Home > News > Paola Lumbau illustra gli obietti vincenti di un mental coach

Paola Lumbau illustra gli obietti vincenti di un mental coach

scritto da: Cronacheweb | segnala un abuso

Paola Lumbau illustra gli obietti vincenti di un mental coach


Paola Lumbau come Life e Sport Coach, sia di vita che sportivo, cerca di trasmettere una appassionata motivazione a vincere gli ostacoli interni per ottenere risultati vincenti esterni.

Ha un motto che contraddistingue la sua vitaniente resiste a passione+determinazione”. 

Paola Lumbau e il Mental Coach

Paola Lumbau come coach, sia di vita che sportivo, cerca di trasmettere una appassionata motivazione a vincere gli ostacoli interni per ottenere risultati vincenti esterni.

Alla domanda che cos’è per te il mental coach Paola Lumbau risponde che il mental coach è un professionista che strategicamente riaccende nel cliente una passione che c’è già e lo motiva ad attivare, con la gioia di farlo, il suo potenziale innato per permettergli di raggiungere i suoi obiettivi.

Un Coach per Paola Lumbau deve sicuramente riuscire a istaurare un rapporto di fiducia con i suoi cochee e tra le sue tante competenze quelle che hanno maggior importanza sono:

·         Individuare i propri valori e la propria filosofia

·         Comunicare efficacemente con se stessi

·         Gestire il proprio stato emotivo e gestire lo stress

·         Ottimizzare il livello di concentrazione

·         Motivare gli altri e automotivarsi

 

Il target ideale per Paola Lumbau si identifica, per lo sport coaching, nei ragazzi (dalla fase preadolescenziale a quella adolescenziale) e per il life coaching, nei  ragazzi e negli adulti che hanno bisogno di entusiasmo e di fiducia in loro stessi per centrare gli obiettivi prefissati.

 

Paola Lumbau: la formazione professionale

 

Paola Lumbau è arrivata al  Mental Coaching dopo un gran numero di esperienze e seminari.

Ha partecipato al metodo  le “Costellazioni familiari” con Bert Hellinger, una forma di psicoterapia  che si basa sulla terapia familiare dove si incoraggia il soggetto ad accettare la realtà dei fatti del passato ottenendo risultati positivi attraverso fenomeni come la suggestione e l’empatia.

Paola Lumbau ha conosciuto l’armonizzazione del corpo con il metodo Resseguier che permette di riequilibrare il corpo e la mente attraverso un trattamento di rilassamento profondo. E ha studiato l’intregrazione del maschile e del femminile con Sagarprya che abbraccia 4 processi: la Procreazione, l’Accettazione, il Nutrimento e la Contemplazione.

Questi metodi hanno portato Paola Lumbau ad acquisire una profonda conoscenza psicofisica di se stessa e la consapevolezza, momento per momento dei suoi comportamenti.

Con il passare del tempo Paola Lumbau ha abbracciato una delle religioni più antiche e diffuse del mondo: il buddismo. Ha imparato a motivare se stessa per vincere con coraggio e fiducia gli ostacoli e le difficoltà della sua vita e dato i risultati positivi ottenuti ha deciso poi di farne il suo lavoro.

Oggi Paola Lumbau ha ottenuto la certificazione internazionale di Certified Mental Coach presso CMC Italia e ha un unico obiettivo: motivare le persone con una strategia empaticamente opportuna al superamento dei propri limiti.

Motivare i “clienti” con una strategia empaticamente opportuna al superamento dei propri limiti per Paola Lumbau può fare la differenza sia nella vita quotidiana sia nello sport.

coach | mental coach | sport coach | coaching | life coach |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Stefano Barba aiuta a gestire le emozioni di un atleta professionista


Maurizia Moltoni e la passione per il Mental Coach


I 3 valori principali del Coach Giulia Milano


SPORT COACHING E METODO EMDR:  INSIEME PER LA VITTORIA!


Franco Campomori da alunno a formatore.


Evento Machete Masterclass. Tutti in fila per l’aperitivo dal “Barber Coach”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Eredi Baitelli: l’azienda familiare dal successo internazionale pronta ad accogliere la terza generazione

Eredi Baitelli: l’azienda familiare dal successo internazionale pronta ad accogliere la terza generazione
Nel contesto aziendale di Eredi Baitelli si affaccia Matteo Baitelli, giovane rampollo di 24 anni che si sta formando nelle aule della facoltà di economia dell’università di Brescia per conseguire la Laurea in Economia e Gestione Aziendale. Matteo Baitelli è un giovane concreto e pienamente consapevole della realtà delle cose: sa benissimo che la preparazione acc (continua)

Chi è il coachee?

Chi è il coachee?
Il termine coachee indica colui che viene “allenato” al fine di migliorare le proprie performance. Alla domanda “chi è il coachee?” molti coach rispondono che il Coachee è una persona che sta vivendo una fase di disagio e da sola non riesce a trovare una soluzione; per questo si rivolge ad un coach che non darà consigli, ma analizzerà approf (continua)

Cosa fa un coach?

Cosa fa un coach?
Molti si chiedono cosa fa un coach e se dovessimo definire questa professione la risposta più semplice sarebbe: il  coach è una risorsa. Il suo intervento è volto a stimolare e promuovere la crescita del cliente nel pieno rispetto della sua unicità e delle sue caratteristiche individuali. Non aiuta direttamente bensì opera per favorire l’autosvilup (continua)

Stefano Barba aiuta a gestire le emozioni di un atleta professionista

Stefano Barba aiuta a gestire le emozioni di un atleta professionista
  Stefano Barba afferma che ogni atleta, se vuole migliorarsi e realizzare i propri obiettivi, deve farsi affiancare da un mental coach. Una convinzione e al tempo stesso un suggerimento, visto che parla per esperienza personale essendo stato un pluricampione di rugby. STEFANO BARBA CAMPIONE DI RUGBY Stefano Barba è stato un campione di rugby internazionale e può vantare una l (continua)

La vision di Silvia Jaramillo

La vision di Silvia Jaramillo
  Silvia Jaramillo è laureata in Gestione Aziende di Servizio e del Benessere. È un Life & Business Coach che da anni si occupa di gestione delle risorse umane. Silvia Jaramillo ha lavorato per anni come direttore delle risorse umane in un albergo 5 stelle di Lusso in Colombia. Tramite l’esperienza lavorativa Silvia Jaramillo ha capito che nelle aziende di servizio il (continua)