Home > Lavoro e Formazione > Certificazione energetica cos’è, a cosa serve e come si ottiene

Certificazione energetica cos’è, a cosa serve e come si ottiene

articolo pubblicato da: comunicatistampa13 | segnala un abuso

La certificazione energetica è un attestato con l’attribuzione di specifiche classi prestazionali. Si tratta di uno strumento di orientamento del mercato nella direzione della valutazione degli edifici con il miglior rendimento energetico. Questo permette ai cittadini di poter valutare che prestazione energetica ha un edificio e successivamente può confrontarla con valori tecnicamente raggiungibili, all’interno di un bilancio costi/benefici. Per ottenere l’attestato di certificazione energetica occorrono dei documenti specifici in modo tale da poter lavorare in maniera precisa su tutto l’edificio. Possiamo per esempio annotare una planimetria dell’abitazione, l’anno di costruzione dell’immobile, la provincia e la città di locazione dell’edificio, i dati e le carte catastali del suddetto immobile, le caratteristiche di isolamento e, se è disponibile, il documento relativo alla legge 10/91. Ci sono dei casi in cui l’attestato di certificazione energetica è obbligatorio. Per esempio se l’edificio è di nuova costruzione, se c’è bisogno di fare un intervento di ristrutturazione che includa un ampliamento del volume dell’edificio, se si vuol fare un intervento che coinvolge più del 25% della superficie disperdente dell'edificio; nel caso in cui si vuol recuperare a fini abitativi un sottotetto esistente; si vuol accedere agli incentivi, per esempio alla detrazione fiscale del 55%; vendere o acquistare un edificio o un'unità immobiliare; si vuol stipulare un contratto di affitto riferito ad una o più unità immobiliari; voler intervenire sull'impianto termico compresa l'installazione di uno nuovo o la sostituzione del generatore di calore. Possiamo passare adesso a parlare di cosa certifica l’attestato di certificazione energetica. Per il calcolo della certificazione energetica il tecnico deve valutare una serie di aspetti, a partire dalla zona climatica. Quindi dovrà valutare la posizione e l'orientamento dell'edificio, le sue caratteristiche termiche, l'impianto di condizionamento e di ventilazione, di riscaldamento e di produzione dell'acqua sanitaria, nonché la presenza di sistemi ad energia rinnovabile e pulita (fotovoltaico, eccetera). Infatti, secondo le linee guida per la certificazione energetica, la prestazione energetica complessiva di un immobile si può esprimere con l'indice di prestazione energetica globale EPgl, che altro non è che la sommatoria di altri indici e cioè di EPi, ossia l'indice che rappresenta la prestazione energetica per la climatizzazione invernale, di EPacs, e cioè l'indice di prestazione energetica per la produzione di acqua calda sanitaria, di EPe, ossia l'indice di prestazione energetica per la climatizzazione estiva e di EPill, ossia l'indice di prestazione energetica per l'illuminazione artificiale. Si tenga conto che, come dicono le linee guida, nel caso di edifici residenziali tutti gli indici sono espressi in kWh/mq all'anno, mentre nel caso di altri edifici (residenze collettive, terziario, industria) tutti gli indici sono espressi in kWh/m3 all'anno. Espletate queste valutazioni (eventualmente supportate da strumentazione idonea e da software dedicati), il tecnico sarà in grado di assegnare l'indice di prestazione energetica e dunque la classe energetica di merito.

Certificazione energetica | attestato di certificazione energetica | certificazione energetica edifici |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Check-up energetico Immobili: anche nel salento arriva la Certificazione Energetica di Qualità


Certificazione Impianto Elettrico, Eccoi Perchè È Importante


ICIM OTTIENE L’ACCREDITAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SERRATURIERI E DEI TECNICI DI CASSEFORTI PROFESSIONISTI


EDILIZIA GREEN IN ITALIA: CRESCE L’ECONOMIA E MIGLIORA L’AMBIENTE


ICIM consegna a BREMA ICE MAKERS il certificato MOCA - Materiali e Oggetti a Contatto con gli Alimenti


Riqualificare gli edifici con la certificazione energetica


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Ice Cream Brighton: How To Make The Real Gelato

At the beginning, there wasn’t the development of the modern refrigeration. Ice cream Brighton was, for this reason, just a sentence said for talk about a luxury reserved for very special occasions. Making it was laborious and quite difficult; ice was cut from lakes and mountains during the winter, after it was stored in holes in the ground or, if it was possible, in brick ice houses. It was (continua)

Ice cream Brighton: origins and importation, from Arabia to England

Ice cream Brighton: origins and importation, from Arabia to England
Ice cream. That’s the word of our interest. Everybody knows the tasty and the pleasure that this meal can give to you, but where the “gelato” comes from? And how he could extend in the world passing from Ice cream Italia to Ice cream Brighton? Ice cream is a frozen food, usually eaten as a snack or dessert. Is made from dairy products, the base of this meal is milk and cream, in (continua)

Logistica Milano: il fondamento del lavoro nel mondo

Logistica Milano, una maestranza attiva e fondamentale che parte dalla necessità di trasportare e raggruppare prodotti. Si potrebbe azzardare definendo la logistica come la più importante materia in grado di basare tutto il lavoro presente all’interno del mondo lavorativo. Come spesso capita si conosce un vocabolo ma non si ha presente la precisa connotazione di questo; ed &egr (continua)

Logistica Milano: i 5 rami più importanti di questa materia

Parlando di Logistica Milano dovremmo necessariamente partire da diverse e molteplici definizioni che si incrociano tra loro per differenza di ampiezza della visione con cui viene considerata questa materia. Nonostante questo, è stata creata una definizione che riesce a racchiudere la logistica e la etichetta come l’insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche (continua)

Logistica Milano, dal magazzino alla partnership

Logistica Milano, una frase che spesso viene citata nell’ambito lavorativo. Siamo d’accordo che questa materia si occupi della gestione integrata dei magazzini ma forse non è molto chiaro come funziona sul piano gestionale. Gli amministratori delle aziende logistiche parlano di una suddivisione gerarchica essenziale al buon funzionamento di un’azienda. Partendo dall&rsquo (continua)