Home > News > De Pierro su manifestazione di Salvini a Roma, abolire la Lega per legge

De Pierro su manifestazione di Salvini a Roma, abolire la Lega per legge

articolo pubblicato da: daiotto | segnala un abuso

De Pierro su manifestazione di Salvini a Roma, abolire la Lega per legge

 

Il presidente dell’Italia dei Diritti: “Non è possibile che nell’arco costituzionale venga annoverata una formazione politica che ha sempre gridato alla secessione e all’indipendenza di quella fantomatica, fantasiosa e folkloristica Padania disegnata da Bossi e che ha sempre ripudiato il tricolore”

Roma - Tanta attesa nei giorni scorsi per la manifestazione di oggi anti-Renzi della Lega Nord in piazza del Popolo. Roma è infatti blindata, molti commercianti che hanno i loro negozi lungo il percorso hanno deciso di rimanere chiusi e quattromila sono gli agenti schierati. Contemporaneamente, una contromanifestazione si svolgerà dalle ore di 18 in piazza Cola di Rienzo, per riunire quanti si dichiarano anti-Salvini.

 

Antonello De Pierro, presidente del movimento Italia dei Diritti, ha così commentato la “marcia su Roma di Salvini”:“Fermo restando il principio secondo il quale ogni cittadino ha il diritto di manifestare ed esprimere le proprie opinioni, in ossequio al dettato costituzionale e nei limiti della liceità comportamentale, Matteo Salvini, almeno secondo una prospettiva teorico-giuridica, essendo un cittadino italiano può manifestare come e quando vuole le sue opinioni. E allo stesso modo, chi è contro Salvini può manifestare il suo dissenso rispetto alla manifestazione leghista a Roma. Se invece, giudichiamo il tutto da un punto di vista politico, purtroppo vivendo in un tessuto sociale dove la gente ha la memoria molto corta pensiamo che ci voglia una bella faccia tosta per recarsi a Roma, o peggio a Palermo, al fine di racimolare qualche consenso per un partito i cui esponenti sono stati capaci di dire tutto e il contrario di tutto. Ci sembra che il virus dell’incoerenza abbia colpito con grande vigore il leader del Carroccio tanto da rinnegare ogni dichiarazione programmatica sostenuta negli anni. Purtroppo dobbiamo accettare, visto che la Lega Nord ha una rappresentanza parlamentare e nessuno ha fatto sì che ciò non avvenisse, che i romani subiscano l’affronto di dover sfidare leghisti che hanno urlato sempre a gran voce Roma ladrona salvo poi accomodare le proprie terga sugli scranni di quella Roma ladrona contro cui avevano sempre imprecato. Il problema è però un altro, quanto sta accadendo oggi nella Capitale con questa controversa manifestazione non avrebbe dovuto nemmeno esistere visto che a nostro avviso la Lega Nord è un partito che andrebbe abolito per legge. Infatti, non è possibile che nell’arco costituzionale venga annoverata una formazione politica che ha sempre gridato alla secessione e all’indipendenza di quella fantomatica, fantasiosa e folkloristica Padania disegnata da Bossi e che ha sempre ripudiato il tricolore. Ricordo con grande dolore che mentre a Roma qualche anno fa si svolgevano i funerali di Nicola Calipari con la bara avvolta nella bandiera italiana, alcuni ministri della Lega cantavano in altra sede una canzoncina che invitava a bruciare il tricolore. Di fronte purtroppo alla realtà dei fatti possiamo solo auspicare, secondo l’antico adagio che recita che il lupo perde il pelo ma non il vizio, che i cittadini risveglino la loro coscienza mnemonica e non si facciano ammaliare dalle lusinghe del Matteo leghista e rispediscano al mittente ogni invito che ha un lapalissiano sapore di demagogia volto a racimolare qualche voterello per tentare di risollevare quella crisi profonda in cui la lega annaspa da tempo”.

Antonello De Pierro | Italia dei Diritti | Radio Roma | Matteo Salvini | Matteo Renzi | Partito Democratico | Pd | Sel | Nichi Vendola | Alcide De Gasperi | Palmiro Togliatti | Enrico Berlinguer | Angelino Alfano | Antonio Di Pietro | Umberto Bossi | Roberto Calder |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

SINTONIA TOTALE TRA BEPI PEZZULLI DI SELECT MILANO E SALVINI CONDIVISI A MILANO OBIETTIVI CONCRETI PER LA RIPRESA ECONOMICA ITALIANA


De Pierro, auspico un governo con Di Maio e Salvini


MATTEO SALVINI ALLA FORCA PER NON AVER RUBATO I FONDI DELLA LEGA


Il governo populista di M5S e Lega nasce per fare gli interessi dei padroni e dei ricchi, piegandosi a UE, NATO e Vaticano


Migranti, esplode la polemica politica. Regioni contro i nuovi Cie


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

De Pierro, in visita a Fiuggi, auspica dimissioni sindaco e maggioranza

De Pierro, in visita a Fiuggi, auspica dimissioni sindaco e maggioranza
  Il presidente dell'Italia dei Diritti: "Un'amministrazione comunale che non è sensibile alla corretta valorizzazione delle enormi potenzialità del territorio è orfana degli strumenti basilari e dei più elementari supporti concettuali e valoriali per poter espletare l'attribuzione mandataria affidatale dal corpo elettorale   Roma - Chi era presente pa (continua)

Marco Orsola è il primo sindaco targato Italia dei Diritti

Marco Orsola è il primo sindaco targato Italia dei Diritti
 Il primo cittadino di Saracinesco (Rm) ha aderito al movimento presieduto da Antonello De Pierro   Roma - L'espansione del movimento Italia dei Diritti, presieduto dal giornalista romano Antonello De Pierro, ormai non conosce sosta. Dopo aver ottenuto l'elezione di undici consiglieri in sei comuni, che aggiunti ai precedenti eletti fanno quattordici in sette comuni, solo nella Citt&a (continua)

Italia dei Diritti, De Pierro nomina Oscar Tortosa vice presidente

Italia dei Diritti, De Pierro nomina Oscar Tortosa vice presidente
  Il presidente del movimento ha scelto con convinzione: "E' stato dalla prima ora una figura molto affidabile per il nostro movimento, che ha sostenuto con coerenza e impegno ogni battaglia. La sua storia politica non ha bisogno di commenti e credo fosse la persona più adatta per ricoprire il ruolo" Roma - Sarà l'on. Oscar Tortosa il nuovo vice presidente del mo (continua)

Le liste rosa dell'Italia dei Diritti a Sambuci e Saracinesco

Le liste rosa dell'Italia dei Diritti a Sambuci e Saracinesco
  La scelta di candidare solo donne è spiegata dal presidente Antonello De Pierro: "Da sempre, a prescindere dagli obblighi imposti dall'impianto normativo in vigenza in afferenza alle quote di genere, abbiamo sempre prestato attenzione, nella formazione delle liste, alla presenza di donne. A Sambuci abbiamo tenuto conto della scarsa attenzione che da sempre viene riservata al ge (continua)

Comune chiuso a Saracinesco per lista Italia dei Diritti di sole donne, denuncia penale

Comune chiuso a Saracinesco per lista Italia dei Diritti di sole donne, denuncia penale
 Il presidente del movimento Antonello De Pierro: "La chiusura degli uffici municipali di un comune interessato da una tornata elettorale amministrativa nel giorno della presentazione delle liste confligge in maniera lapalissiana con l'esercizio del diritto all'elettorato passivo, che risulta inevitabilmente coartato"   Roma - "Quanto verificatosi ieri a Saracinesco ha (continua)