Home > Cultura > Premio Il Molinello a Storie borderline della mia pipa - Edizioni Psiconline. Un grande successo per Enrico Magni

Premio Il Molinello a Storie borderline della mia pipa - Edizioni Psiconline. Un grande successo per Enrico Magni

scritto da: Aurelia | segnala un abuso

Premio Il Molinello a Storie borderline della mia pipa - Edizioni Psiconline. Un grande successo per Enrico Magni


La Giuria del Concorso Letterario Internazionale “Il Molinello” ha assegnato a Enrico Magni il Premio Speciale della Giuria Diploma d’onore Il Molinello per la Narrativa Edita con il libro Storie borderline della mia pipa – Edizioni Psiconline.
La cerimonia di premiazione ha avuto luogo sabato 28 Marzo 2015 alle ore 16,00 presso la Sala Meeting “Le Monete” del “Complesso Turistico Alberghiero Apogeo” Loc. Bettolle – Sinalunga (Siena).

Enrico Magni, psicologo, psicoterapeuta, sessuologo, ipnologo, specialista in Criminologia è autore di diversi articoli scientifici e di saggi sul disagio psicologico e sociale tra i vari: Il volo di Rust: il disagio giovanile dentro e fuori il mito, Editore Bertani, 1997; Il male di vivere, Edizioni Sapere, 2003; La discarica dei folli, Edizioni Sapere, 2005; L’atto violento: aspetti biologici, psichici, psichiatrici, Edizioni Sapere, 2006; Droghe ricreative. Le life skills per crescere in-dipendenti, Franco Angeli, 2010; Parlo con te. Ragazzi, genitori, insegnanti, Edizioni Sapere, 2011; Tecniche di distensione immaginativa, manuale di auto-aiuto. Edizioni Psiconline, 2013.
Storie borderline della mia pipa pubblicato nel 2014 presentato al Festival delle Letterature dell’Adriatico lo scorso mese di novembre racconta di sei  storie vere, nate dal caso e dall’incontro, così come la pipa e il tabacco generano il fumo o come il contenuto e il contenitore producono un significato dando forma all’informe.
Un ascoltatore ed il suo interlocutore. Una storia che fluisce e s’intreccia ad emozioni e pensieri forti. Il bisogno di raccontare ed essere ascoltati e lo sforzo di chi tenta di non sfuggire e non giudicare. Una relazione: tra chi ha qualcosa di importante da dire ed un professionista che cerca di registrare tutto ciò che gli viene proiettato addosso.
È questo il filo conduttore di ognuna delle sei storie presentate nel libro di Magni: un reporter ascolta (o legge) delle vicende, assolutamente diverse tra di loro, e presentate con modalità altrettanto varie. Dalla guerra nazifascista, che ha portato via la madre del primo protagonista; al trauma di Gianni, primo attore nel secondo capitolo, e all’insorgere della sua malattia; alla vita sessuale precoce di un’adolescente, Luciana, che dimentica sbadatamente il suo diario su una panchina del parco; alle vicende di Carla, “sottomessa” psicologicamente al marito e ad una vita prestabilita; alla vita nel carcere, che rappresenta, per la sua lunghezza e la sua corposità, un romanzo nel romanzo; infine, all’adolescenza ed alle dinamiche della dipendenza da sostanze, circolo vizioso senza fine e dalle mille sfaccettature, di cui l’autore presenta “solo” quattro esempi.
Magni usa uno stile assolutamente semplice e diretto. La presentazione delle storie è così lineare e dettagliata, da coinvolgere completamente nella lettura: le emozioni che ogni protagonista vive e le loro esperienze si proiettano anche nel lettore, fino a lasciarlo completamente avvolto nella stanza e nella narrazione, seduto su quella sedia, con quella persona di fronte, che gli chiede ascolto ed aiuto per quella sua specifica richiesta. Ciò fa di “Storie borderline della mia pipa” non un libro da poter raccontare, ma da vivere, riga dopo riga. Si trattiene il fiato fino alla fine e, quando si arriva all’ultima pagina, si resta con un turbinio di stati d’animo e sensazioni, che
fanno sembrare questo un finale brusco e crudele.
Facendolo sperimentare in prima persona, Magni usa, forse, il mezzo più efficace per descrivere il suo lavoro, una vera avventura tra così tante vite ed i loro protagonisti, e per spiegare cosa vuol dire ascoltare, con rispetto, tutto quello che viene portato in questo vortice di emozioni, positive e negative, nonché quanto coraggio e quale sforzo ci vogliano per rimanere in una relazione.

