Home > Ambiente e salute > Roberto de Santis: Cosenza Raccolta Differenziata raggiunge il 52%

Roberto de Santis: Cosenza Raccolta Differenziata raggiunge il 52%

articolo pubblicato da: RinnovabiliIT | segnala un abuso

Roberto de Santis: Cosenza Raccolta Differenziata raggiunge il 52%

 

  • In un solo anno, nel comune la raccolta differenziata è arrivata al 52,5 %, un valore ben al di sopra della media nazionale e soprattutto del Mezzogiorno

  •  
  •  

conai

 

(Rinnovabili.it) – Un conto sono le parole, un altro lo sono i fatti. Ed è con i fatti che nel Comune di Cosenzasi è deciso di affrontare la questione dei rifiuti urbani. Più precisamente con un accordo, quello stretto tra la stessa amministrazione e il Conai, il Consorzio Nazionale Imballaggi, e che ha condotto in un solo anno a risultati importanti. La città ha portato la raccolta differenzia al 52,2%, un valore che non solo supera di gran lunga quello registrato dal Sud Italia – valutato in una media di circa il 28,9% secondo l’ultimo rapporto ISPRA – ma che fa invidia anche alla media nazionale, da cui si distacca di ben 11,9 punti percentuali. 

Il segreto del successo sta in pochi ma fondamentali ingredienti: formazione, informazione, capillarità egradualità. Ma per capire come questi fattori abbiano determinato in così poco un simile risultato bisogna fare qualche passo indietro.

 

Il protocollo d’Intesa tra il Comune di Cosenza e CONAI è stato siglato lo scorso 3 maggio 2013; prima di allora il servizio di raccolta differenziata, gestito dalla società Ecologia Oggi, era strutturato secondo il classico modello a cassonetto stradale, con risultati, in questo caso, ben al di sotto degli obiettivi minimi fissati dalla normativa nazionale e regionale. Il nuovo accordo introdotto, invece la modalità porta a porta: dal 10 luglio dello stesso anno, in modo graduale e attraverso la suddivisionein zone, il comune ha dato via alla fase operativa previa formazione di tutto il personale di servizio. Questo ha comportato un coinvolgimento pieno della cittadinanza, non solo attraverso la distribuzione dei Kit alle utenze domestichema anche e soprattutto tramite l’attività formativa effettuata all’interno di alcuni istituti scolastici

 

“Dopo un anno di attività, grazie alla proficua collaborazione con il Comune - ha commentato Roberto De Santis, Presidente CONAI  - possiamo dire di essere andati oltre le reciproche aspettative: Cosenza è tra le città più virtuose del Sud. Siamo convinti che questa positiva esperienza possa servire da esempio anche per altre comunità calabresi, in una Regione che vive, sul fronte dei rifiuti urbani, una situazione molto critica […] Si tratta ora di consolidare e migliorare i risultati raggiunti a Cosenza: CONAI conferma il suo impegno a tal fine”.

 

E nell’ottimo trend dimostrato, il mese di febbraio 2014 spicca ancora di più grazie al picco di raccolta differenziata raggiunto (circa il 60%), che come spiega Mario Occhiuto, Sindaco di Cosenza, va considerato un “risultato storico”. “ Grazie alla determinazione dell’Amministrazione municipale e al prezioso supporto di Conai, il capoluogo bruzio può oggi equipararsi a Comuni del Settentrione dove le buone pratiche urbane sono una realtà consolidata da più anni. Ciò vuol dire che le grandi sfide di civiltà possono essere vinte anche sul nostro territorio”, aggiunge Occhiuto.

 

Al fine di ottimizzare le modalità di raccolta e di raggiungere e superare l’obiettivo del 65% previsto dalla legge (testo unico ambientale D.Lgs 152/2006 s.m.i.), si vuole sperimentare la cosiddetta “Zona Franca” l’applicazione dello stesso modello di raccolta presente sul resto della città con l’aggiunta di un sistema che consenta di misurare i conferimenti da parte delle utenze e premiare le stesse in base al numero di conferimenti corretti effettuati.

