Home > Spettacoli e TV > Intervista a Cristina Moglia star di tante fiction italiane ed ora anche Centovetrine su Rete 4

Intervista a Cristina Moglia star di tante fiction italiane ed ora anche Centovetrine su Rete 4

articolo pubblicato da: Elisa Mariani | segnala un abuso

Intervista a Cristina Moglia star di tante fiction italiane ed ora anche Centovetrine su Rete 4

- Quando hai deciso di fare l'attrice? Ho deciso di fare l'attrice quando avevo più o meno 17 anni. Vengo da una famiglia di cinema in quanto mio nonno era un importante direttore di fotografia dell'Istituto Luce nonché uno dei tre creatori dell' AIC. Mio zio è stato un grande scenografo, lo scenografo di tutti i film di Sergio leone tra cui “C'era un volta in America”, e mio padre è un operatore e direttore di fotografia specializzato in documentari del mondo sommerso. In realtà non ci sono attori nella mia famiglia e all'inizio i miei familiari non approvavano molto la mia scelta, ho sempre amato la fotografia ed il cinema fin da piccola e alla fine ho preso coraggio benché fossi molto molto timida ho cominciato a studiare recitazione ed eccomi qui. - Come hai cominciato? Ho cominciato quando ero all'estero, all’età di 18 anni ero in Australia e dalla mia passione per la fotografia sono passata allo studio del metodo. Mi sono iscritta ad una scuola di cinema e teatro e ho cominciato a studiare là, poi quando sono tornata in Italia all'età di 22 anni ho continuato a studiare recitazione e a fare teatro per poi arrivare alla TV e il cinema. - Quali sono state le tappe fondamentali della tua carriera? Le tappe fondamentali della mia carriera sono state le grandi fiction che ho fatto per la palestra, che ti insegnano e i film più importanti tra cui "Ferrari" per la regia di Carlo Carlei, un regista che stimo tantissimo che mi ha dato l’opportunità di lavorare in quel film affidandomi un ruolo così difficile e stimolante come la moglie di Enzo Ferrari. In quel film ho interpretato tutte le tappe della vita di questa donna, dall’età di 20 anni fino all’età di 75 anni. - Che ricordi hai del set di distretto di polizia? Beh i miei ricordi del set di distretto sono meravigliosi e devo dire quando ci penso mi manca da morire quel momento. Eravamo una grande famiglia, dagli attori colleghi alla troupe e il fatto di essere così amati dal pubblico come serie, come personaggi, come tutto, mi ha lasciato qualcosa dentro che durerà per sempre. - Tre aggettivi per descriverti? A questa domanda rispondo alla fine… (sorride) !!! Tre aggettivi per me: Love, Dream, Rock! - Ci sono modelli a cui ti ispiri per recitare? In realtà i modelli a cui mi ispiro quando recito sono sempre diversi e possono essere anche personaggi che prendo da libri oppure realmente esistiti nella storia, altrimenti vado piu' dentro me stessa e cerco di ispirarmi dalla vita stessa per rendere il personaggio reale e puro. - Un regista con cui vorresti lavorare? Il mio grande sogno sarebbe lavorare con David Lynch che per me è un'artista a 360 gradi. È un grande regista, un pittore e un musicista che amo molto...per quanto riguarda un regista italiano vorrei lavorare con Sorrentino un giorno. - Cosa significa per te essere attrice? Per me essere attrice vuol dire poter vivere tante vite che altrimenti non potresti vivere e quanto più riesci ad essere sincero e vero allora arrivi a dare qualcosa di talmente vero e far sognare le persone. Un momento meraviglioso di creatività. Quando ci si riesce e le persone ti dicono che gli hai dato quell'emozione un'artista ti senti appagato e felice. - Ricordi il tuo primo provino? Ricordo il mio primo provino con grande amore perché è stato proprio per una soap "Un posto al Sole". Era un provino per il personaggio di Tiziana che poi ho fatto perché sono stata presa. Mi hanno chiamato per andare a fare il provino a Napoli e la scena era lunga e tostissima perché dovevo piangere tutto il tempo mentre recitavo. Era un periodo molto difficile della mia vita quello e quindi in quel provino ho dato tutta me stessa e tutto il mio dolore. Insomma, ho preso il treno sono arrivata alla RAI di Napoli, ho fatto il provino e ancora in lacrime e stanchissima ho ripreso il treno per Roma, tutto in un giorno. Mi hanno chiamato qualche giorno dopo dicendomi che avevo vinto il ruolo e da quel giorno mi è cambiata la vita. Mi sono trasferita a Napoli ho preso casa e sono rimasta la un ano e così ho cominciato la mia carriera seriamente. - Quali sono i tuoi hobby? Come spendi il tuo tempo libero? Io faccio diverse cose nel mio tempo libero. Prima di tutto amo dipingere e quindi appena ho il tempo cerco di dedicarmi all'arte che è un'altra mia grande passione da sempre. Da molti anni ormai mi dedico anche al mondo Olistico e