Home > Sport > Il ruolo dello Sport Coach secondo Giuseppe Iozzia

Il ruolo dello Sport Coach secondo Giuseppe Iozzia

scritto da: Cronacheweb | segnala un abuso

Il ruolo dello Sport Coach secondo Giuseppe Iozzia


Giuseppe Iozzia ha incominciato a giocare a tennis all’età di solo 6 anni facendo dello sport la sua unica passione. Laureato in Scienza Motorie e Sportive e preparatore fisico di 1°grado FIT (Federazione Italiana Tennis) ha anche ottenuto la certificazione internazionale di Certified Mental Coach presso CMC Italia, sede operativa italiana di Mental Training USA.

Giuseppe Iozzia attraverso il suo ruolo di mental coach ha un unico scopo: aiutare i giovani atleti a riconoscere il proprio POTENZIALE e a sfruttarlo al meglio sul campo. Far accrescere la loro AUTOSTIMA e renderli degli atleti AUTOSUFFICIENTI e COMPLETI.

I giovani futuri del tennis italiano: illustra Giuseppe Iozzia

Giuseppe Iozzia spiga che in realtà è un luogo comune quello di definire il tennis italiano non all’altezza del tennis spagnolo o di quello russo e in generale dell’Europa dell’Est se si fa riferimento al femminile. E la causa di questo “male” è ben chiara.

Giuseppe Iozzia ritiene che per trovare una risposta bisogna andare a scavare fino alle fondamenta e trovare le debolezze strutturali che impediscono la crescita del tennis nel nostro Paese. Sono tanti gli aspetti che vengono spesso trascurati, per mancanza di spazio o di attrezzature adeguate, primo fra tutti quello dell’età degli allevi. Ogni fascia d’età è caratterizzata dallo sviluppo di diverse abilità e capacità che precedono quelle delle fasi successive e che difficilmente possono essere “recuperate” in seguito. Questa suddivisione, racconta Giuseppe Iozzia non va considerata in modo rigido poiché il passaggio da una fase all’altra non è netto, ma avviene gradualmente e dipende da altri fattori che al momento non andremo ad analizzare.

Per Giuseppe Iozzia nelle fasi adolescenziali non è sufficiente l’abilità di un bravo preparatore fisico poichè i ragazzi in fase di sviluppo sono attratti maggiormente dai rapporti sociali che dallo sport in sé, il saper dimostrare il proprio valore in campo gioca un ruolo fondamentale ecco perché in questa fase diventa fondamentale la figura del Mental Coach, che assume il ruolo di motivatore e aiuta il giovane atleta a ritrovare la fiducia in se stesso.

Giuseppe Iozzia e il ruolo del mental coach

Il Mental Coach per Giuseppe Iozzia aiuta gli atleti a mantenere il giusto equilibrio per tirar fuori la migliore performance. E’ importante saper accettare le sconfitte ed essere in grado di valutarne e soprattutto distinguerne le cause.

L’ obiettivo di Giuseppe Iozzia è quello di indirizzare l’atleta verso la consapevolezza del proprio potenziale, ripercorrendo insieme a lui le performance positive ottenute in passato e sfruttandole nel momento in cui si ripete una situazione negativa.

Per Giuseppe Iozzia essere mental coach significa possedere uno strumento in grado di creare fiducia in se stessi e consapevolezza dei propri punti di forza. E’ fondamentale trasmettere questi valori ai giovani perché crescano con la consapevolezza della propria forza e sappiano che se credono fortemente in qualcosa prima o poi i risultati arriveranno.

coach | mental coach | sport coach | coaching | life coach |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Evento Machete Masterclass. Tutti in fila per l’aperitivo dal “Barber Coach”


Tommaso Magnani spiega come fare la pianificazione degli obiettivi


Dario Santoro, Campione Italiano Maratona: purtroppo lo sport non mi dà da vivere


I 3 valori principali del Coach Giulia Milano


MARCO ZAROTTI, CON LUCA GARAVELLI PRODUTTORE DI THE COACH


MARCIALONGA RUNNING: VINCE MOKRAJI, IVANA IOZZIA TIENE A BADA LA FAVORITA PATELLI


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Eredi Baitelli: l’azienda familiare dal successo internazionale pronta ad accogliere la terza generazione

Eredi Baitelli: l’azienda familiare dal successo internazionale pronta ad accogliere la terza generazione
Nel contesto aziendale di Eredi Baitelli si affaccia Matteo Baitelli, giovane rampollo di 24 anni che si sta formando nelle aule della facoltà di economia dell’università di Brescia per conseguire la Laurea in Economia e Gestione Aziendale. Matteo Baitelli è un giovane concreto e pienamente consapevole della realtà delle cose: sa benissimo che la preparazione acc (continua)

Chi è il coachee?

Chi è il coachee?
Il termine coachee indica colui che viene “allenato” al fine di migliorare le proprie performance. Alla domanda “chi è il coachee?” molti coach rispondono che il Coachee è una persona che sta vivendo una fase di disagio e da sola non riesce a trovare una soluzione; per questo si rivolge ad un coach che non darà consigli, ma analizzerà approf (continua)

Cosa fa un coach?

Cosa fa un coach?
Molti si chiedono cosa fa un coach e se dovessimo definire questa professione la risposta più semplice sarebbe: il  coach è una risorsa. Il suo intervento è volto a stimolare e promuovere la crescita del cliente nel pieno rispetto della sua unicità e delle sue caratteristiche individuali. Non aiuta direttamente bensì opera per favorire l’autosvilup (continua)

Stefano Barba aiuta a gestire le emozioni di un atleta professionista

Stefano Barba aiuta a gestire le emozioni di un atleta professionista
  Stefano Barba afferma che ogni atleta, se vuole migliorarsi e realizzare i propri obiettivi, deve farsi affiancare da un mental coach. Una convinzione e al tempo stesso un suggerimento, visto che parla per esperienza personale essendo stato un pluricampione di rugby. STEFANO BARBA CAMPIONE DI RUGBY Stefano Barba è stato un campione di rugby internazionale e può vantare una l (continua)

La vision di Silvia Jaramillo

La vision di Silvia Jaramillo
  Silvia Jaramillo è laureata in Gestione Aziende di Servizio e del Benessere. È un Life & Business Coach che da anni si occupa di gestione delle risorse umane. Silvia Jaramillo ha lavorato per anni come direttore delle risorse umane in un albergo 5 stelle di Lusso in Colombia. Tramite l’esperienza lavorativa Silvia Jaramillo ha capito che nelle aziende di servizio il (continua)