L’obiettivo è ora migliorare ulteriormente il dato ed entrare di diritto nella rosa dei 13oo comuni italiano che già oggi dimostrano di aver superato il 65% di differenziata finalizzata al riciclaggio. È questa, a detta del  Vice Presidente nazionale Legambiente  Stefano Ciafani la soluzione per allontanare lo spettro dell’emergenza nella Calabria e non solo. “Siamo felici che questa rivoluzione, dopo essere arrivata in alcuni comuni calabresi più piccoli, sia giunta ora, grazie anche al Conai, in un capoluogo come Cosenza. Solo replicando questo modello in tutta la regione, praticando la tariffazione puntuale e le politiche di prevenzione, e costruendo tanti impianti di riciclaggio, a partire da quelli per la frazione organica, si potrà archiviare la vergogna della dittatura delle discariche e delle emergenze con i rifiuti in strada che hanno caratterizzato la storia calabrese degli ultimi venti anni”.

Conai Comune Cosenza | Cosenza Raccolta Differenziata | Roberto de Santis | Conai Cosenza Differenziata |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

-Mariglianella: La Raccolta Differenziata supera il 70% e segna il successo della nuova impostazione del servizio comunale.


Teatro Bracco, abbonamento alla risata. Dieci spettacoli comici e omaggio a Pirandello


COMUNI IN DIFFICOLTÀ PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA. UNA SOLUZIONE GLI ECO COMPATTATORI RWS ITALIA


Quale raccolta differenziata a Capranica Prenestina?


Cori, obiettivo 65%. Parte la nuova campagna di sensibilizzazione per la raccolta differenziata


MK Live Presenta : REMEMBERING JIMI - Tributo a Jimi Hendrix - Cosenza dal 2 Dicembre 2010


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Eni CNR: Ricerca scientifica, trasferimento tecnologico ed innovazione

Eni CNR: Ricerca scientifica, trasferimento tecnologico ed innovazione
Quattro centri di ricerca congiunti nel Sud Italia ed un programma che coinvolge giovani ricercatrici e ricercatori per un investimento complessivo da 22mln di euro: è la partnership Eni-CNR votata all’innovazione   Ricerca scientifica, trasferimento tecnologico ed innovazione, in sinergia con le risorse del Mezzogiorno: queste le ambizioni del sodalizio tra Eni ed il Consiglio (continua)

CappottoMio Eni, per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio nazionale

CappottoMio Eni, per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio nazionale
 Diminuisce la bolletta, aumenta il comfort e la sicurezza: è il servizio CappottoMio di Eni gas e luce finalizzato alla riqualificazione energetica degli edifici condominiali in grado di ridurre i consumi energetici del 30-50% Una soluzione tecnologica efficace ed efficiente per ridurre le dispersioni termiche degli immobili condominiali: in una sola parola, Cap (continua)

Energia dal mare, il progetto Eni a largo di Ravenna

Energia dal mare, il progetto Eni a largo di Ravenna
Il progetto pilota Inertial Sea Wave Energy Converter realizzato da Eni con il Politecnico di Torino (PoliTO) e Wave for Energy (spin-off del PoliTO) avvicina al mercato la tecnologia per produrre energia dal mare   L’Inertial Sea Wave Energy Converter – Credit: Eni La sostenibilità per la produzione di energia è diventata nell’ultimo periodo una delle p (continua)

Eni fotovoltaico organico, nel Centro ricerche Eni di Novara

Eni fotovoltaico organico, nel Centro ricerche Eni di Novara
 Dal Centro Ricerca Eni per le Energie Rinnovabili e l’Ambiente di Novara al MIT di Cambridge passando per il finlandese VTT: viaggio lungo strada dell’innovazione per il fotovoltaico organico Leggero, flessibile, economico, personalizzabile e a basso impatto: sulla carta il fotovoltaico organico (Organic PhotoVoltaics – OPV) ha caratteristiche invidiabili. E no (continua)

Rinnovabili.it presenta Fingreen specialista del Risparmio Energetico in Trentino

Rinnovabili.it presenta Fingreen specialista del Risparmio Energetico in Trentino
 Fingreen è un’azienda del Trentino Alto Adige specializzata in impiantistica per le energie rinnovabili, con una particolare qualificazione nel risparmio energetico e nell’efficientamento. Il marchio Fingreen è una garanzia di qualità e competenza: l’azienda si avvale di oltre 15 anni di lavoro nella strutturazione di impianti e sist (continua)