Home > Pubblica amministrazione > Rotazione vigili a Roma, una grande vittoria di De Pierro e dell’Italia dei Diritti

Rotazione vigili a Roma, una grande vittoria di De Pierro e dell’Italia dei Diritti

scritto da: Daiotto | segnala un abuso

Rotazione vigili a Roma, una grande vittoria di De Pierro e dell’Italia dei Diritti


 

Il presidente del movimento: “È dal 2008 che noi ci battiamo per i trasferimenti periodici non solo dei vigili ma anche dei dipendenti degli uffici tecnici comunali e, perciò, ne rivendichiamo, categoricamente, la paternità”

Roma - La rotazione intermunicipale avviata nelle scorse settimane dal Campidoglio rappresenta, senz’altro, una grande vittoria dell’Italia dei Diritti.  Si tratta, infatti, di una battaglia iniziata 6 anni fa e che a seguito delle numerose iniziative portate avanti, tra cui i 18 incatenamenti inscenati dal presidente del movimento, Antonello De Pierro, presso siti istituzionali, sedi di giornali, altre televisioni, e le trentamila firme raccolte a sostegno della stessa, ha finalmente dato i suoi frutti.

Il piano anticorruzione del comandante Raffaele Clemente è divenuto operativo qualche giorno fa, dopo aver incassato altresì il consenso del presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone. De Pierro si è, così, espresso in merito: “Salutiamo con grande entusiasmo la rotazione degli appartenenti alla Polizia Locale di Roma Capitale, che consideriamo una grande vittoria del nostro movimento. Oggi se ne parla tanto, infatti, qualche giorno fa ho partecipato a un convegno in materia di  lotta alla corruzione nella pubblica amministrazione, negli enti territoriali e nelle imprese presso l’Università LUISS di Roma, dove tutti i relatori da Raffaele Cantone a Piero Fassino, passando per Paola Severino e Marianna Madia, hanno fatto riferimento all'applicazione di questo provvedimento che tanto malumore sta suscitando tra i vigili urbani. Mi duole, però, constatare che nessuno abbia menzionato che è dal 2008 che noi ci battiamo per i trasferimenti periodici non solo dei vigili ma anche dei dipendenti degli uffici tecnici comunali e, perciò, ne rivendichiamo, categoricamente, la paternità. Io personalmente, in rappresentanza di tutta la nostra organizzazione politica, ho inscenato ben 18 incatenamenti presso varie sedi istituzionali e di organi di stampa per sensibilizzare l’allora amministrazione capitolina guidata da Gianni Alemanno, incassando il parere favorevole dell’allora comandante del gruppo di Ostia, Marco Giovagnorio, del vice comandante generale, Diego Porta, nonché dello stesso Sindaco Alemanno, che però non ha dato seguito a quanto aveva approvato. Siamo ben lieti, dunque, di prendere atto che con la giunta Marino e con l’avvento alla guida del corpo di Raffaele Clemente si sia concretizzata un’iniziativa per la quale non si poteva più attendere”.

Circa le numerose proteste a cui i vigili urbani hanno dato vita, non ultime le contestate assenze dal servizio nella notte di Capodanno, il Presidente dell’Italia dei Diritti si è così pronunciato: “Comprendo il malumore dei dipendenti e il loro disagio, ciononostante continueremo a propugnare questa linea che tra l’altro è molto più morbida rispetto a quella da noi tracciata. Infatti, le nostre previsioni vedevano una rotazione triennale, mentre il piano di Clemente stabilisce trasferimenti di cinque e sette anni, rispettivamente di funzionari e vigili. Gli appartenenti al corpo devono comprendere che tale misura, andando a limitare le possibilità integrative di fenomeni corruttivi, salvaguarda l’immagine del glorioso corpo che è un pilastro importante dell’apparato amministrativo della Capitale. È importante, però, che il comandante Clemente vigili attentamente sugli spostamenti che verranno effettuati, affinché, in un’operazione tanto importante quanto in ogni caso penalizzante soprattutto per quei dipendenti, e sono la stragrande maggioranza, che svolgono la loro attività all’insegna dell’onestà, abnegazione e trasparenza, non si adottino movimenti nei confronti di comparti presso i quali ci sono meno possibilità di collusioni territoriali e magari, qualcuno un po’ più furbo riesca a trovare il modo per continuare a restare  nello stesso posto. Infatti, se i settori in cui bisogna intervenire con più attenzione sono per esempio, quelli dell’edilizia e del commercio non possiamo pensare che si vadano a toccare per primi dipendenti che lavorano presso gli uffici del personale o chi da sempre svolge la stressante mansione di assicurare la viabilità, come sembra che invece stia avvenendo. Tengo a precisare – continua De Pierro – che consideriamo ciò solo un primo passo e invitiamo il sindaco Marino a dare luogo il prima possibile agli stessi provvedimenti anche per i dipendenti degli uffici tecnici e a riconsiderare il tutto in previsioni temporali a carattere triennale. Noi continueremo a insistere sulla nostra richiesta iniziale e se sarà necessario daremo luogo ad altre eclatanti manifestazioni di protesta”.


