incontri castellani», attiva dal 2012 al 2020 in Emilia-Romagna, Liguria, Lombardia, Piemonte e Toscana.
In Animali e castelli protagoniste sono state le architetture fortilizie che per varie ragioni (combattimento, caccia, allevamento, difesa, status symbol) avevano un rapporto molto stretto con creature come cavalli, cani, pecore, gatti, bovini, topi e insetti.
Le opere fortificate non avevano soltanto funzioni difensive: erano anche strumenti di gestione e controllo del territorio, di sviluppo economico, di affermazione sociale, di rappresentazione del potere. Inevitabile che attorno a questi edifici si formassero interessi più o meno grandi e che per perseguirli si utilizzassero gli animali.
Ciascun appuntamento di Animali e castelli ha esplicato questi rapporti portando diversi esempi di strutture fortilizie. Nel complesso, sono state citate opere difensive situate nei territori di Albenga (Savona), Belgioioso (Pavia), Borgo San Giacomo (Brescia), Castelvecchio di Rocca Barbena (Savona), Colli Verdi (Pavia), Ferriere (Piacenza), Hofgeismar (Kassel), Levanto (La Spezia), Maccastorna (Lodi), Milano, Mombasa, Orzinuovi (Brescia), Pandino (Cremona), Porto Venere (La Spezia), Roccabianca (Parma), Santo Stefano d’Aveto (Genova), Soncino (Cremona) e Vigevano (Pavia).
La direzione delle conferenze è stata compito di Davide, che è anche l’ideatore della rassegna «Incontri castellani».
L’illustrazione dello storico non si è limitata all’architettura e alla cronistoria: ha affrontato anche argomenti quali ambiente, arte, cultura, curiosità, economia, personaggi e società.
Lo stile di conduzione che Davide ha tenuto durante i cinque appuntamenti è stato vivace, coinvolgente, brioso, a tratti ironico.
 
L’iniziativa Animali e castelli si è tenuta a Broni (Pavia, Lombardia), La Spezia (Liguria), Massa (Massa e Carrara, Toscana), Cremona (Lombardia) e Parma (Emilia-Romagna) con il seguente calendario: il 27 settembre 2012 alla Villa Nuova Italia di Broni (Piazza Vittorio Veneto, 41); il 30 novembre 2013 al Centro «Dialma Ruggiero» della Spezia (Via Claudio Monteverdi, 117); il 3 dicembre 2014 presso il Parco di Ronchi a Massa (Via Gaetano Donizetti, 1); il 20 ottobre 2018 al Parco Bastioni di Porta Mosa a Cremona (Via Gaspare Pedone); il 2 marzo 2019 alla Cittadella di Parma (Viale delle Rimembranze, 5). L’iniziativa è stata ideata, organizzata e condotta da Davide per la serie itinerante «Incontri castellani» (edizioni 2012, 2013, 2014, 2018 e 2019). Le tappe di Cremona e di Parma sono state preparate da «In arce» e da «Lombardia sforzesca». Quelle di Broni e della Spezia, rispettivamente, sono state organizzate in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Broni e con gli Archivi Multimediali «Sergio Fregoso». Per informazioni: Facebook incontricastellani; e-mail e v e n t i @ i n a r c e . c o m; telefono 3 4 9  2 2 0 3 6 9 3; Web Animali e castelli.

Fonte notizia: https://www.tansini.it/it/animali-e-castelli.html


Emilia-Romagna | Liguria | Lombardia | Toscana | Cremona | La Spezia | Massa | Massa e Carrara | Parma | Pavia | Broni | Incontri castellani | storia | architettura | arte | cultura | economia | politica | castelli | Medioevo | Rinascimento | Eta Moderna | Davide Tansini | Davide | Tansini |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Regione Friuli Venezia Giulia apre confronto con Associazione Castelli del Ducato


Weekend 30 maggio - 2 giugno 2020: riaprono rocche, fortezze e giardini del circuito Castelli del Ducato


