Home > Internet > SIXTHCONTINENT FA IL SUO INGRESSO UFFICIALE NEL MERCATO DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA

SIXTHCONTINENT FA IL SUO INGRESSO UFFICIALE NEL MERCATO DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA

scritto da: Vittoria | segnala un abuso


La card che aderisce al circuito SixthContinent consente di accumulare punti da acquisti effettuati da parte di milioni di consumatori in tutte le catene affiliate

Milano, 15 aprile 2014 - SixthContinent, il social network nato con lo scopo di modificare l’economia mondiale attraverso l’orientamento dei consumi, che ha registrato in poche settimane l’adesione di 20.000 utenti e di migliaia di attività commerciali in tutta Italia, ed ha già distribuito reddito di cittadinanza per oltre 130.000 euro a cittadini e imprese virtuose, entra nel mercato della Grande Distribuzione Organizzata, ovvero quelle realtà commerciali che vantano una vasta rete di distribuzione sul territorio nazionale ed utilizzano un programma ‘fidelity’.

Da oggi le Imprese della G.D.O., come le catene di supermercati e di negozi e i distributori di carburanti che utilizzano una carta fidelity per i propri clienti, possono  aderire al circuito internazionale SixthContinent, mantenendo la propria Card e le proprie strategie commerciali e di marketing, ma al contempo  trasformando la propria card da ‘mono-contribuente’ e ‘mono-impresa’ a multi-contribuente e multi-azienda.”- spiega Fabio Deghenghi, Presidente di SixthContinent - “In questo modo il titolare della fidelity card vedrà il proprio saldo aumentare grazie alle transazioni tra migliaia di consumatori, imprese e negozi aderenti a SixthContinent”.

La soluzione SixthContinent GDO è stata rilasciata a seguito dello studio effettuato presso due importanti imprese italiane diffuse su tutto il territorio nazionale, relativo all’adesione al programma, ha rilevato i seguenti vantaggi:

1.      Il titolare vede crescere il proprio saldo punti, anche di 100 volte superiore rispetto a prima, ma, a differenza di prima, senza dover necessariamente spendere. Infatti il valore della card viene alimentato non solo dalle proprie spese, ma anche dagli acquisti effettuati dagli altri consumatori presso aziende o negozi diversi dall’azienda che ha emesso la card, purché siano affiliati a SixthContinent. “La ridistribuzione del denaro avvantaggia tutti i cittadini, non solo chi ha effettuato gli acquisti presso un determinato negozio – spiega Fabio Deghenghi – con il programma SixthContinent per la GDO, una percentuale della spesa effettuata dai cittadini presso i negozi affiliati viene ridistribuita fra tutti i cittadini, incrementando quindi il reddito di ognuno”.

2.      L’impresa risparmia circa il 40% dei costi accantonati per il programma fedeltà. “Il 70% del fatturato delle aziende della GDO passa attraverso le fidelity card. Di quel 70% il supermercato accantona circa l’1%, che riutilizza poi per il cash back dei clienti. SixthContinent chiede alle aziende una percentuale dello 0,60% sugli acquisti, che viene ridistribuita tra i Cittadini, il che significa un risparmio del 40%. Cifre considerevoli se si considera il fatturato su cui vengono calcolate”, spiega ancora Deghenghi.

3.      L’impresa registra un aumento dell’utile netto pari circa allo 0,30% del fatturato annuo: “Deriva dal risparmio sull’accantonamento: lo 0,40% sul 70% sul quale è calcolato corrisponde a un 30% in più che rimane nelle casse dell’azienda”.

4.      L’impresa mantiene la propria Card, le proprie politiche marketing, e riceve da SixthContinent, tramite file, ogni notte, l’aggiornamento dei saldi delle Card emesse, cosicché la procedura di utilizzo della fidelity card alla cassa non subisce alcuna modifica.

