Home > Politica > Morano Calabro (Cs) - “Qui la ‘ndrangheta non entra”, Morano grida il suo no alla criminalità organizzata

Morano Calabro (Cs) - “Qui la ‘ndrangheta non entra”, Morano grida il suo no alla criminalità organizzata

scritto da: Comune | segnala un abuso

Morano Calabro (Cs) -  “Qui la ‘ndrangheta non entra”, Morano grida il suo no alla criminalità organizzata


 Celebrata sabato scorso a Morano la giornata della legalità. Strutturato su due momenti distinti eppure inscindibili il programma della manifestazione: un convegno - al quale hanno preso parte il sindaco Nicolò De Bartolo, l’on. Salvatore Magarò, presidente della Commissione regionale contro la ‘ndrangheta, l’avv. Sonia Forte, membro dell’esecutivo moranese, il dirigente scolastico del locale Istituto comprensivo, Walter Bellizzi - e la scopertura dell’epigrafe “Qui la ‘ndrangheta non entra”, collocata al lato destro del portone d’ingresso del municipio.

 

«La legalità si nutre di simboli positivi» ha affermato De Bartolo «e noi proprio questo oggi vogliamo fare: lanciare un idea di rispetto per l’altro, di servizio, di ascolto. Abbiamo il dovere di realizzare le condizioni culturali perché tutto ciò si verifichi: la scuola, la famiglia e la politica insieme. Arginando per tempo le lusinghe che possono provenire da frange malate di società. La nostra è un’adesione entusiasta, piena e convinta all’iniziativa. Certo è solo un simbolo! Ma ha per noi un profondo valore morale, che intendiamo abbracciare e trasmettere».

 

Alle parole del primo cittadino hanno fatto eco quelle dell’assessore Sonia Forte, la quale ha posto l’accento sulla «necessità di intervenire sul tessuto sociale educando alla pace e alla non violenza. La legalità – ha osservato - implica un coinvolgimento formativo diretto e sostanziale, svolto in primis dalla Scuola e dalla famiglia».

 

Sentito e articolato su più concetti il contributo del prof. Walter Bellizzi: «Le radici della legalità – ha sostenuto – si rintracciano nella libertà di coscienza. Ed è fondamentale che si istruisca alla legalità in ogni fase della crescita, offrendo ai ragazzi non solo parole ma dando loro l’esempio e aiutandoli a sviluppare quella coscienza critica che si traduce in capacità di discernimento». 

 

A trarre le conclusioni, incisive e ardimentose, l’on. Magarò. Il Presidente della Commissione regionale contro la ‘ndrangheta ha catalizzato l’attenzione dell’uditorio, su questioni molto delicate. Partendo dall’analisi della situazione attuale per poi approdare alle proposte, più d’una e tutte suffragate da specifici progetti legislativi, Magarò ha sottolineato come «la lotta alla criminalità si alimenti anche con simboli in grado di infondere forza, coraggio, tenacia. Ma vi sono, purtroppo, anche emblemi negativi, - ha spiegato - che identificano il potere: la mala politica, i privilegi, gli arricchimenti personali, il malaffare. Questi dobbiamo combattere con ogni mezzo. Lo Stato fa la sua parte sì, con le forze dell’ordine, la magistratura. Ma le mafie non si sconfiggono solo con le manette e le sentenze. Occorre un’antimafia sociale, fatta di lavoro, diritti, opportunità. Meglio perdere le elezioni che vincerle scendendo a patti con la criminalità. In Calabria – ha aggiunto Magarò – deve crescere il voto libero. Libero cioè di scegliere da chi è meglio farsi rappresentare».

Dicevamo delle spinte e delle idee ribadite dal Presidente della Commissione regionale anti ‘ndrangheta nel corso del suo appassionato ragionamento. Su tutte e in primis il «sequestro immediato di beni e capitali alla criminalità organizzata per destinarli alla creazione di opportunità di lavoro». Ma ancora: la «vicinanza ai testimoni di giustizia: lo Stato affidi a questi soggetti i lavori di somma urgenza, offra loro l’opportunità di tornare a una vita regolare». In chiusura l’invito a «controllare assiduamente l’operato dei politici e a fare rete per riaccendere la speranza». Vorrei si potesse dire ai nostri nipoti – ha terminato Magarò: c’era la mafia, adesso non c’è più».


Fonte notizia: http://comunemoranocalabro.it


lotta alla ndrangheta |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Morano ospita le riprese del film «Romanzo calabrese», per la regia di Renato Pagliuso


La legalità si serve a tavola......


Carmela Calimera - LABIRINTO


Intervista a Michele Leoni, Presidente del Tribunale di Ravenna, autore del libro “Giudice per sempre”


Legalità. Il Magistrato Francesco Cascini ha incontrato gli studenti di Cori e Giulianello


Peemio Musica contro le mafie 7^ Edizione - I Vincitori


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MORANO CALABRO (CS) - Presentata la stagione 2014/2015 di “Teatromusica”

 Presentata domenica 19 ottobre, presso la sala convegni della Proloco, la rassegna “Teatromusica” 2014/20145.   Un traguardo per l’associazione “L’Allegra Ribalta”, che festeggia il ventitreesimo anno di attività, confermando le attese della vigilia quanto a qualità e quantità degli eventi inseriti nel nuovo cartellone. Bene ha (continua)

Morano Calabro (Cs) - La Giovane Orchestra si esibisce alle falde del Pollino.

Morano Calabro (Cs) - La Giovane Orchestra si esibisce alle falde del Pollino.
 Un concerto e non solo. Nei giorni scorsi, presso l’auditorium comunale, presenti il sindaco Nicolò De Bartolo e rappresentanti dell’esecutivo, il presidente della Pro Loco Nicola Fuscaldo, si è esibito il gruppo musicale “La Giovane Orchestra”.   Costituito da settanta elementi, tutti allievi dell’Istituto Comprensivo “Lanza – (continua)

Morano Calabro (Cs) - Il Consiglio comunale approva il bilancio di previsione - anno 2014.

Morano Calabro (Cs) - Il Consiglio comunale approva il bilancio di previsione - anno 2014.
 Ci sono volute ben sette ore e quindici minuti per discutere e approvare il Bilancio di previsione - anno 2014, e gli altri sei punti inseriti dal sindaco De Bartolo all’ordine del giorno dell’assise cittadina. Sette ore filate di disamina delle questioni. Su tutte, il documento finanziario e la determinazione delle tariffe TARI. Prima di cominciare i lavori, degna di nota spe (continua)

Morano Calabro (Cs) - Aumenta la produzione letteraria di Arnaldo Lo Tufo.

Morano Calabro (Cs) - Aumenta la produzione letteraria di Arnaldo Lo Tufo.
 In edicola due nuovi libri di Arnaldo Lo Tufo. Nei giorni scorsi la presentazione ufficiale, nella suggestiva cornice del Chiostro di San Bernardino da Siena. Un’unica serata per una duplice produzione: “L’Angelo di Susan” e “Un Destino Crudele”, la prima; “Versi del cuore”, la seconda.   Si tratta, nel primo caso, di due romanzi brevi (continua)

Morano Calabro (Cs) - Esternalizzato il servizio trasporto scolastico.

 Esternalizzato in via sperimentale il servizio trasporto scolastico. Cosa cambia rispetto al passato? Molto per ciò che riguarda la gestione, nulla per quanto concerne il parco macchine e più in generale la logistica ordinaria. Infatti, se i mezzi su strada adibiti al trasporto restano quelli soliti, i classici pulmini gialli di proprietà del Comune, l’organizzazio (continua)