Home > Sport > TRENTO ABBRACCIA IL CICLISMO D’EPOCA, A LUGLIO SCATTA “LA MOSERISSIMA”

TRENTO ABBRACCIA IL CICLISMO D’EPOCA, A LUGLIO SCATTA “LA MOSERISSIMA”

scritto da: Newspower | segnala un abuso


Sabato 18 luglio debutta “La Moserissima - 1a Ciclostorica di Trento”

Unica tappa trentina del Giro d’Italia d’Epoca

ApT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e Asd Charly Gaul Internazionale al timone dell’evento

“La Moserissima” celebra il decennale della granfondo “La Leggendaria Charly Gaul”

 

 

Oggi a Trento, presso l’azienda agricola Moser di Maso Villa Warth, è stato lanciato un nuovo evento che sabato 18 luglio farà rivivere sulle strade del Trentino l’epopea del ciclismo eroico. “La Moserissima - 1a Ciclostorica di Trento” sarà l’unica tappa trentina del Giro d’Italia d’Epoca, il circuito che raccoglie tutte le più importanti cicloturistiche d’epoca del nostro paese. La ciclostorica, non competitiva, è dedicata agli appassionati del ciclismo vintage e la partecipazione è concessa soltanto ai possessori di una bicicletta costruita prima del 1987, con un abbigliamento originale o conforme a quello usato all’epoca della bicicletta.

L’affollata conferenza stampa odierna è andata in scena nella sala adiacente al Museo del Ciclismo di Francesco Moser ed è stata aperta dall’intervento di Elda Verones, direttrice dell’ApT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e “ideatrice” de “La Moserissima”: “Ringrazio Francesco Moser e i figli Carlo, Francesca e Ignazio per l’ospitalità qui a Maso Villa Warth e tutto lo staff dell’ApT che ha lavorato in questi mesi a quest’evento. Oggi comincia un nuovo percorso per noi, come direttrice dell’ApT ho sempre cercato di scoprire nuove opportunità per rinnovare l’offerta turistica e consolidare gli eventi che hanno già successo. Ho scoperto per caso il ciclismo d’epoca, più precisamente l’8 ottobre scorso, quando nel corso di una trasmissione televisiva di Tele Romagna ho conosciuto Claudio Marinangeli, il fondatore della celebre Eroica. Organizzare una ciclostorica mi sembrava il modo migliore per celebrare il decennale della granfondo “La Leggendaria Charly Gaul” e, tramite Marinangeli, ho contattato Michela Piccioni, vice presidente del Giro d’Italia d’Epoca con cui abbiamo iniziato subito a lavorare alla prima ciclostorica di Trento. Quando ho saputo che la famiglia Moser pensava di allestire un evento di questo genere, ho subito colto la palla al balzo proponendo di intitolare a Moser e alla sua famiglia la ciclostorica di Trento e così è nata “La Moserissima”. Dopo il successo de “La Leggendaria Charly Gaul” vogliamo portare anche i cicloturisti d’epoca sul nostro territorio e abbiamo visto che questo genere di eventi sono in forte crescita. Si tratta di manifestazioni non competitive dove gli appassionati si iscrivono per divertirsi e per scoprire le bellezze artistiche, naturali e le specialità gastronomiche dei territori nei ristori “d’epoca”. Insomma, un’ottima occasione per promuovere Trento, il Monte Bondone e la Valle dei Laghi come è stato già fatto con la GF “Charly Gaul” e l’UCI World Cycling Tour. Ringrazio, infine, la Provincia Autonoma di Trento che, con il Servizio per il Sostegno Occupazionale e la Valorizzazione Ambientale per la parte delle piste ciclabili e il Servizio Bacini Montani per le strade bianche ci ha sostenuto, la Protezione Civile, le Forze dell’Ordine e le amministrazioni comunali dei territori attraversati dal percorso.”

Subito dopo Elda Verones ha preso la parola il “padrone di casa”, Francesco Moser: “Da tempo con i miei figli e altri vecchi amici partecipiamo alle ciclostoriche. Sponsorizzo anche una squadra in Toscana, la Marconi-Moser, con cui facciamo l’Eroica e altre gare dove hanno corso assieme a noi anche Bitossi, Zilioli e Gilberto Simoni. È sempre bello tornare indietro nel tempo con le nostre vecchie bici e così, quando mi è stato proposto di fare una ciclostorica a Trento, mi è subito sembrata un’ottima idea. Mi sono messo a disposizione per allestire il percorso, che misurerà circa 58 km: il 20% sarà su strade bianche con degli sterrati molto belli sulla sponda destra dell’Adige e su un tratto dell’antica Via Claudia Augusta nella frazione di Camparta. Il resto si sviluppa su piste ciclabili con solo una minima parte sulle strade principali ”.

