Home > Ambiente e salute > La truffa dell'acqua: i difetti dell'acqua in bottiglia

La truffa dell'acqua: i difetti dell'acqua in bottiglia

scritto da: Ictadmin | segnala un abuso


Il successo dell'acqua in bottiglia procede imperterrito nonostante la crisi, dal 1980 il consumo pro capite è andato con un trend in constante crescita assieme al circuito di import export nel mercato italiano; nel 2012 i consumi sono cresciuti esponenzialmente addirittura rispetto al precedente anno passando a 192 litri d'acqua per abitante. Più di una bottiglia da mezzo litro a testa, e nell’80% dei casi queste bottiglie sono in plastica, il che conferma un primato europeo del nostro paese: 12,4 miliardi di litri imbottigliati, un giro di affari da 2,3 miliardi di euro gestito da 156 società con 296 marchi. Un litro di acqua imbottigliato percorre chilometri prima di arrivare a destinazione sulle nostre tavole. Da questo quadro che emerge dall'indagine annuale di Legambiente e Altreconomia riguardante i canoni d’imbottigliamento dell'acqua.

In Italia secondo l'ultimo annuario Beverfood esistono 156 stabilimenti d’imbottigliamento acque minerali per 269 marchi. Sono collocati principalmente all'estremo nord e al sud della nostra penisola a contendersi il maggior numero di stabilimenti. Regione Lombardia al primo posto insieme a Piemonte e Sicilia, hanno rispettivamente diciotto, tredici e ventitré stabilimenti presenti sul loro territorio con i numeri di marchi più elevati rispettivamente 37, 35 e 23, come fanalino di coda trova la puglia e la val d'Aosta con 3 e 1 stabilimenti d’imbottigliamento per 4 e 1 marca di acqua prodotta.

Le stratosferiche quantità di acqua da bere prodotta e imbottigliata causano secondo i dati l'utilizzo di una spropositata quantità di plastica, oltre sei miliardi di bottiglie da 1,5 litri per un totale di 450 mila tonnellate di petrolio e più di un 1,2 milioni di tonnellate di CO2 emesse per la produzione.

Mediamente le aziende che imbottigliano pagano un euro ogni mille litri ovvero un millesimo di euro per ogni litro imbottigliato, infatti, i canoni di concessione stabiliti sono veramente bassi perfino in aree dove l'approvvigionamento è particolarmente difficoltoso, e in alcuni casi quando sono stabiliti, non vengono presi in considerazione nemmeno i volumi emunti o imbottigliati, ma solo gli ettari dati in concessione.

Per mettere fine a quest’assurdo paradosso e creare criteri uniformi su tutto il territorio, nel 2006, la conferenza stato-regioni provò a mettere in ordine nel settore con un documento che proponeva canoni uniformi con una valutazione nella stipulazione oltre degli ettari anche i volumi emunti o imbottigliati.

Ancora oggi però queste indicazioni non sono state tuttora accolte e questa vera e propria regalia procede.
Spesso Legambiente ha proposto di applicare anche in Italia le indicazioni europee richiedendo una tassazione più alta per l'utilizzo e il consumo di beni ambientali e per lo svolgimento di attività inquinanti che danneggiano l'ambiente, questo un tema che come abbiamo visto tocca da vicino il settore dell'acqua in bottiglia.

Oltre a ciò bisogna rilevare che gli italiani vanno a pagare per più del 90% del prezzo per la bottiglia, il trasporto e la pubblicità oltre ovviamente al gigantesco utile dell'azienda in questione e solo l’un percento del prezzo è il costo effettivo dell'acqua.

A questo punto e a seguito delle valutazioni sopra esposte ci si potrebbe chiedere se non fosse meglio, come sempre più persone fanno, passare all'uso di depuratori d’acqua casalinghi di qualità che avrebbero un costo sui consumi sicuramente più basso e sopratutto un impatto ambientale nettamente inferiore.
 


Fonte notizia: http://www.teco-group.net/prodotti-servizi/domestico.html


acqua da bere | acqua in bottiglia | acqua sana e pura | depuratori d acqua | depurazione dell acqua | depuratori | imbottigliamento | salute | idratazione |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Guida del serramentista: qual è la differenza tra serramenti e infissi?

Guida del serramentista: qual è la differenza tra serramenti e infissi?
Qual è la differenza tra infissi e serramenti? Impariamo a riconoscere questi elementi con l'aiuto di un serramentista professionista. Anche se nel linguaggio comune, serramenti e infissi sono utilizzati come sinonimi, esiste una differenza tra questi elementi. Lasciamo che Franco, esperto serramentista, ci spieghi quale è esattamente questa differenza per imparare di più su porte e le finestre della nostra abitazione.Entrambi gli elementi fanno parte delle opere di finitura di un edificio, per gli esperti sono ben distinti. Si d (continua)

Differenze tra files immagine in RGB e in CMYK

Differenze tra files immagine in RGB e in CMYK
Gestendo delle immagini, magari per la vostra azienda, vi sarete imbattuti in una richiesta del tipo "RGB o CMYK?", vediamo di cosa si tratta "Inviami l'immagine in CMYK" oppure "Il file è in RGB". Molti lavoratori dipendenti o imprenditori si saranno trovati alle prese con questo genere di richieste nel momento di lavorare con le immagini. Ma cosa significano esattamente queste sigle? E in cosa si differenziano?Cos'è il profilo colore?Prima di iniziare a creare un progetto grafico o prima di iniziare a elaborare una immagine, ci sono d (continua)

Perché è necessario fare formazione sulla sicurezza?

Perché è necessario fare formazione sulla sicurezza?
La formazione sulla sicurezza è un diritto e dovere di ogni lavoratore. Scopriamo, con l'aiuto di un esperto, i vantaggi che comporta. La formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro è obbligatoria per tutti i lavoratori, come stabilito dal D.Lgs 81/08 e ribadito dall’Accordo Stato-Regioni del 7 luglio 2016, che modifica e integra le norme dell’Accordo del 2011.Al tempo stesso è anche un diritto dei lavoratori essere informati sui possibili rischi sul lavoro, essere istruiti sull’utilizzo delle attrezzature e conoscere le proc (continua)

Differenze tra porta blindata e porta corazzata, quale è meglio installare?

Differenze tra porta blindata e porta corazzata, quale è meglio installare?
C'è differenza porta blindata e porta corazzata? Sono davvero sinonimi? E quale delle due è meglio installare per la sicurezza di casa? Porta blindata o porta corazzata? Quale è la soluzione migliore per la sicurezza della tua abitazione? È possibile che tu sia in procinto di traslocare in una nuova abitazione oppure desideri una maggiore sicurezza per te o i tuoi cari.Decidi quindi di installare una porta blindata o una corazzata. Ma quale è la differenza tra questi due tipi di serramenti? Vediamo di rispondere a queste domande c (continua)

Videoconferenza: la formazione a distanza ai tempi del Covid-19

Videoconferenza: la formazione a distanza ai tempi del Covid-19
La videoconferenza è diventata uno strumento essenziale di formazione e didattica a distanza in tempi di distanziamento sociale e covid-19. Perchè la videoconferenza sta diventando uno strumento essenziale per la didattica a distanza? Mai come in questo momento storico così particolare, con il Covid-19 che limita fortemente gli spostamenti ed il contatto tra le persone, il mondo del lavoro si è così rapidamente evoluto spingendo la tecnologia ad innovarsi per stare al passo con le nuove esigenze professionali. Sono aumentati infatti i (continua)