Trasporto Aereo Animali Domestici AIRIMPEX sas


Trasporto Aereo Animali Vivi AIRIMPEX spedizioni aeree internazionali


Intervista di Alessia Mocci a Brina Maurer: vi presentiamo Vocabolari e altri vocabolari


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

INTRECCI

INTRECCI
Le opere di Erminio Tansini in mostra fra le mura della Fortezza Firmafede di Sarzana dal 10 al 26 giugno. Esposizione a cura di Davide. Intrecci   La mostra d’arte Intrecci si svolgerà nella Fortezza Firmafede di Sarzana da venerdì 10 a domenica 26 giugno 2022. L’esposizione focalizzerà l’attenzione sull’opera di Erminio Tansini nei campi della pittura, della scultura e della fotografia. L’evento presenterà alcune decine di lavori (dipinti a olio su tela o su tavola, scatti fotografici, sculture in bronzo o in legno) che (continua)

BRIGANTI, PIRATI E FRONTIERE

BRIGANTI, PIRATI E FRONTIERE
Uno spettacolo di narrazione storica ideato e condotto da Davide ha portato in scena dal 2017 al 2019 le vicende di predoni, contrabbandieri, spie e avventurieri che si aggiravano fra Valpadana, Appennino e Mar Ligure durante il basso Medioevo, il Rinascimento e l’Età Moderna. Briganti, pirati e frontiere Dal 2017 al 2019 si sono svolte in Emilia-Romagna, in Lombardia e in Liguria le tappe della narrazione storica intitolata Briganti, pirati e frontiere.La trama dello spettacolo è dedicata al territorio che va dal Mar Ligure alla Valpadana centrale passando per l’Appennino settentrionale: la sua storia e quella delle sue intricate e plurisecolari frontiere.Le aree (continua)

FORME SFUGGENTI #94 – ROCCA DI GUSALIGGIO

FORME SFUGGENTI #94 – ROCCA DI GUSALIGGIO
Ha fatto tappa nell’Appennino emiliano la serie di shooting fotografici «Forme sfuggenti», dedicata alle sculture di Erminio Tansini e diretta da Davide. Forme sfuggenti #94Rocca di Gusaliggio Alla metà dell’aprile 2022 la Valmozzola, nell’Appennino Ligure, ha accolto il 94º evento della rassegna itinerante «Forme sfuggenti», intitolato Rocca di Gusaliggio.La serie è dedicata alle sculture in legno che Erminio Tansini realizza con ceppi, rami, radici e tronchi recuperati dalle spiagge marine e dai greti dei torrenti montani.«Forme sfuggenti» a (continua)

CASTELLI DELLA VALTARO MEDIEVALE E RINASCIMENTALE

CASTELLI DELLA VALTARO MEDIEVALE E RINASCIMENTALE
Due conferenze hanno raccontato l’architettura fortificata del Medioevo e del Rinascimento nelle valli del Taro e del Ceno. A cura di Davide. Castelli della Valtaro medievale e rinascimentale La coppia di conferenze Castelli della Valtaro medievale e rinascimentale ha preso in esame le architetture fortificate poste nelle valli parmensi del Taro e del Ceno.Gli incontri si sono svolti nel 2012 e nel 2014 rispettivamente a Borgo Val di Taro e a Berceto. I due eventi sono stati condotti da Davide.Gli appuntamenti di Castelli della Val (continua)

FORME SFUGGENTI #93 – CASTELLO DI PADENGHE

FORME SFUGGENTI #93 – CASTELLO DI PADENGHE
L’antico castello di Padenghe sul Garda è stato lo scenario del 93º set fotografico della serie «Forme sfuggenti», diretta da Davide e dedicata alle sculture di Erminio Tansini. Forme sfuggenti #93Castello di Padenghe Nella seconda metà del marzo 2022 Padenghe sul Garda ha ospitato il 93º appuntamento della serie itinerante «Forme sfuggenti», dal titolo Castello di Padenghe.La rassegna è dedicata all’opera artistica di Erminio Tansini: in particolare, alle sculture in legno che l’autore realizza con ceppi, radici, rami e tronchi rinvenuti sui greti dei torrenti e sul (continua)