Home > Primo Piano > Il Villaggio di Babbo Natale: la magia della condivisione di momenti lieti

Il Villaggio di Babbo Natale: la magia della condivisione di momenti lieti

scritto da: Performing Arts | segnala un abuso

Il Villaggio di Babbo Natale: la magia della condivisione di momenti lieti


 Sant’Anastasia (Na) dal 6 dicembre al 6 gennaio, nella piazza dello storico quartiere di  Madonna dell’Arco, diviene il piccolo Paese della Lapponia che ha visto nascere il celebre vecchino barbuto che, con vestito rosso e cappello, distribuisce doni ai piccini che hanno fatto i buoni, a cavallo di una slitta trainata da renne dal naso rosso.

E’ il villaggio di Babbo Natale ideato dall’Associazione Magica che, dopo i successi riportati negli anni scorsi nella partenopea Piazza Mercato, si sposta in un altro luogo simbolo di culto e tradizione, dove si respira più forte l’atmosfera natalizia.

Per un mese, in un susseguirsi di eventi, la piazza di Madonna dell’Arco ospiterà diverse iniziative, destinate a creare ed a alimentare la gioiosa atmosfera natalizia, creando numerose occasioni di svago e confronto in armonia che sappiano coinvolgere trasversalmente tutti i membri della famiglia.

Un modo per ritrovarsi e stringersi più forte proprio in un Natale come questo, spazzato dai venti forti ed impetuosi della crisi socio-economica.

Lo strumento è quello della cultura a 360 gradi e della valorizzazione delle tradizioni artigianali e del made in Campania.

Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito

La manifestazione, con il programma completo, sarà presentata ai Colleghi della stampa ed venerdì 5 dicembre alle ore 11.00 nell’aula consiliare di Sant’Anastasia.

Alla conferenza stampa interverranno:

-          il sindaco, Lello Abete, il suo staff ed una rappresentanza della Giunta Comunale

-          Il team dell’associazione Magica, ideatrice della manifestazione

-          Cettina Celati,  esperta di organizzazione e management degli eventi, che con lo staff della sua PerformingArts Plus curerà tutti gli eventi serali e preserali.

-          Michele Capasso , responsabile dell’animazione e degli eventi della fascia mattutina

-           Alcuni artisti e performer che saranno protagonisti degli spettacoli che animeranno la manifestazione, all’insegna del linguaggio della cultura, senza dimenticare il divertimento

-          I main sponsor

Un’atmosfera fatata

 

Il Villaggio di Babbo Natale aprirà le porte sabato 6 dicembre alle ore 19.00 con l’accensione simbolica delle luminarie. Per grandi e piccoli saranno a disposizione i mercatini ospitati in casette lignee, che ricordano l’atmosfera dei mercatini natalizi dell’Europa del Nord, carica di magia.

Poi tutti a volteggiare sulla pista da pattinaggio ghiacciata allestita per l’occasione.

Alle 21.00 sarà la volta di ascoltare il sound dei Luna Rossa Band Feat Carmen D’aniello con le loro energiche tammurriate che recano in sé tutto il calore del Sud.

 Assieme a loro sul palco Matteo D’Onofrio e Sebastiano Ciccarelli del Gruppo operaio di Pomigliano D’Arco, che danno vita ad un canto di protesta, di disagio sociale, rivoluzionario nel suo nucleo più autentico.

“Si tratta – spiegano gli organizzatori – di un richiamo sinergico che si muove tra tradizione ed innovazione”.

Ma c’è molto di più: spazio all’arte contemporanea ed alla valorizzazione territoriale e del talento giovanile grazie al progetto espositivo Vin - arte, che fa dialogare il linguaggio della pittura con quello delle foto, che vede in mostra le opere di giovani autori provenienti dai vari paesi vesuviani.

Nel modo degli artisti in mostra di intendere e rappresentare la realtà, come essi stessi sottolineano, gli spettatori potranno assistere all’evoluzione del concetto di contemporaneità e di arte contemporanea, che ne è il riflesso.

Sabato 6 gennaio tocca all’arte di Sdu Stencil Art, che si rivela capace di proiettare lo spettatore in un’atmosfera popolata dalle grandi icone del mondo del cinema e della musica protagonisti di paesaggi in bilico tra passato e contemporaneità, a creare effetti spesso surreali.

Maschere, ponti, vernici colorate e spray fluo: questi i materiali che troviamo nei lavori freschi e vivaci di Stefano Gallucci aka SDU, street artist con la passione per lo stencil.

Mentre assaporano il quadro con gli occhi della mente e del cuore, i partecipanti potranno anche assaporare il gusto di corposi vini che affondano le radici nel territorio e nella sua vocazione agricola ed agroalimentare.

L’appuntamento con Vin-arte, alle ore 19.00, accompagnerà eprecederà ed accompagnerà tutti gli eventi serali, fino al 6 gennaio.

Il 7 Gennaio alle 19.00 si bissa l’appuntamento con Vin – arte. Le arti figurative saranno di nuovo al centro dell’attenzione tra uno sguardo curioso, un’opera che fa riflettere ed un buon bicchiere di vino.