In sala erano presenti anche Gianluca Ghiretti e Michela Piccioni, rispettivamente presidente e vicepresidente del Giro d’Italia d’Epoca e quest’ultima ha spiegato le caratteristiche del circuito: “Organizziamo il Giro d’Italia d’Epoca dal 2010 e stiamo crescendo di anno in anno. Nel 2014 abbiamo fatto registrare 3200 partecipanti e sempre più eventi vogliono unirsi a noi. Si tratta di manifestazioni in cui gli appassionati di bici d’epoca possono coltivare la propria passione e dove gli organizzatori possono promuovere il territorio per il carattere non competitivo degli eventi. Appena ho incontrato Elda Verones l’ho subito invitata all’ultima tappa del Giro 2014, sul Garda, e lì abbiamo cominciato a lavorare a “La Moserissima”.

L’assessore allo sport del Comune di Trento Paolo Castelli ha ribadito l’importanza di questi eventi per il territorio: “Quando Elda Verones salta in bicicletta nasce sempre qualcosa di originale che tramite lo sport dà benefici al territorio. Questo tipo di eventi contribuiscono sia al benessere fisico delle persone che all’indotto economico, promuovendo un turismo attento all’ambiente e alla storia. Nel caso de “La Moserissima” si tratta anche di un’importante operazione culturale che riscopre le radici del ciclismo e della nostra storia. Trento si conferma quindi punto di riferimento nel mondo del ciclismo come già successo in questi anni con la GF Charly Gaul”.

A ruota di Castelli è intervenuto Dario Broccardo, presidente del comitato provinciale della FCI: “Il ciclismo d’epoca sta prendendo sempre più piede e il Trentino non poteva rimanere senza un evento del genere. Ringrazio, quindi, Elda Verones per aver portato in una regione storica del ciclismo italiano un evento vintage come La Moserissima”.

Nel corso della conferenza stampa sono intervenuti anche Gilberto Simoni, Aldo e Carlo Moser. “La Moserissima” sostiene anche l’Associazione Italiana Fibrosi Cistica, come ha spiegato oggi in conferenza Bruna Cainelli, presidente della sezione trentina dell’associazione.

“La Moserissima” di sabato 18 luglio è inserita nel programma del decennale de “La Leggendaria Charly Gaul” , l’unica tappa italiana dell’UCI World Cycling Tour in calendario dal 17 al 19 luglio prossimi.

Per le iscrizioni e tutte le informazioni su “La Moserissima” basta fare riferimento al sito ufficiale www.lamoserissima.it o alla pagina facebook “LaMoserissimaCiclostoricaTrento”.

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

A LUGLIO DEBUTTA “LA MOSERISSIMA” IL GIRO D’ITALIA D’EPOCA SBARCA A TRENTO


LA STORIA DEL CICLISMO PASSA DA TRENTO, SABATO DEBUTTA LA MOSERISSIMA


Sabato retrò con “La Moserissima”, pedalate su bici d’acciaio assieme ai Moser


La Moserissima riporta in auge il Ciclismo Vintage, Giro d’Italia d’epoca in Trentino fra un mese


“MOSERISSIMA” E “CHARLY GAUL”, WEEK END DA LEGGENDA A TRENTO


“LA MOSERISSIMA” PEDALA VELOCE, ULTIME ORE DI TARIFFA AGEVOLATA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

10 ANNI DI "STORY" TRA PRESENTE E PASSATO. AL VIA LE "STARS" DI MARCIALONGA

10 ANNI DI
Quasi 300 iscritti per la ‘Story’, il revival di Marcialonga al via sabato 29 Presenti Albarello, Ianeselli, Gilmozzi, Cavada e De Godenz Poi largo alle ‘Stars’ per sostenere l’Associazione LILT Marcialonga in onda su SKY nelle giornate di sabato, domenica e lunedì Cicerone diceva: “La storia è testimonianza del passato, luce di verità, vita della memoria e maestra di vita…”. La Story… la fa ancora una volta Marcialonga, e in Val di Fiemme e in Val di Fassa il concetto di tradizione e di rievocazione del passato è ben radicato negli animi della gente di queste due valli e nello spirito della ski-marathon più amata dagli italiani e non solo. Ad anticipare l’e (continua)

