Home > Altro > STAGE DI "DINAMICA DEL BENESSERE PSICOSOMATICO"

STAGE DI "DINAMICA DEL BENESSERE PSICOSOMATICO"

scritto da: E.CO. Ente per la Comunicazione Umana | segnala un abuso

STAGE DI


 Il Retto pensiero consiste nell'eliminazione del pensiero INVOLONTARIO NEGATIVO e nella costruzione del pensiero VOLONTARIO POSITIVO.

Per controllare la mente è necessario osservarla. Osservare cioè le sensazioni, le proprie emozioni, i propri pensieri.

Soprattutto i pensieri irritanti perché sono la causa delle emozioni logoranti e quindi causa della sofferenza interiore.
Se penso invece a una persona cara si produce in me un'emozione che chiamo "piacere".
Ora la cosa importante da capire è che:

IL PENSIERO CHE PRODUCE SOFFERENZA NON E’ VOLONTARIO

Nessuno infatti si produce intenzionalmente della sofferenza, perché ciò va contro l'universale programma genetico di sopravvivenza.
Quante volte avremmo voluto dormire e siamo stati invece tenuti svegli da pensieri spiacevoli e addirittura dolorosi !?
Quante volte non vorremmo pensare a cose spiacevoli e siamo nella condizione di non potere farne a meno!
Quante volte non vorremmo pensare alle delusioni, agli errori, al senso di colpa, al nostro futuro, alle prove che ci attendono, ai pericoli che correremo, alla crisi economica, alla fine che potremmo fare, e non siamo capaci di sottrarci a questi pensieri... non ci riusciamo !!

Non siamo capaci di fare a meno di avere pensieri che ci fanno soffrire !
Contro la nostra volontà !

Ma come avviene che noi ci produciamo da noi stessi la sofferenza psichica, sia pure involontariamente?
Come produciamo un pensiero involontario?

Perché lo produce "automaticamente" la nostra memoria (inconscio).

Il pensiero involontario altro non è che la manifestazione della "tensione" derivante dai traumi (paure, ansie, aggressioni, perdite, abbandoni...) registrati nella nostra memoria (di esperienze vissute).

Le paure, le ansie, le perdite, gli insuccessi, le insicurezze che abbiamo vissuto rimangono nella memoria e si ripresentano sotto forma di pensieri che richiamano e riproducono quelle emozioni...

La cosa che non va dimenticata è che il pensiero che ci dà sofferenza è il prodotto automatico della tensione registrata nella nostra memoria... una tensione elettrica che permane nei circuiti neurali del cervello e produce pensiero in quanto suo naturale processo di scarica...

Come può avvenire ciò?

Perché " I PENSIERI SI "RIPRODUCONO"

.... La sedimentazione dei pensieri nella memoria avviene con tutto il loro corredo emotivo: quindi un pensiero generante un'emozione viene registrato insieme a essa ed è appunto quell'emozione a rievocare il pensiero. Più forte è l'emozione più frequentemente si riproduce il pensiero che le è correlato.

I PENSIERI SONO COME SEMI CHE PRODUCONO PIANTE.. e i pensieri negativi producono piante velenose, queste piante velenose costituiscono la nostra sofferenza.

Possiamo definire pensieri negativi tutti quelli che portano a separazione (agitazione, crudeltà, ira, attaccamento, odio, diffidenza, sospetto, antipatia, rancore, paura.. ecc)

e positivi quelli che portano a unione (gentilezza, compassione, fiducia, accettazione, simpatia, benevolenza, benessere, fede amore...ecc)

( G. C. Giacobbe )

Essere in pace significa saper vivere ogni giorno nel bel mezzo dei soliti impegni mantenendo il cuore e la mente in perfetta calma e serenità .. ci vuole allenamento, ma prima si inizia e prima ci si riuscirà!

(Libero di Volare)

Diventare consapevoli dei propri pensieri e di conseguenza riuscire a gestirli è la chiave della pace e serenità interiore. Questa serenità a sua volta si manifesterà poi in ogni ambito della nostra vita, nel nostro ambiente e con le persone che ci circondano.

Questo è possibile in modo molto semplice e in piena autonomia.

Durante il seminar di “DINAMICA DEL BENESSERE PSICOSOMATICO”, vengono esposte, teoricamente e praticamente, delle semplicissime tecniche di auto-miglioramento, che applicate con costanza, ottimizzano la propria reazione agli eventi che la vita ci pone ogni giorno. Alla fine del corso il partecipante è in grado di utilizzarle tranquillamente ed autonomamente a casa.

Donare a se stessi questa grandissima opportunità è un vero atto d’amore non solo verso se stessi, ma verso tutte le persone, esperienze, cose, progetti, intenzioni e situazioni che entrano nella nostra, comunque meravigliosa, VITA!

 

 

visita il sito: www.econlus.it

 


Fonte notizia: http://www.econlus.it/


sviluppo personale | benessere | visualizzazione creativa | autostima | attacchi di panico | stress | tecniche di rilassamento | fiducia in se stessi | atteggiamento mentale positivo | comunicazione | motivazione | psicosomatico |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Open Stage - sana e consapevole condivisione del palco


Open Stage, groove stage


Officine Buone presenta : Special Stage – La Finale


SABATO 11 E DOMENICA 12 MARZO, AL PARCO ESPOSIZIONI DI NOVEGRO (MI), FESTIVAL DEL MEDITERRANEO


Master in Editoria e Comunicazione - XXXIII edizione


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore