Home > Economia e Finanza > Tasso zero, una formula che si diffonde anche tra le assicurazioni

Tasso zero, una formula che si diffonde anche tra le assicurazioni

articolo pubblicato da: seoguru | segnala un abuso

Tasso zero, una formula che si diffonde anche tra le assicurazioni

 

Diverse compagnie assicurative offrono ai propri clienti la possibilità di pagare l’RC Auto in più rate. Questo servizio può rivelarsi particolarmente utile soprattutto per chi deve assicurare più di un veicolo, o semplicemente per chi non voglia versare l’intera somma in un’unica soluzione.

La rateizzazione della polizza assicurativa può però avere un costo aggiuntivo: è questo il fatidico “tasso”. Fortunatamente, nell’ultimo periodo è stata realizzata un’importante rivoluzione nel mondo delle assicurazioni, ovvero la possibilità di usufruire dei vantaggi della rateizzazione a tasso zero. Non tutte le compagnie offrono però questa possibilità, per cui prima di stipulare contratti che consentono di dilazionare l’importo in più rate, bisogna sempre essere certi di possedere tutte le informazioni relative ai tassi d’interesse.

 

Ma tra tasso, TAN, TAEG e altri “paroloni” come possiamo orientarci? Ecco una guida semplice e dettagliata.

 

In generale, tutti questi termini sono indicativi di un interesse periodico che viene applicato qualora si effettui la rateizzazione di un pagamento. Quando acquistiamo un oggetto o un servizio a rate, possiamo immaginare di aver chiesto a un terzo soggetto di “anticipare” il denaro dovuto, che ci impegniamo a restituire in maniera progressiva. In base a questo concetto, possiamo affermare che l’interesse rappresenta a tutti gli effetti la retribuzione che viene elargita alla persona, ente o compagnia che ci ha fornito il prestito. Il tasso di interesse è quindi la percentuale che viene aggiunta alla somma totale, e che può essere applicata su ogni rata.

 

Il TAN è il cosiddetto Tasso Annuo Nominale. Può essere definito come il tasso di interesse puro che viene applicato, a scadenza prestabilita, sulla quota annuale. Il termine “puro” fa riferimento al fatto che il TAN non tiene conto delle spese aggiuntive che solitamente rientrano nel contratto, ma semplicemente del “costo” dell’operazione e non il valore complessivo. Si tratta quindi di un valore che indica il “prezzo” del finanziamento richiesto espresso in percentuale e su base annua.

 

Il TAEG invece rappresenta il Tasso Annuo Effettivo Globale. Questo indicatore consente di valutare l’ammontare del TAN, unitamente alle spese effettive della pratica. Ci offre quindi una stima più attendibile della convenienza di una rateizzazione, ed è questo il valore che dovrebbe essere preso in considerazione quando si valutano un prestito, un finanziamento o una rateizzazione.

Si tratta di un tasso virtuale, o meglio, di una cifra che ci offre indicazioni sul valore globale del prestito, e che diventa utile nelle operazioni di comparazione delle varie offerte.

 

Il tasso zero invece prevede l’annullamento del tasso d’interesse e anche delle spese relative all’operazione. Affinché si possa parlare di una rateizzazione a tasso zero, è opportuno che sia il TAN che il TAEG siano concordati allo 0%. Si tratta quindi del tasso nominale annuo che deve essere pari a zero.

 

La possibilità di dividere l’importo della polizza assicurativa per la nostra auto in più soluzioni è già di per sé un importante passo avanti. Se a questo aggiungiamo anche i vantaggi del tasso zero, allora si può realmente affermare che considerare la rateizzazione dell’assicurazione auto sia un’occasione comoda ed economica per gestire il proprio finanziamento. Occhio però a valutare sempre attentamente le offerte che ci vengono proposte dalle diverse compagnie assicurative, al fine di evitare di trovare spiacevoli sorprese sul nostro conto alla fine del mese.

 

assicurazioni | rc auto |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Assicurazione Viaggio Stati Uniti: con la Polizza di Assicurazioni Low Cost sei coperto anche in USA


Prestiti personali: il tasso negativo arriva a - 1,5%


Mutui: in Italia “costano” meno


Assicurazione Viaggio Economica su Assicurazioni Low Cost la Polizza Essenziale


Assicurazioni Viaggio: scegli la qualità e il risparmio con Viaggi Sicuri


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Conti deposito ancora migliori di BOT e fondi pensione

Conti deposito ancora migliori di BOT e fondi pensione
  Le scelte principali verso le quali i piccoli e grandi risparmiatori puntano maggiormente sono senza dubbio i conti deposito, i BOT e i fondi pensione. Secondo le recenti statistiche, l’anno appena trascorso ha visto ancora una volta protagonista indiscusso nell’ambito del risparmio il conto deposito, una scelta solida e sicura per chi desidera veder aumentare nel corso del tem (continua)

Come “leggere” il conto scalare

Come “leggere” il conto scalare
  Tutti i titolari di un conto corrente ricevono periodicamente un documento chiamato “estratto conto” relativo alle manovre eseguite e al credito aggiornato. Una delle parti più importanti di questo strumento a disposizione del correntista è proprio il cosiddetto “conto scalare”. Cerchiamo di comprendere di cosa si tratta e soprattutto come “legge (continua)

Il Fondo statale di garanzia per la casa: 650 milioni per incentivare i mutui immobiliari

Il Fondo statale di garanzia per la casa: 650 milioni per incentivare i mutui immobiliari
I direttori del Tesoro e dell'Abi hannno siglato il Protocollo d'intesa poer lo stanziamento del Fondo statale di garanzia per la casa, già previsto dalla scorsa estate ed ora finalmente arrivato sotto gli occhi degli interlocutori di mercato. La manovra in definitiva si accompagna alla perfezione con l'altra grande notizia estiva per quanto riguarda il settore dei mutui, ovvero il tagli (continua)

Le assicurazioni investono in innovazione

Le assicurazioni investono in innovazione
  Lo scorso giovedì 18 settembre si è tenuta a Milano, nella sede centrale dell’ANIA, la presentazione dei risultati ottenuti dalla ricerca “Osservatorio Innovazione Assicurativa”. Questa importante ricerca è stata realizzata da MarketLab, Marketing Research Strategy and Consulting Executive Education, una delle principali società che si occupa (continua)

Btp e assicurazioni: ecco perchè Fitch alza il rating del settore italiano

Btp e assicurazioni: ecco perchè Fitch alza il rating del settore italiano
Nonostante le recenti previsioni di arresto del Pil italiano (e non solo italiano), una tra le più importanti agenzie di rating come Fitch ha appena rivalutato in chiave positiva il suo giudizio sul settore assicurativo italiano. Da 'negativo' a 'stabile'; giudizio che nell'attuale situazione di crisi finanziaria è molto più che una promozione, fra l'altro. Anche se non (continua)