Protagoniste questa volta le opere di Mario Sepe. Pittore, illustratore e graphic designer laureato presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli propone la gestualità come atto fondamentale di libertà istintuale rivolta a liberare la potenza delle energie interiori che permettono di dar corpo ad una concezione positiva dell’esistenza. Le sue opere sono ricche di principi decorativi e permeati da un’energia tale da renderle armoniose, vivaci, calamitanti. Vi si respira il palpito vitale di una natura sottesa, invisibile, ma oltremodo presente e viva. L’intensità della sua formula cromatica, trasforma ogni sensazione visiva in suggestione.

Alle 21.00 si balla con il live strumentale su dj set per una music experience. A far girare i dischi sul piatto, ricreando l’atmosfera di una grande orchestra, saranno Dj Sima Da Soul + tromba e percussioni.

 

IL MERCATINO NATALIZIO

 

Tante casette di legno che trasmettono un’idea di calore, colore e custodiscono e mettono in risalto i vari volti dell’handmade campano.

Un modo per difendere e valorizzare l’artigianato nostrano dai morsi della concorrenza sleale e della produzione seriale, nonché dalle imitazioni che riguardano non solo il settore dell’abbigliamento ma anche quello dell’agroalimentare.

Ecco perché tra gli stand sarà possibile ammirare, comperare e degustare: olive e sfizioserie, i tipici prodotti dolciari che connotano il Natale, come ad esempio roccocò, mostaccioli e “taralli della sposa”, i prodotti calabresi, tra cui spiccano le paste, le spezie e la famosa “nduia” carne piccante tritata ed usata per aromatizzare vari cibi

Ed ancora  disco verde per il made in Campania, all’insegna dell’artigianalità: articoli di pelletteria, accessori (borse, scarpe e cinture) e moda bimbo, fiori multicolori, tra i quali sarà possibile scegliere i tipici addobbi natalizi, come corolle di agrifoglio, pungitopo e vischio, sotto cui è tradizione baciarsi.

Si sa il Natale è anche colore, tra stelline e bengala: ed allora ecco i fuochi pirotecnici a norma, affinchè sia davvero un Natale divertente e “consapevole”.

Per la gioia delle ragazze e delle donne prodotti per il maquillage ed abiti da sposa ed accessori per sognare (e preparare) il giorno più bello della propria vita, magari in una chiesetta antica, con mura di pietra che proteggono e riscaldano, mentre fuori fa freddo.

Perché lo spirito del Natale è soprattutto armonia, convivialità ed aggregazione.

Ed allora? Non resta che aprire le porte al Natale e preparare la letterina.

Papà Natale non vi deluderà.

 

Per maggiori informazioni: PerformingArts Plus di Cettina Celati 3389140634 theperformingart@libero.it

Ufficio Stampa: Dr.ssa Tania Sabatino

Ph 3205741842. E-mail: pressofficeperformingartsplus@gmail.com

villaggio | babbo | natale | arte | contemporanea | musica | concerti | live | dj set | esperienza | fluo | spray | natura | essenza | forza | emozioni | vinarte | albero | pista | ghiaccio | animazione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Scatenati con i costumi da babbo natale


A Castelfiorentino arriva Babbo Natale con tre weekend di eventi


Il prossimo 18 settembre riapre “IL REGNO DI BABBO NATALE”


eBay ti invita a La Casa di Babbo Natale


Magia bianca e magia nera: due forze in opposizione


Replica straordinaria del Capodanno per famiglie


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

The Happening...Art is pop. Napoli apripista di un modo diverso di essere creativi

The Happening...Art is pop. Napoli apripista di un modo diverso di essere creativi
 Napoli - Giovedì 2 luglio a partire dalle 21.30 scoccherà l'ora della Pop Art con l'evento "The Happening... Art is Pop" organizzata dalla Performing Arts Plus di Cettina Celati e Pietrangelo Trama, in collaborazione con Black Hole Events, Artantis Info, Dna Art Lab e Villa Anna Events. Location sarà proprio lo scenario di Villa Anna Events  nel cuore (continua)

Truecolors Little Festival: sul palco three band James Senese con Napoli Centrale, The Ravati e Mexico 86

Truecolors Little Festival: sul palco three band James Senese con Napoli Centrale, The Ravati e Mexico 86
 Venerdì 29 maggio a partire dalle ore 20.30 il Gemini di Nola (via Boscofangone) ospiterà la manifestazione TrueColors Little Festival. La manifestazione è organizzata da True Colors Arte e Musica in collaborazione con la Atom Concerti di Anastasio Tommaso e con la Performing Arts Plus di Cettina Celati e Pietrangelo Trama. Ancora una volta, grazie ai vari volti dell&r (continua)

Go Art: la moda, la musica e lo stile sono serviti

Go Art: la moda, la musica e lo stile sono serviti
 Le arti performative entrano a passo trionfale in luoghi tradizionalmente non deputati alle esposizioni.   Fuori da musei, gallerie e pinacoteche, ma anche teatri, le arti performative incontrano la musica e la moda e lo fanno con quel tocco chic in più che parla il linguaggio dell’avanguardia e della lungimiranza, in grado di precorrere i tempi.   Non ci può (continua)

A Voice for Women: una sola voce per dire no alla violenza di genere

A Voice for Women: una sola voce per dire no alla violenza di genere
 Venerdì 3 ottobre alle ore 21.00 arriva a Napoli, città femmina per eccellenza,“A Voice for Women”un evento per dar voce a chi ancora troppo spesso non ne ha ed al contempo per gridare forte il proprio sdegno verso la violenza contro le donne e, più in generale, verso la differenza di genere.Perché AGIRE si può e si deve. Ad organizzarlo Perf (continua)