Home > Ambiente e salute > La depressione. Cos'è e come se ne esce.

La depressione. Cos'è e come se ne esce.

scritto da: Aurelia | segnala un abuso

La depressione. Cos'è e come se ne esce.


Quando si è depressi si vive una profonda sofferenza, niente dà più piacere, nessuna attività interessa più. Tutto diventa grigio. Non si ha voglia di alzarsi al mattino, non si ha voglia nemmeno di lavarsi e pettinarsi.
Nessuno può alleviare questo stato di profonda tristezza, per quanto le persone vicino a noi facciano, non riescono a scaldare il nostro cuore.
Non si sa perché si sta così, non ci pare di avere nessun motivo, e questo ci fa
sentire ancora più in colpa e ci fa sprofondare ancora più giù.
Perché ci succede tutto questo? Spesso cerchiamo cause esterne, e molte volte non si trovano, tutto va bene, ci diciamo. Altre volte si possono trovare delle cause scatenanti, come perdite, fallimenti, lutti ecc. ma a quel punto ci si chiede: "perché
io me la prendo così tanto, mentre lui/lei riesce ad affrontare meglio?"
Ciò che ci aiuta ad andare avanti è: la fiducia in noi stessi, la fiducia nel mondo.
La fiducia in sé, è l'idea che noi abbiamo di noi stessi, che deve essere fondamentalmente positiva. L'idea cioè, che al di la dei risultati concreti, siamo
delle belle persone, in grado di affrontare la vita, capaci di amare e di essere amate,
capaci di proteggerci e di orientarci nel mondo.
La fiducia nel mondo è l'idea che nel mondo ci siano delle brave persone che ci
circondano e, se abbiamo bisogno, qualcuno su cui contare, a cui potersi affidare,
con la serenità e la sicurezza di essere in buone mani. Questa capacità fa si che
possiamo dipendere dagli altri in modo sano e costruttivo.
Nel momento del bisogno, questa capacità ci permette di chiedere, di chiedere alle
persone giuste e di ricevere, quindi di rafforzarci ulteriormente, e stare sempre
meglio.
Come si sviluppano la fiducia in sè e nel mondo? Molto semplicemente si
sviluppano dalle buone esperienze di accudimento: quando un bimbo si sente tra le
braccia amorevoli della mamma, quello che sente a livello emotivo profondo
potrebbe essere tradotto così: "io sono speciale e il mondo è buono".
Questo sentire emotivo viene impresso nel corpo e nelle viscere li si avverte la
fiducia in sé e nel mondo.
Se qualcosa va male, cosa succede? Se la mamma è emotivamente distante, o
aggressiva, o scostante il bimbo non vivrà quell'esperienza di pace con sé e con il
mondo, di cui abbiamo parlato prima, non si sentirà amato, sentirà che qualcosa
non gira. Incomincerà a chiedersi a livello profondo perché.
E qui si perde la fiducia in sé. In aggiunta, l'esperienza primaria poco fortunata
darà l'impronta alle relazioni future, nel senso che ci si aspetterà di avere il
medesimo servizio anche da nuove persone che si incontreranno nel futuro, da qui
la sfiducia nel mondo e l'incapacità di dipendere.
Il mondo interno della persona depressa risulta quindi deserto e vuoto, tutto nero
perché non ci sono buone immagini, ne di sé, ne degli altri.
Come si può uscire dalla depressione? La risposta nasce spontanea: rinforzando
la fiducia in sé e nel mondo.