Fonte notizia: http://www.italymedia.it/notizie/attualita-e-cronaca/3259-rotazione-vigili-a-roma-una-grande-vittoria-di-de-pierro-e-dellitalia-dei-diritti


Antonello De Pierro | Italia dei Diritti | Radio Roma | Vincenzo Scotti | Ferdinando Imposimato | Giovanni Falcone | Paolo Borsellino | Giulio Andreotti | Antonio Ingroia | mafia | Cosa Nostra | Boris Giuliano | Antonio Di Pietro | Marco Travaglio | Totò Riina | To |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Aggredito dai mafiosi e accusato dallo Stato, Italia dei Diritti esprime solidarietà al suo presidente Antonello De Pierro


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Quer pasticciaccio brutto de via Peio che Marino ha ignorato


Carlo Spinelli ( IDD ) precisa: De Pierro non ha mai invitato a sparare sui napoletani


L. Ron Hubbard Umanitario - premi e riconoscimenti


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

De Pierro su condanna Armando Spada, a Federica Angeli è andata meglio che a me

De Pierro su condanna Armando Spada, a Federica Angeli è andata meglio che a me
Il presidente dell'Italia dei Diritti, poliziotto e giornalista, interviene sulla sentenza che punisce con un anno di reclusione il boss di Ostia e racconta l'aggressione ai suoi danni e la clamorosa censura disciplinare della Polizia di Stato, lamentando l'indifferenza della giornalista di Repubblica e neo delegata alle periferie di Roma Capitale nei suoi confronti Roma - A più di sette anni dall'evento che, secondo l'accusa, avrebbe visto il noto boss di Ostia Armando Spada minacciare di morte la giornalista di Repubblica Federica Angeli, è arrivata, in primo grado la condanna a un anno di reclusione. La Angeli si recò nello stabilimento gestito da Spada per  realizzare un'intervista e le minacce in esame sarebbero state rivolte al suo indirizzo per in (continua)

Lettera aperta di Antonello De Pierro,il poliziotto giornalista aggredito dal boss Spada e punito paradossalmente dalla Polizia

Lettera aperta di Antonello De Pierro,il poliziotto giornalista aggredito dal boss Spada e punito paradossalmente dalla Polizia
AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICAALLA PRESIDENTE DEL SENATOAL PRESIDENTE DELLACAMERA DEI DEPUTATIAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRIAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIAAL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONEPARLAMENTARE DI INCHIESTA SUL FENOMENODELLE MAFIE E SULLE ALTRE ASSOCIAZIONICRIMINALI, ANCHE STRANIEREAL PROCURATORE NAZIONALE ANTIMAFIAAL PROCURATORE DISTRETTUALE ANTIMAFIA ROMAAL PROCURATORE DELLA  (continua)

Antonello De Pierro, parla il poliziotto giornalista aggredito dal boss Spada e sanzionato incredibilmente dalla Polizia

Antonello De Pierro, parla il poliziotto giornalista aggredito dal boss Spada e sanzionato incredibilmente dalla Polizia
Il presidente dell'Italia dei Diritti ha deciso di rompere il silenzio sull'assurda vicenda, che vide il suo dirigente credere alla versione del clan. Era stata chiesta la destituzione poi derubricata in deplorazione, con carriera bloccata. Presto sarà un baby pensionato a spese dei cittadini, che sono costretti a lavorare fino a 67 anni Roma - E' nota a molti la vicenda che ha coinvolto, suo malgrado, il presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro e la sua famiglia, in particolare sua madre Lucia Salvati, dirigente statale in pensione, i quali, dopo aver presentato un esposto per abusi edilizi sono stati risucchiati in un vortice kafkiano fatto di intimidazioni, coperture istituzionali, aggressioni mafiose.Il giornalis (continua)

De Pierro, a Percile ha vinto l'Italia dei Diritti

De Pierro, a Percile ha vinto l'Italia dei Diritti
Il presidente del movimento commenta il 30% ottenuto alle ultime elezioni nel comune della Valle Ustica e spiega perché considera questo risultato un successo Roma - Ad alcuni giorni dallo spoglio delle elezioni amministrative 2020, che hanno visto il movimento Italia dei Diritti partecipare con una lista in più comuni, il presidente Antonello De Pierro, il giornalista ex direttore e voce storica di Radio Roma che lo fondò alcuni anni or sono, si avventura in una disamina del voto. E lo fa con riferimento a Percile, incantevole borgo della Città Metropo (continua)

Carlo Spinelli nuovo responsabile per la Politica Interna dell'Italia dei Diritti

Carlo Spinelli nuovo responsabile per la Politica Interna dell'Italia dei Diritti
Il segretario provinciale romano, membro del direttivo nazionale, è stato nominato dal fondatore e presidente del movimento Antonello De Pierro e succede a Oscar Tortosa, il quale da alcuni mesi ha assunto la carica di vice presidente Roma - Il movimento Italia dei Diritti, fondato e presieduto dal giornalista Antonello De Pierro, ha un nuovo responsabile del Dipartimento Politica Interna.Si tratta di Carlo Spinelli, membro del direttivo nazionale e segretario provinciale romano, che succede a Oscar Tortosa, approdato da qualche tempo alla carica di vice presidente. La nomina è giunta direttamente dal presidente De Pierro dopo (continua)