tutto quello che comprende il mondo spirituale, sono Master Reiki e quindi cerco di approfondire e studiare tutto ciò che comprende la guarigione spirituale dell'essere umano, da me stessa agli altri. Poi gli animali e i viaggi. - Il momento più brutto della tua vita? Uno dei momenti più brutti della mia vita è stato quando sono dovuta andarmene via dall'Australia. Io vivevo lì un tempo, avevo tanti amici, una casa, studiavo e lavoravo ma non avevo la cittadinanza e purtroppo è un paese in cui è difficile entrare e restare se non hai un lavoro o se non sei Australiano e quindi sono dovuta andare via per forza lasciando molto. Non ci sono più tornata dall'ora. - Ed il più bello? Beh, uno dei momenti più belli è stato quando dopo tanta sofferenza e tanta fede sono finalmente riuscita a fare quello che amo ed essere anche apprezzata nel mio lavoro. - Tv, cinema, teatro. Quali preferisci? Io amo recitare quindi se posso lavorare in un bel progetto che mi fa vivere quel fuoco dentro, va bene sia la tv, il teatro o il cinema. È la storia ed il personaggio che io guardo, ma se proprio devo scegliere, scelgo il cinema perché a livello tecnico la settima arte è la mia preferita. - Qual è il tuo feeling con i social network, Facebook e Twitter? Aiuto, cosa è Twitter??? (sorride) neanche ce l'ho. Ho solo Facebook e solo tra poco breve avrò la mia pagina ufficiale, dico solo questo. Fosse per me scriverei ancora con la macchina da scrivere! - Quali sono i valori in cui credi? I valori in cui credo sono semplici, non vorrei essere banale ma io credo nella la purezza dell'essere umano, cosa rara ma possibile, nella lealtà e nel vivere e lasciar vivere senza giudizi nell'apertura del cuore di tutti. - Quali sono i tuoi attori preferiti e i programmi tv che in genere guardi? Io amo molto i documentari su fatti realmente accaduti e ne vedo anche tre al giorno se riesco, poi mi piacciono molto i thriller psicologici e tutti i serial Americani e inglesi un pò noir. Quando ero piccola ho cominciato ad appassionarmi a “Twin Peaks” e anche adesso continuo a cercare serial di questo genere. Adesso è uscito da poco “True Detectives” che consiglio a tutti gli appassionati di questo genere. È cinema in casa, fantastica storia e anche come è girato. Per quanto riguarda i miei attori preferiti ne ho vari e di varie nazionalità. Soprattutto ho sempre amato il cinema e le attrici Francesi come La Binoche e la Huppert. Loro sono sempre state le mie icone come anche Cate Blanchett che trovo strepitosa in tutto quello che fa. Bellissima e bravissima attrice per me. - Ti piace la musica? che tipo di musica? Io vivo per la musica e con la musica, a dire il vero non riesco a creare se non ho la musica, sono un amante dell' Indie Rock e tutte le derivazioni e comunque sono figlia del grunge essendo stata quella la mia epoca, ma ascolto tutto, anche la musica classica se in quel momento mi ispira e ne sento il bisogno. - Qual è la persona più importante della tua vita? Ci sono varie persone più importanti per me nella mia vita, avendo perso mia mamma all’età di 15 anni, ho mio padre e visto che i miei amici hanno sempre rappresentato per me la mia famiglia ho le mie tre amiche del cuore che io considero sorelle e senza di loro mi sentirei persa. Per quanto riguarda i miei attori preferiti ne ho vari e di varie nazionalità. - Qual è il tuo sport preferito? Dipingere! (sorride) Non faccio sport da molto tempo e non ne vado fiera in realtà facevo molto sport da piccola ma da tempo sono un po' pigra a dire il vero. - Sei cattolica? Io sono nata cattolica e nel tempo ho fatto un pò marcia indietro per mie ragioni personali. Io non credo nel clero però credo molto nella madonna. Capisco che non è razionale il mio pensiero e può sembrare contraddicente ma è una questione interiore ed istintiva mia personale. La prego sempre e la sento molto vicina. - Sei una brava cuoca? Purtroppo non sono molto brava a cucinare...credo sia dovuto al fatto che sono cresciuta negli Stati uniti e lì non c’è una grande cultura della cucina come da noi, poi spesso si impara a cucinare dalla mamma, nonni, papà etc, ed io abito da sola da quando sono molto molto giovane quindi non mi sono mai dedicata troppo. - Qual è il tuo cibo preferito? Io amo i cibi esotici, tutto quello che è diverso e anche speziato, ma se devo proprio scegliere il mio cibo preferito direi il Sushi. Purtroppo sono oramai 8 mesi che cerco di non mangiare più carne quindi mi trovo un po' in difficoltà a rispondere a questa domanda al momento. - Il tuo cuore è felice in questo momento? Quanto conta per te l'amore? Il mio cuore al momento è sereno perché sono in un momento sereno con me stessa e nella mia vita ma l'amore conta moltissimo per me certamente.

