Home > Economia e Finanza > Energia marina: scopri un potenziale …oceanico!

Energia marina: scopri un potenziale …oceanico!

scritto da: Elamedia | segnala un abuso


Tra le energie rinnovabili si parla spesso di eolico e del sole, ma un grande potenziale viene anche dal mare e dal moto ondoso. Con energia marina, infatti, o energia pelagica si intende l'energia che si produce sfruttando il moto ondoso dei mari e degli oceani.

Le tecnologie studiate e applicate per l’ “estrazione” di energia marina sono varie e complesse.

Il potenziale energetico dei mari

I ricercatori sono convinti che l’energia oceanica possa rappresentare una fonte di energia rinnovabile molto più affidabile di quelle già in essere e potrebbe soddisfare ampiamente il fabbisogno energetico globale. L'ammontare delle risorse energetiche oceaniche è stimato tra i 4000 e i 18000 MToE (milioni di tonnellate di petrolio equivalenti), molto più del fabbisogno elettrico mondiale.

Si è calcolato che il valore dell'energia contenuta nelle onde quando si infrangono lungo i litorali e le coste di tutto il mondo è compreso tra i 2 e 3 milioni di megawatt, pari alla quantità prodotta da 3000 centrali elettriche di grandi dimensioni.

Quali sono le principali tecnologie sviluppate per estrarre energia marina?

In linea di principio è possibile convertire almeno quattro tipi di energia presenti nel mare: quella delle onde, delle correnti, delle maree e del gradiente termico tra superficie e fondali. Le tecnologie per estrarre energia dai mari sono diverse:

- fluidodinamiche (correnti, onde, maree o mareomotrici;

- di gradiente termico (talassotermica - OTEC);

- salino (osmotica).

Tecnologie a gradiente termico

Gli oceani si caratterizzano per una forte differenza di temperatura fra la zona superficiale e quella più in profondità: nelle zone tropicali si passa dai 29° ai 5° C. nel raggio di un km scendendo verso i fondali. Questa “escursione” termica è utile da sfruttare come energia. Già alla fine dell’800 un fisico francese, Jacques Arsene d’Arsonoval, ne aveva intuito le potenzialità.

Le macchine termiche possono sfruttare questa differenza per ottenere energia meccanica e da questa quella elettrica. L’efficienza di questi sistemi, però, non è elevata (intorno al 5%) ma dato che la quantità di energia termica accumulata nell'oceano è elevata, con questi sistemi è possibile ottenere enormi quantità di elettricità.

Tecnologie fluidodinamiche

Per sfruttare il moto ondoso si utilizzano, invece, dei galleggianti ancorati al fondo del mare che si “avvolgono” e “svolgono” sull’asse di un alternatore, oppure catturano il movimento dell’aria al di sopra delle onde. Un'altra possibilità è l'impiego dell'energia delle correnti marine con sistemi simili agli impianti eolici. La principale differenza è nella struttura delle eliche, a causa della densità molto maggiore dell'acqua rispetto all'aria, e di una velocità mediamente più bassa.

Lo sfruttamento delle maree è un altro modo per produrre energia dal mare. Gli impianti di produzione sono simili a quelli idroelettrici: con l'alta marea viene riempito un bacino chiuso da una diga che trattiene l’acqua; con la bassa marea la diga viene aperta e viene ricavata energia dalla caduta dell'acqua. Alla marea successiva il bacino viene riempito nuovamente. Oggi esistono diverse centrali che sfruttano l'energia delle maree anche se non si è ancora giunti a sistemi ottimali capaci di sfruttare al massimo questa energia.

I paesi leader nello sfruttamento dell’energia marina

Sono ancora poche le centrali che sfruttano l’energia proveniente dal moto ondoso dei mari, ma si stima un incremento nei prossimi anni.

Attualmente, il Nord Europa e in particolare la Scozia sono leader nella ricerca. La posizione di questo territorio, comprendente le isole Islay, Jura e Orcadi, consente di sfruttare l’energia prodotta dall’incontro fra le acque dell’Oceano Atlantico e il Mare del Nord, dove le onde che toccano la costa raggiungono anche i 10 mt di altezza.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Axpo Italia scommette sulle rinnovabili e sui sistemi di accumulo con il progetto Sunny Home


Scopri Milano con i bus turistici di Open Tour Milan


Una vacanza economica, nella Riviera Romagnola con pacchetti all inclusive


Brulli Energia si racconta nel nuovo blog


Mare e divertimento in Slovenia: Terme Catez propone pacchetti con ingresso all’acquapark


A dieta: capire le calorie


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Giro delle Fiandre

Giro delle Fiandre
 Una delle gare di un giorno più importanti nel ciclismo è il Giro delle Fiandre, che si annovera tra le grandi classiche del Nord, e che ha visto negli anni vincere i grandi campioni  dello sport. Questa particolare gara  porta ogni anno  vede moltissimi atleti con le loro biciclette e gli accessori per mtb darsi battaglia per la vittoria finale, in una spl (continua)

Smaltimento dei liquami

Smaltimento dei liquami
Lo smaltimento dei liquami è una componente importante dello smaltimento rifiuti roma , si tratta dell’insieme dei processi impiegati nella raccolta, nel trattamento e la depurazione delle acque di scarico civili e industriali. La questione della depurazione dei liquami è venuto a galla in maniera evidente agli inizi degli anni Settanta, con la questione dell'inquinamento ambie (continua)

Scarafaggi in casa: cosa fare

Scarafaggi in casa: cosa fare
Può capitare di condividere la casa con piccoli e fastidiosi coinquilini: insetti, scarafaggi, cimici. Spesso escono fuori dopo interventi strutturali all’appartamento, spostamento dei mobili o la ristrutturazione bagno Roma e in altre grandi città, dove le fognature sono più facilmente “attaccabili”. Niente paura comunque, non vuol dire necessariamente che v (continua)

Smaltimento dell’acciaio: come avviene

Smaltimento dell’acciaio: come avviene
Tra i materiali più diffusi ed utilizzati per la costruzione e creazione di oggetti di vario genere e tipo, vi è sicuramente l’acciaio, specie se si tratta di oggetti tecnologici. Molte volte però, può succedere di dover gettare via un oggetto in acciaio, in quanto non servirà più o ha terminato la sua funzione. Una volta gettato, come tutti gli altr (continua)

Roma: arte e architettura

 Roma, la città eterna, la capitale della cultura, dell’arte, della storia; in molti modi questa città, nel corso dei secoli, è stata definita da coloro che hanno potuto visitarla, studiarla ed apprezzarla appieno. Tutti attributi e fama, giustificatissima, che Roma nel corso degli anni si è conquistata grazie alle mille meraviglie che possiede, ai tesori nas (continua)