Home > Primo Piano > Pensione ai superstiti: FAP ACLI in aiuto dei giovani pensionati

Pensione ai superstiti: FAP ACLI in aiuto dei giovani pensionati

articolo pubblicato da: Artsia | segnala un abuso

Pensione ai superstiti: FAP ACLI in aiuto dei giovani pensionati

La proposta di legge della Federazione Anziani Pensionati per integrare le pensioni di invalidi, inabili e  superstiti alla perdita di un coniuge o del genitore

 

 

La riforma delle pensioni del 1995 (legge 8.8.1995 n. 335), introducendo un sistema di calcolo delle pensioni esclusivamente contributivo per chi ha iniziato a lavorare successivamente al 1 Gennaio 1996, ha di fatto abrogato il diritto all’integrazione al trattamento minimo, strumento attraverso il quale veniva garantito un importo minimo della pensione ai lavoratori, in possesso di requisiti e di condizioni reddituali di diritto.

Si viene così a delineare uno scenario nel quale alcune categorie non sono tutelate, in contrasto con l’ art. 38 della Costituzione per il quale “I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati i mezzi adeguati alle loro esigenze in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria”.
Un analogo concetto di tutela dovrebbe inoltre essere esteso anche alle “pensioni ai superstiti”. Ma cosa si intende per pensione ai superstiti?

Per pensione ai superstiti si indica una prestazione economica erogata sulla base dei concetti fondamentali della funzione previdenziale. In particolare è la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare .


Tale pensione può essere distinta in pensione di reversibilità o pensione indiretta.

La pensione di reversibilità viene erogata nella situazione in cui il pagamento del trattamento pensionistico era già in favore del defunto, titolare di una pensione diretta.
La pensione indiretta viene invece erogata nella situazione in cui il lavoratore defunto non era ancora titolare di pensione. La condizione sine qua non è che il lavoratore assicurato abbia maturato 15 anni di contribuzione utile o 5 anni di contribuzione in tutta la vita, di cui almeno 3 negli ultimi 5 anni precedenti il decesso.


Ma se una pensione indiretta o di reversibilità viene liquidata sulla base del sistema contributivo, essa non beneficia di alcuna integrazione al minimo livello percepibile, a prescindere dal possesso o meno di redditi del titolare della pensione a  differenza di come avveniva per il sistema retributivo, ma viene semplicemente liquidata sulla base dei contributi, quali che essi siano.

In questo modo il sistema previdenziale non risponde alle esigenze solidaristiche in situazioni emergenti di perdita o di cessazione del reddito da lavoro, andando invece ad incidere sull’aumento dei “nuovi poveri”.

Coloro che sono impossibilitati a svolgere l’attività lavorativa o si trovano in situazione di indigenza (invalidi, inabili, superstiti) e ai quali non si applicano i dispositivi di integrazione dei minimi sono circa 51mila in Italia. In media un pensionato con queste caratteristiche percepisce 173 € mensili, ben al di sotto della soglia di povertà.

La FAP il sindacato pensionati promosso dalle ACLI ha pertanto delineato una proposta di legge che prevede che ci sia un de minimis universalmente riconosciuto, erogato in misura tale da consentire che l’ammontare dei trattamenti non sia inferiore all’importo annuo di €7.000.

Per ottenere questo minimo vitale la Fap propone che il titolare abbia un reddito inferiore ai €7.000 che si alza a €14.000 in caso di coniuge, escludendo dalla valutazione dei redditi la casa di abitazione e l’eventuale indennità di accompagnamento. Qualora nel nucleo siano presenti figli minori o inabili il minimo vitale spetta comunque.

 

Alla proposta di legge, la FAP ACLI ha affiancato il lancio della campagna “E Se piove?” veicolata sui social per sensibilizzare l’opinione pubblica su questa situazione di disagio e di ingiustizia sociale.

Fap Acli | pensioni contributive | articolo 38 | proposta di legge |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La FAP ACLI prosegue nella campagna a tutela dei giovani pensionati


FAP ACLI lancia la campagna di sensibilizzazione “E se Piove?”


FAP ACLI promuove una proposta di legge per i giovani pensionati


Da FAP ACLI parte l’allarme sulle pensioni


Tanti eventi e grandi ospiti per la festa delle Acli regionali e provinciali


Progetto “Sala di attesa”: il sistema di gestione di accoglienza presso le sedi del Patronato Acli


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Mario Fiorillo, manager della Roma Nuoto, riceve il Collare d’Oro del Coni

Si è svolta nella Sala delle Armi del Foro Italico, la cerimonia di consegna delle più alte onorificenze sportive: Collari d'Oro, Stella al Merito Sportivo e Palma d’Oro al merito tecnico. Tra i premiati, alla presenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, anche il Manager della Roma Nuoto Mario Fiorillo, capitano dello storico Settebello campione olimpico a Barcellona 199 (continua)

I benefici del Functional Training o Allenamento Funzionale

I benefici del Functional Training o Allenamento Funzionale
 L’allenamento funzionale o functional training rispecchia la tendenza degli ultimi anni, scopriamo di cosa si tratta. Negli ultimi anni il mercato del fitness ha visto nascere una nuova forma di allenamento, l’allenamento functional training, tecnica di allenamento che si basa sull’esecuzione di esercizi che mimano i movimenti che il corpo esegue quot (continua)

Piero Di Lorenzo sgretola il sistema illecito degli appalti RAI

Piero Di Lorenzo sgretola il sistema illecito degli appalti RAI
Dopo gli ultimi fatti di cronaca riguardanti la gestione degli appalti in Rai durante la gestione Gubitosi la domanda che subito viene in mente è: perché queste nefandezze, anziché essere inviate immediatamente alla Procura della Repubblica, sono state tenute nascoste agli inquirenti durante la gestione del “moralizzatore” Gubitosi e dei suoi accoliti? Parlando di (continua)

Confronto Alfa Romeo, BMW, Mercedes su via Amedeo Parmeggiani Bologna

Oggi a Bologna, su Via Amedeo Parmeggiani, si discuteva della nuova Giulia con gli amici della concessionaria. Nello specifico si confrontava la nuova nata in casa Alfa con le principali rivali, la Mercedes AMG C63 e la BMW M3 . Si tratta praticamente di una sfida epica, parliamo di tre colossi automobilistici, Alfa Romeo, BMW e Mercedes. I 510 CV dell'Alfa Romeo Giulia equipaggiata con il V6 3.0 (continua)

La nuova Giulia su via Amedeo Parmeggiani Bologna

 Poco meno di un mese fa, l'Alfa Romeo ha presentato il suo nuovo gioiellino, la nuova Giulia. Pochi giorni fa hanno aperto una concessionaria Alfa Romeo su via Amedeo Parmeggiani a Bologna, proprio sotto casa mia, una gioia immensa per un appassionato come me. La nuova Giulia:  510 CV di potenza non li hanno né la BMW M3 (431) né la Mercedes C 63 AMG (476) n&eac (continua)