cristina moglia | centovetrine | rete4 | fiction | intervista |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Cristina Zaltieri: traduttrice del filosofo François Zourabichvili per Negretto Editore


Cristina Scocchia: “Un 2015 molto positivo e di forte crescita per L’Oréal”


Investire sull’innovazione per cavalcare la crescita: Cristina Scocchia e il modello L’Oréal Italia


Intervista a Luca Pagetti: Coven Egidio al Perfume Factory (Cosmoprof 2017)


Coin rilancia il progetto Democratic Wear, il 12 marzo in vendita a 10 euro l’Arc Pant di G-Star RAW. Special Guest dell’evento Laura Chiatti


BERTUOLA E RINALDI, “PIRATI” ALLA GF GIORDANA GAVIA E MORTIROLO “ARBITRI” SEVERI


 

Stesso autore

La Cascina Di Balsamico Bonini, luogo di arte, creatività e cultura con la mostra " Famous Glasses"

La Cascina Di Balsamico Bonini, luogo di arte, creatività e cultura con la mostra
Quando il legno diventa arte: dal Balsamico Tradizionale di Modena a Famous Glasses San Cesario sul Panaro (MO) - La Cascina di Balsamico Bonini si trasforma ancora una volta in spazio creativo, diventando un luogo in cui l’arte di produrre Aceto Balsamico Tradizionale di Modena abbraccia e si fonde con altre forme d’espressione. A diventare co-protagonista di questi spazi questa volta è un’esp (continua)

Fabio Massimo Bonini, una vita tra gli States e l' Italia, tra arte e aceto balsamico tradizionale

Fabio Massimo Bonini, una vita tra gli States e l' Italia, tra arte e aceto balsamico tradizionale
Fabio Massimo Bonini, tra showbiz e tradizionale aceto balsamico di Modena Fabio Massimo Bonini, attore e imprenditore a 360°gradi, ha conosciuto una grande popolarità con la fortunata serie “Vivere” su Canale 5, dopo il grande successo ora vive a Miami ed è diventato un intraprendente produttore di Tradizionale Balsamico Aceto di Modena, nella sua Acetaia, luogo che sposa spesso tante mostre (continua)

Un Natale da Chef per Fabrizio Buompastore. L'intervista

Un Natale da Chef per Fabrizio Buompastore. L'intervista
Intervista a Fabrizio Buompastore, nel cast del film di Natale ” Natale da Chef” Fabrizio Buompastore, noto attore pugliese che si divide tra cinema e TV , è nel cast del nuovo cinepanettone di Neri Parenti , Un Natale da Chef con Massimo Boldi e tanti altri attori . Che ruolo interpreti in un Natale da chef ? Sono un imprenditore pugliese che lavora nel dolciario , un erotomane che organ (continua)

Il Burger Christmas, novità esclusiva targata " Pub Stritt"

Il Burger Christmas, novità esclusiva targata
PUB STRITT a Villa Di Briano si prepara al meglio per le feste natalizie con un’altra eccezionale e gustosissima PROPOSTA. Il giovane e accogliente pub di Salvatore Pagano presenta il Christmas Burger, con mozzarella di bufala e ragù di chianina. Una vera delizia del palato per Natale , un nuovo panino che raccoglie i sapori nostrani dell’oro bianco e del pomodoro con la carne buonissima. (continua)

Roberta Marten, la cantante transgender che porta la sua spiccata vocalità nel mondo

Roberta Marten, la cantante transgender che porta la sua spiccata vocalità nel mondo
L’immagine delle trans in Italia viene sempre accostata alla prostituzione. Roberta Marten, ex Roberto Martinazzo, invece, è invece un’artista e cantante di professione. Roberta canta da quando ha 3 anni. Nel 2003 realizza con il trio vocale Equivoci, “ Sinceramente non tuo” grazie a Franco Zanetti e Rudy Zerbi, un intero album tributo a Lucio Battisti/Pasquale Panella con un quartetto d’archi. (continua)