Home > Cibo e Alimentazione > La storia del pomodoro, simbolo della cucina italiana

La storia del pomodoro, simbolo della cucina italiana

scritto da: JigaOffice | segnala un abuso


Quando l'esploratore Cristoforo Colombo attraversò l'Atlantico nel 1492, non si aspettava di cambiare le abitudini alimentari quotidiane della maggior parte delle persone su questo pianeta. Senza rendersene conto mise in moto un grande interscambio biologico: se l'Europa ha dato cavalli, suini, bovini, mentre l'America ha dato al mondo arachidi, tacchino, zucca, cacao e soprattutto il pomodoro. Questo traffico ha alterato la vita delle persone ai livelli più fondamentali, e forse il suo effetto più positivo è stato quello di offrire nuovi sapori e sensazioni.

Che cosa sarebbe il mondo mediterraneo senza pomodoro? Oggi è difficile immaginare la cucina italiana senza il "pomo d'oro", eppure Giulio Cesare, Dante, Michelangelo, Leonardo da Vinci, tutti i papi prima di Alessandro VI, e di fatto stesso Colombo, non avevano mai sentito parlare di lui.

Il pomodoro, infatti, è un nativo del Messico, dove le popolazioni locali lo coltivavano e lo consumavano sia crudo che cotto. Gli europei hanno impiegato molto tempo prima di introdurlo nella propria dieta quotidiana. Fino ai secoli XVI e XVII, infatti, cresceva prevalentemente come una curiosità, da ammirare piuttosto che da consumare. I primi riferimenti al sugo di pomodoro si rintracciano in alcuni testi di cucina napoletani della fine del XVII, quando Napoli si trovava sotto il dominio spagnolo. Da lì in poi fu un crescendo di ricette e variazioni che vedevano il pomodoro combinato con altri ingredienti, tra i quali anche la pasta. La prima vera consacrazione del pomodoro come ingrediente tipico dell'alimentazione degli italiani è legata a un episodio avvenuto poco dopo l'Unità d'Italia: nel giugno 1889, in onore della visita a Napoli della Regina d'Italia, Margherita di Savoia, il cuoco Raffaele Esposito realizzò una pizza guarnita con pomodoro, mozzarella e basilico, ingredienti che riprendevano i colori della nuova bandiera Italiana, e chiamò la sua specialità "Pizza Margherita".

I sughi e le passate di pomodoro cominciarono a conquistare il mondo quando tra la fine dell'Ottocento e i primi del Novecento vi fu un'emigrazione di massa dalle regioni del sud Italia verso l'altra sponda dell'Atlantico. Gli italiani, attraverso pizzerie e trattorie, esportarono le proprie salse a base di pomodoro prima in America e poi in Australia, tanto che oggi questo prodotto viene riconosciuto in tutto il mondo come tipico della "cucina italiana".


Fonte notizia: http://www.jigalab.com/


Alimentazione | Biologico | Prodotti Bio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’export di sughi, salse di pomodoro e conserve italiani


L'onnipresente pomo d'or!


Gli Ambassador di Expo Milano 2015 Marco Bianchi e Lisa Casali: show cooking e approfondimenti nell’evento targato Goglio sulla corretta conservazione degli alimenti


Beer Attraction e BBTech Expo 2019 al taglio del nastro


Convegno internazionale sul pomodoro, bilancio positivo per l'evento organizzato da Agrisicilia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Vacanze a tutta vela per la Grecia

Navigare in un mare dalle acque cristalline, raggiungere spiagge inaccessibili, assaporare le specialità della gastronomia autoctona, oppure apprendere alcune nozioni base della navigazione velica: queste sono solo alcune delle opportunità offerte dalle vacanze a vela in Grecia proposte da Crociere a Vela Favero.Imbarcarsi per una crociera a vela in Grecia, navigando tra le bellissime Isole Sporad (continua)

Maggio è il mese della Scuola di Navigazione d'Altura

Curiosi di conoscere tutto quello che c'è da sapere sulla navigazione velica con un corso di vela divertente ed emozionante? desiderosi di vivere un'esperienza indimenticabile navigando su un'imbarcazione a vela dotata di tutto punto? Impazienti di affrontare la sfida del mare e di governare i venti? Allora siete pronti per imbarcarvi a bordo della Penelope 1 e salpare in compagnia degli skipper E (continua)

In barca a vela per la Grecia con Crociere a Vela Favero

Crociere a Vela Favero presenta un itinerario irrinunciabile nel suo programma di crociere per la stagione 2015: una vacanza in barca a vela alla scoperta delle Isole Sporadi Settentrionali.Si tratta di un'esperienza unica che offre la possibilità di navigare in barca a vela per la Grecia, in formula charter, esplorando alcune fra le più belle isole del Mar Egeo. È una tipologia di vacanza adatta (continua)

Programma 2015 Crociere a Vela Favero: alla scoperta della Grecia

Crociere a Vela Favero, storica e consolidata realtà nel panorama delle vacanze in barca a vela tra Mediterraneo e Caraibi, ha pubblicato il programma delle crociere per la stagione 2015: la protagonista di quest'anno sarà la Grecia, con una serie di suggestivi itinerari che da maggio a settembre porteranno alla scoperta delle Sporadi Settentrionali.Dopo la pausa invernale dedicata al rimessaggio (continua)

Scoprire la Grecia in barca a vela con Crociere Favero

Immaginate il mare, il vento e le vele spiegate, immaginate il sole, il silenzio e le bianche isole greche all'orizzonte. Sembra un sogno da vivere ad occhi aperti, eppure la possibilità di scoprire la Grecia in barca a vela è la straordinaria proposta che Crociere a Vela Favero mette a disposizione di tutti gli amanti delle vacanze attive.Imbarchi settimanali con formula charter, navigando in com (continua)