Home > Eventi e Fiere > Via Catania 70: un modello di mercato creativo

Via Catania 70: un modello di mercato creativo

scritto da: Artinconnessione | segnala un abuso

Via Catania 70: un modello di mercato creativo


 Un’idea innovativa ed un format unico in Italia: un vero e proprio mercato delle eccellenze artigianali laziali, esposte nei banchi di marmo del mercato rionale di via Catania 70, nel quartiere Bologna, a Roma.


Passeggiando per gli oltre 50 banchi di frutta e verdura, colorati e pieni di vita, si trovano artigiani che lavorano gioielli fatti di carta, opere d’arte ottenute con materiali che spaziano dal ferro battuto alla ceramica, al legno e intarsio. Pezzi unici di usato ed antiquariato e ancora, borse e poltrone fatte con i copertoni e camere d’aria delle biciclette, insieme agli orologi fatti con i vinile. Non mancano ovviamente artisti più classici come chi lavora l’uncinetto, il legno o la stoffa.
Una fiera delle autoproduzioni, che mette al centro dell’attenzione il riuso creativo e offre ai visitatori la possibilità di ammirare a
rtigiani al lavoro proprio come i vecchi tempi, che si industriano su come dare nuova vita agli oggetti di scarto, miscelando sapientemente materiali, creatività e tecniche come essenziali strumenti di lavoro.

In programma ogni settimana anche eventi speciali, come mostre fotografiche e di arte visiva, brunch, workshop e performance.

 

Il mercato delle idee, della creatività e della sostenibilità è proposto dall’associazione culturale
Mente Collettiva,
con la volontà di rivitalizzare attraverso l’arte e l’artigianato la parte semi abbandonata dell’antico e storico Mercato Italia, inaugurato negli anni 50’ ed oggi punto di riferimento per i residenti e per gli studenti della vicina Università La Sapienza, dando al tempo stesso un’ occasione per numerosi artigiani locali che producono oggettistica di alto livello e che sperimentano attraverso il riciclo, di mostrare il proprio lavoro.

Questo evento vuole innescare una piccola rivoluzione quotidiana, invitando la cittadinanza a fare la spesa con uno sguardo attento all’innovazione culturale. Riappropriarsi di uno spazio vitale come quello del mercato rionale significa rielaborare le relazioni sociali ed affermare la voglia di incontrarsi e stare insieme. Alla frenesia delle grandi aree commerciali si contrappone il rapporto diretto con i produttori ed il ritmo rilassato del mercato.

 

L’Associazione Culturale Mente Collettiva, approfitta di questo evento anche per mandare un messaggio ben chiaro alla città e per ragionare sulla possibilità di individuare come luoghi vitali per la comunità i mercati poco utilizzati della città e recuperarli alla loro vocazione originaria di “agorà”, cioè luogo inclusivo di socialità e solidarietà popolare: “Siamo tutti parte di un sistema che sembra più grande di noi e ci lascia impotenti spettatori dell’esistente; in un periodo di crisi un evento simile lancia una speranza: attraverso una progettualità condivisa e  ben radicata sul territorio, sperimentare nuove strategie collettive per le politiche sociali e culturali che dal territorio stesso partano, ci sembra l’unico percorso sensato e vincente da intraprendere”.

Mercato Italia, via Catania 70, Roma.

Il Martedì ed il Venerdì dalle ore 10/18. Sabato ore 10/14.

 

Press Office / Artinconnessione t. 338.2006735 _ artinconnessione@gmail.com


Fonte notizia: https://www.facebook.com/madeinmarket?fref=ts


mercato | artigianato | riciclo | riuso creativo | ecosostenibilità |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

AISO, al via il convegno su “Nuovi percorsi per la storia orale e le fonti orali”


Le 10 migliori gioiellerie a Catania


CULTURA DEI RISCHI, PRESENTAZIONE DEL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE, RICERCA E STUDIO


INTERMODALITA', FOCUS SU PORTO ETNEO


Corsi Di Meditazione A Catania, Ecco I Migliori


Dall’8 maggio all’8 giugno, Chiesa di S. Francesco Borgia (via Crociferi) di Catania BAROCCO, DIALOGO ARCHITETTONICO CATANIA-AUSTRIA IN VISTA DI EXPO 2015


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Rumori fuori scena

Rumori fuori scena
 Dal 12 al 24 gennaio 2016 il Teatro Vittoria presenta il trentaduesimo anno di repliche per l’inossidabile cavallo di battaglia della compagnia Attori & Tecnici. “Non funzionerà mai qui da noi, è humour inglese”, aveva detto Attilio Corsini a proposito di “Rumori fuori scena” di Michael Frayn, nel 1982. Poi, insieme a Viviana Toniolo, si convi (continua)

Assassinio sul Nilo arriva a Roma

Assassinio sul Nilo arriva a Roma
 Dopo i successi di Trappola per Topi e Tela del ragno, continua il felice sodalizio della Compagnia Attori & Tecnici con Agatha Christie.  Dal   17 dicembre 2015 al 10 gennaio 2016 , in scena l’ultimo capitolo della trilogia: Assassinio sul Nilo. Scritto nel 1946 e tratto dal romanzo omonimo pubblicato dieci anni prima, Death on the Nile rappresenta uno dei testi pi (continua)

Marco Travaglio porta Slurp al Teatro Vittoria

Marco Travaglio porta Slurp al Teatro Vittoria
 Dal 11 al 13 dicembre il Teatro Vittoria di Roma presenta il nuovo recital teatrale, tutto da ridere per non piangere di Marco Travaglio - con l'aiuto dell'attrice Giorgia Salari, per la regia di Valerio Binasco. Slurp racconta come i giornalisti, gli intellettuali e gli opinionisti più servili del mondo hanno beatificato, osannato, magnificato, propagandato e smarchettato la peggior (continua)

Per questo mi chiamo Giovanni

Per questo mi chiamo Giovanni
 Dal 3 al 10 dicembre il Teatro Vittoria di Roma presenta una importante produzione della Compagnia Attori e Tecnici, “Per questo mi chiamo Giovanni”, per la regia di Stefano Messina, interprete d’eccezione con Pietro Messina. Giovanni è un bambino di Palermo.  Per il suo decimo compleanno il papà gli regala una giornata molto speciale: una gita attraver (continua)

Al Teatro Vascello sei settimane con Rezzamastrella

Al Teatro Vascello sei settimane con Rezzamastrella
 Flavia Mastrella ed Antonio Rezza tornano prepotentemente sul palco del Teatro Vascello di Roma con la nuovissima produzione Anelante. In scena per sei settimane, dal 9 dicembre 2015 al 17 gennaio 2016, dopo il debutto torinese, e pronti per una lunga tournée nazionale, che toccherà tra gli altri il Teatro Elfo Puccini di Milano, il Teatro Duse di Bologna, il Puccini di Firenze (continua)