Recensione a cura della Dott.ssa Alice Fusella



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

BIOGRAFIA DEL VENERABILE BAGDRO - MONACO BUDDISTA TIBETANO


- Campania Palcoscenico del 4° Gran Premio Teatro Amatoriale FITA Stagione artistica 2018. (Inoltrato da Antonio Castaldo)


Ecco i cinque finalisti del Premio Biella Letteratura Industria 2016


Marzo d'autore per Gianfranco Iovino


La mostra personale di Marco Andrea Magni di scena a Milano


Alla scoperta di nuovi Pianeti. Michela Magni espone alla rassegna Le Vie dell’Arte a Cori


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Racconti schizofrenici di Stefano Porcu e Bruno Furcas - Edizioni Psiconline, dal 17 settembre in libreria

Racconti schizofrenici di Stefano Porcu e Bruno Furcas - Edizioni Psiconline, dal 17 settembre in libreria
Racconti schizofrenici. Vivere la malattia mentale attraverso gli occhi di operatori, pazienti e familiari di Stefano Porcu e Bruno Furcas, nella Collana A Tu per Tu, illustrazioni di Emanuele Musiu sarà disponibile in libreria dal 17 settembre. Gli autori hanno raccolto attraverso brevi racconti, delle storie che tratteggiano stralci di vita ed esperienza di persone con sofferenza menta (continua)

Edizioni Psiconline presenta l'anteprima delle novità editoriali

Edizioni Psiconline presenta l'anteprima delle novità editoriali
Dal 12 al 23 agosto 2015 Edizioni Psiconline chiuderà per le ferie estive, ma la nostra Redazione è da tempo impegnata per la preparazione di numerose e interessanti novità editoriali: Racconti schizofrenici, Scegliere il cambiamento, Ilcinquantaduepercento, sono soltanto alcuni titoli delle prossime pubblicazioni. Da settembre in tutte le librerie: Racconti schizofrenici (continua)

Intervista a Emmanuella Ameruoso autrice di Desiderare la genitorialità. Il mondo interiorizzato nel disturbo dell'infertilità - Edizioni Psiconline

Intervista a Emmanuella Ameruoso autrice di Desiderare la genitorialità. Il mondo interiorizzato nel disturbo dell'infertilità - Edizioni Psiconline
Emmanuella Ameruoso nel suo volume Desiderare la genitorialità. Il mondo interiorizzato nel disturbo dell’infertilità (Collana Ricerche e Contributi in Psicologia) fornisce uno spunto per un’indagine più specifica sul tema dell’infertilità di coppia ad eziologia psicogena e come manifestazione di esperienze legate allo sviluppo psicosessuale. Emmanuel (continua)

Chi è lo psicologo del lavoro?

Chi è lo psicologo del lavoro?
Lo psicologo del lavoro, le sue principali aree di attività e le sue competenze sono l'argomento dell'articolo pubblicato su www.psicologi-italiani.it dal titolo Chi è lo psicologo del lavoro? di Angela Chiara Leonino laureata in Psicologia Clinica e della Salute, all’Università “G. D’Annunzio” di Chieti. Lo Psicologo del lavoro è lo specialista (continua)

Intervista a Francesco Codato sul suo nuovo saggio Che cos’è la malattia mentale - Edizioni Psiconline

Intervista a Francesco Codato sul suo nuovo saggio Che cos’è la malattia mentale - Edizioni Psiconline
Sebbene la malattia mentale venga identificata quale male epocale, non esiste nessuna definizione precisa che persuada tutti gli animi su cosa essa sia. Francesco Codato nel suo nuovo saggio Che cos’è la malattia mentale cerca di ovviare a questo problema prendendo ad esame le risposte che le differenti discipline (psichiatria, storia, antropologia, sociologia, filosofia, religione, (continua)