La cura farmacologica può aiutare, aiuta nel momento dell'emergenza, fa stare
meglio. Spesso è necessaria, ma non risolve il problema.
Come può la psicoterapia psicodinamica aiutare una persona depressa? Dobbiamo
tenere presente che non sono le esperienze passate in sé, per quanto dolorose e
negative, a farci stare male, ma quello che ci fa stare male è il nostro modo di
funzionare dal punto di vista emotivo, che  però può essere modificato.
Proprio su questo agisce la psicoterapia psicodinamica: attraverso il metodo delle
libere associazioni e grazie alle interpretazioni del terapeuta la persona capisce come funziona il proprio cuore, e su questo può agire modificandosi.
Sembra un percorso molto semplice e lineare, ma non lo è, al contrario è molto doloroso, perché significa riaccendere emozioni sopite, significa fare i conti con il dolore provato, con la rabbia, con la delusione.
È un percorso lento e difficile che ci permette di recuperare la fiducia in noi stessi
e negli altri.
Per avere un elenco completo e gratuito di psicologi specializzati nel trattamento degli stati depressivi è possibile consultare on line il sito www.psicoitalia.it


 


Fonte notizia: http://www.psicoitalia.it/informazioni/psicologi/area-pubblica/la-depressione-cose-e-come-se-ne-esce.html


depressione | psicologidepressione | psicoitalia | psicoterapiapsicodinamica |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Racconti schizofrenici di Stefano Porcu e Bruno Furcas - Edizioni Psiconline, dal 17 settembre in libreria

Racconti schizofrenici di Stefano Porcu e Bruno Furcas - Edizioni Psiconline, dal 17 settembre in libreria
Racconti schizofrenici. Vivere la malattia mentale attraverso gli occhi di operatori, pazienti e familiari di Stefano Porcu e Bruno Furcas, nella Collana A Tu per Tu, illustrazioni di Emanuele Musiu sarà disponibile in libreria dal 17 settembre. Gli autori hanno raccolto attraverso brevi racconti, delle storie che tratteggiano stralci di vita ed esperienza di persone con sofferenza menta (continua)

Edizioni Psiconline presenta l'anteprima delle novità editoriali

Edizioni Psiconline presenta l'anteprima delle novità editoriali
Dal 12 al 23 agosto 2015 Edizioni Psiconline chiuderà per le ferie estive, ma la nostra Redazione è da tempo impegnata per la preparazione di numerose e interessanti novità editoriali: Racconti schizofrenici, Scegliere il cambiamento, Ilcinquantaduepercento, sono soltanto alcuni titoli delle prossime pubblicazioni. Da settembre in tutte le librerie: Racconti schizofrenici (continua)

Chi è lo psicologo del lavoro?

Chi è lo psicologo del lavoro?
Lo psicologo del lavoro, le sue principali aree di attività e le sue competenze sono l'argomento dell'articolo pubblicato su www.psicologi-italiani.it dal titolo Chi è lo psicologo del lavoro? di Angela Chiara Leonino laureata in Psicologia Clinica e della Salute, all’Università “G. D’Annunzio” di Chieti. Lo Psicologo del lavoro è lo specialista (continua)

Intervista a Francesco Codato sul suo nuovo saggio Che cos’è la malattia mentale - Edizioni Psiconline

Intervista a Francesco Codato sul suo nuovo saggio Che cos’è la malattia mentale - Edizioni Psiconline
Sebbene la malattia mentale venga identificata quale male epocale, non esiste nessuna definizione precisa che persuada tutti gli animi su cosa essa sia. Francesco Codato nel suo nuovo saggio Che cos’è la malattia mentale cerca di ovviare a questo problema prendendo ad esame le risposte che le differenti discipline (psichiatria, storia, antropologia, sociologia, filosofia, religione, (continua)

Antonio Rinaldi e il metodo A.T.D.R.A. per il trattamento dei bambini autistici, sulla stampa degli ultimi giorni.

Antonio Rinaldi e il metodo A.T.D.R.A. per il trattamento dei bambini autistici, sulla stampa degli ultimi giorni.
Antonio Rinaldi nel suo libro Leggere il silenzio. Lavorare con i bambini autistici (collana Strumenti) - Edizioni Psiconline fornisce un esempio concreto di come si possa lavorare con un bambino autistico, il metodo che egli stesso ha adottato e continua ad adottare: il trattamento in acqua (surf-therapy). L’autore descrive il percorso in piscina e quello in mare (il surfing), delineandone (continua)