Home > Economia e Finanza > Preoccupazione di ASSISTAL sullo stralcio delle norme sulla qualifica delle superspecialistiche

Preoccupazione di ASSISTAL sullo stralcio delle norme sulla qualifica delle superspecialistiche

scritto da: Ufficio Stampa Assistal | segnala un abuso


 

Il Consiglio dei Ministri, nella seduta del 18 giugno scorso ha approvato il nuovo Regolamento di attuazione del Codice dei Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture.
 
La nuova norma, in attesa della registrazione da parte della Corte dei Conti e della successiva pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, offre la possibilità ad imprese non appartenenti al settore impiantistico e, comunque, non adeguatamente qualificate, di candidarsi, ancora una volta, a coordinare la filiera delle costruzioni secondo criteri che si riteneva appartenessero ormai al passato.
 
Il testo, dopo lungo esame da parte del Ministero delle Infrastrutture, è, infatti, approdato in Consiglio dei Ministri privo dell’“Allegato A1”, vale a dire di quel documento che nel codice dei contratti pubblici aveva puntualmente individuato sia le caratteristiche tecnico-organizzative che un’impresa che realizza opere superspecialistiche deve possedere , sia una serie di lavorazioni corrispondenti ad altrettante categorie che possono e devono essere realizzate unicamente da imprese specificamente qualificate.
 
Oggi il Governo, con l’approvazione di un provvedimento regolamentare che vede stralciato il predetto “Allegato A1”, pone nel nulla le fondamentali previsioni in esso contenute, consentendo a una qualsiasi impresa, in possesso di requisiti assolutamente generali ma del tutto priva degli indispensabili requisiti tecnico-organizzativi, di qualificarsi per quelle opere che solo le imprese superspecializzate, nella volontà del Legislatore, erano titolate a realizzare.
 
Assistal, quale Associazione rappresentante i Costruttori di impianti tecnologici, non può in alcun modo accettare una norma che   illegittimamente fa retrocedere di oltre un decennio un comparto che, al contrario, ha assunto e sempre più continua ad assumere peso ed importanza , non solo economica, nel campo delle costruzioni.
Pare che il concetto del “ciascuno faccia quel che sa veramente fare”, non venga preso nella dovuta considerazione, nonostante Assistal abbia in più occasioni sollecitato il Dicastero delle Infrastrutture, nonché il Consiglio dei Ministri, a mantenere in vita una normativa – oltreché principio sostanziale – che sancisce l’importanza di un’adeguata qualificazione nelle lavorazioni tecnologicamente avanzate, quali gli impianti.
 
Assistal ha l’obbligo istituzionale di intervenire a tutela delle imprese rappresentate: per questo motivo si attiverà in tutte le sedi opportune per riaffermare il principio della massima qualificazione dell’impresa, che garantisce maggiore sicurezza nei cantieri in uno ad una migliore qualità dell’opera da realizzare, opera che, tra l’altro, nel caso specifico costituisce un bene pubblico.

Fonte notizia: http://www.assistal.it


appalti | pubblica amministrazione | imprese | economia | ripresa |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Videosorveglianza e privacy: aspetti giuridici e normativi


Il programma di formazione per la professione da auditor


OG11: ASSISTAL fa ricorso al TAR


Cuore, testa e corpo per partecipare a maratone e ultra e non mollare


Il fantastico mondo dell'Ultramaratona


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Decreto Fiscale:il settore impiantistico afferma finalmente i propri diritti cancellando le ingiuste sanzioni per 1 miliardo e mezzo di euro

Decreto Fiscale:il settore impiantistico afferma finalmente i propri diritti cancellando le ingiuste sanzioni per 1 miliardo e mezzo di euro
 1 miliardo e mezzo di euro: a tanto sarebbe ammontato il totale degli esborsi a carico del comparto impiantistico se il DL Fiscale, convertito in legge 225/2016 pubblicata lo scorso 2 dicembre in GU, non avesse recato l'articolo 7 quinquies, relativo all’interpretazione autentica in materia di determinazione del reddito di lavoro in trasferta. A seguito di un pericoloso e discutibile (continua)

Videosorveglianza e privacy: aspetti giuridici e normativi

Videosorveglianza e privacy: aspetti giuridici e normativi
 Assistal ha organizzato per il prossimo martedì, 27 novembre a Bari, il corso dal titolo “Videosorveglianza e privacy: aspetti giuridici e normativi”. Il corso, rivolto a  tecnici installatori, progettisti, operatori di istituti di vigilanza e a tutti i titolari e responsabili del trattamento dei dati, intende illustrare i principi fondamentali della privacy applicat (continua)

E=cc²: l’evento dedicato alla Security si concluderà a Catania il prossimo 19 giugno

E=cc²: l’evento dedicato alla Security si concluderà a Catania il prossimo 19 giugno
   La convergenza tra il mondo della Security e l'ICT è ormai un dato di fatto e le imprese impiantistiche, in questo senso, sono chiamate ad un'evoluzione epocale che rivoluzionerà, non solo il loro tradizionale modo di operare, ma più probabilmente i modelli organizzativi stessi ad oggi utilizzati. E=cc² è il Roadshow finalizzato a fornire alle impr (continua)

PMI e la crisi: come uscire dalla stretta creditizia

PMI e la crisi: come uscire dalla stretta creditizia
  Come è ormai noto, la crisi economica è dovuta principalmente alla fine di un ciclo espansivo sostenuto dall’eccesso di indebitamento del sistema finanziario (culminato nel fallimento della banca americana Lehman nel 2008) e degli Stati (culminato nell’attuale crisi dei debiti sovrani dell’area Euro).   Il processo di riduzione del debito (deleverage (continua)

OG11: ASSISTAL fa ricorso al TAR

OG11: ASSISTAL fa ricorso al TAR
  L’Associazione chiede l’annullamento dei nuovi criteri per la qualificazione nella categoria OG11      L’Associazione Nazionale Costruttori di Impianti, che già aveva manifestato al legislatore la propria preoccupazione in merito alle possibili conseguenze dell’approvazione del Nuovo Regolamento di attuazione del Codice dei Contratti Pubbli (continua)