SENATORI A VITA, MARCIALONGA PER SEMPRE. I CAMPIONI DEL DOUBLE POLING “SOGNANO”

SENATORI A VITA, MARCIALONGA PER SEMPRE. I CAMPIONI DEL DOUBLE POLING “SOGNANO”
9 i senatori a vita di Marcialonga, 4 le hanno portate a termine tutte Per i più forti niente sciolina, tutti i 70 km in scivolata spinta Pronostici difficili, Gjerdalen e Britta Johansson sognano, Ida Dahl ci conta Marcialonga: «Una cavalcata di uomini contro il logorio della vita moderna» Marcialonga, edizione numero 49, quella del 2022 è già pronta a scendere in pista, una pista realizzata con fatica e sudore in un’annata parca di neve. Domenica 30 gennaio ne vedremo delle belle, ma la Marcialonga lungo i 70 km che solcano la Val di Fassa e la Val di Fiemme ha sempre regalato emozioni, spettacolo e scorci agonistici di primo piano.Ogni edizione ha avuto il suo leit-motiv, questa v (continua)

GF DOBBIACO-CORTINA ALLO … ZAFFIRO. 4 SENATORI AL VIA PER LA 45.a EDIZIONE

GF DOBBIACO-CORTINA ALLO … ZAFFIRO. 4 SENATORI AL VIA PER LA 45.a EDIZIONE
45° anniversario per la Granfondo Dobbiaco-Cortina, più di mille gli iscritti Al via i senatori Bergmann, Bachmann, Dall’O e Walder Sabato 5 febbraio 42 km in classico, domenica 32 km in skating Iscrizioni online fino a mercoledì 2 febbraio Lo zaffiro è una pietra preziosa dal colore blu con sfumature celesti, gli stessi colori che troviamo nello stemma della Granfondo Dobbiaco-Cortina. La lunga storia della granfondo inizia il 3 aprile 1977, data della prima edizione, e nel 2022 il presidente Herbert Santer e il vice Igor Gombac celebrano la 45a edizione, in programma il 5-6 febbraio. La pietra dello zaffiro, che simboleggia anche i (continua)

LOTTA SUGLI SCI PER GLI SCOIATTOLINI. LO SKIRI TROPHY SULLE ALPI… MARITTIME

LOTTA SUGLI SCI PER GLI SCOIATTOLINI. LO SKIRI TROPHY SULLE ALPI… MARITTIME
Combattute gare a Lago di Tesero nella seconda giornata dello Skiri Trophy SC Alpi Marittime sugli scudi soprattutto con Luna Forneris e Carlotta Gautero Nicolò Calzà difende l’onore di casa, bis di Pozzi figlio d’arte Va in archivio la 38.a edizione con un nuovo successo “Più dura è la battaglia, più dolce è la vittoria” scrisse Les Brown. E oggi a Lago di Tesero in Val di Fiemme nessuno degli “scoiattolini” si è tirato indietro. Luna Forneris, Nicolò Calzà (U14), Carotta Gautero e Federico Pozzi (U16) il motto di De Coubertain ‘l’importante è partecipare’ proprio non lo considerano. Sono loro, e con entusiasmo, i vincitori delle quattro gare di oggi del 38° Skiri (continua)

SKIRI TROPHY XCOUNTRY UNA VALANGA DI EMOZIONI. SULLA PISTA OLIMPICA BABY, CUCCIOLI E REVIVAL

SKIRI TROPHY XCOUNTRY UNA VALANGA DI EMOZIONI. SULLA PISTA OLIMPICA BABY, CUCCIOLI E REVIVAL
Prima giornata del ‘mini mondiale’ per i piccoli fondisti a Lago di Tesero Tra i Baby successo di Sagmeister e Trettel, fra i Cuccioli primi Carletto e Gaole Nel Revival torna a vincere il trentino Conti, al femminile vittoria per Gismondi Domani mattina le gare delle categorie Ragazzi e Allievi “Ready, set, go!” Alle 14.30 lo storico speaker dello Skiri Trophy XCountry, Mario Broll, ha lanciato i primi giovanissimi della 38.a edizione di quello che unanimemente è considerato il ‘mundialito’ dello sci di fondo giovanile. I baby, o Under 10 come si usa chiamarli adesso, hanno monopolizzato l’attenzione sulle piste di Lago di Tesero, in Val di Fiemme, poi è toccato agli U12 (Cuccioli) e qui (continua)