Con il programma dedicato alla GDO, riusciremo a crescere a ritmi ancora più rapidi, contribuendo ai consumi delle famiglie, mentre le imprese virtuose avranno la possibilità di incrementare immediatamente i profitti. In soli 6 mesi, in Italia, circa 20.000 persone si sono iscritte a SixthContinent in maniera totalmente spontanea e virale, invitando altre persone e negozi, che crescono a ritmo di una trentina di affiliazioni giornaliere. Anche i market manager sono aumentati, ora sono 600 in tutta Italia e guadagnano fra i 1.000 e i 4.000 euro al mese”, conclude Fabio Deghenghi.


Fonte notizia: http://www.sixthcontinent.com/


social | economia | sostenibile | grande distribuzione organizzata |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


NAPOLI CITTÀ DELLA CONVERSAZIONE


Rugby: la tua Passione


CAPODANNO BAIA IMPERIALE 2012 RIMINI Info 338-2780899 Pacchetti Hotel Disco Prenotazioni Tavoli Prevendite Biglietti Liste


Incrementa la quota di mercato e le vendite globali con Findinitaly


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

I 5 PASSI PER EMERGERE NEL PROPRIO MERCATO E DIVENTARNE UN VOLTO NOTO

I 5 PASSI PER EMERGERE NEL PROPRIO MERCATO E DIVENTARNE UN VOLTO NOTO
Negli ultimi tempi fioriscono gli appelli a “rendersi unici”, ad essere una “mucca viola”, come recita l’omonimo e ormai celebre libro del guru del marketing americano Seth Godin, a distinguersinel proprio mercato di riferimento, sia esso un ambito di business, un settore professionale o il mercato del lavoro stesso. Eppure nessuno fino ad oggi aveva codificato e spiegato come fare. In un mercato (continua)

SALUTE: ARRIVA ‘LA TUA SVOLTA AL DOLORE’, LA PRIMA GUIDA PRATICA PER CREARE IL PROPRIO PERCORSO DI GUARIGIONE E LIBERARSI DALLA FIBROMIALGIA

La fibromialgia è una patologia subdola, caratterizzata da un dolore cronico e diffuso in tutto il corpo che può portare a livelli anche pesanti di inabilità. In Italia colpisce approssimativamente 1.5 – 2 milioni di persone. La causa specifica non è ancora stata riconosciuta, ma sono stati individuati alcuni elementi tipici che contraddistinguono questa patologia e che si associano al dolore. “ (continua)

CALO DI ASSUNZIONI PARI AL 10% NEI PRIMI MESI DEL 2016 RISPETTO AL 2015. IL PRESIDENTE DI CONFLAVORO ROBERTO CAPOBIANCO: GLI INCENTIVI NON BASTANO, IL GOVERNO SI OCCUPI DI POLITICHE ATTIVE PER LE IMPRESE

Lucca, 21 settembre 2016 - Jobs Act, segnali di frenata. Conflavoro PMI, associazione di categoria che offre ai soci assistenza e affiancamento per servizi come la gestione effettiva dei Contratti Collettivi Nazionali del Lavoro, chiede al Governo di intervenire ancora sul costo del lavoro a tempo indeterminato per renderlo più conveniente per le aziende, rispetto alle altre forme contrattuali. (continua)

MATTONE INTERNAZIONALE E INVESTITORI RUSSI: NELL'ULTIMO QUINQUENNIO I RUSSI HANNO ACQUISTATO CIRCA 30.000 IMMOBILI IN ITALIA

Il mercato italiano è tornato ad essere al centro di interessi internazionali per numero di investimenti e di investitori Milano, 02 maggio - Il Bel Paese è al centro di dinamiche immobiliari internazionali. È questo quanto emerge dal confronto LIVE tenuto su RETV.it, la web tv dedicata al Real Estate italiano, condotta da Diego Caponigro esperto di digitale nell’immobiliare e Gerardo Pater (continua)

REAL ESTATE: ARRIVA PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA IL MASTER CRS

REAL ESTATE: ARRIVA PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA IL MASTER CRS
In esclusiva, a Roma si svolgerà il primo master per ottenere la certificazione internazionale come ‘Specialista Residenziale Certificato’ Milano, 1 aprile 2016 – In arrivo una vera e propria rivoluzione nel settore dell’immobiliare: per la prima volta in Italia sarà possibile ottenere la Certified Residential Specialist Designation, la più alta qualifica professionale conferita nel campo dell (continua)