Home > Libri > Presentazione del libro Figlie minori del secolo breve di Gigliola Biagini, 12 aprile 2015, Acquapendente

Presentazione del libro Figlie minori del secolo breve di Gigliola Biagini, 12 aprile 2015, Acquapendente

scritto da: Alessia Mocci | segnala un abuso

Presentazione del libro Figlie minori del secolo breve di Gigliola Biagini, 12 aprile 2015, Acquapendente


 Sarà domenica 12 aprile 2015, dalle 18:30, la presentazione del libro di Gigliola Biagini: “Figlie minori del secolo breve” edito dalla casa editrice Rupe Mutevole Edizioni nella collana editoriale Trasfigurazioni.

Gigliola Biagini sarà ospite al Teatro Boni di Acquapendente con il suo nuovo romanzo. Il reading, curato da Sandro Nardi, vedrà Serena Tini e Livia Pieri alle prese con le lettore tratte a “Figlie minori del secolo breve”. La recitazione sarà accompagnata dalle musiche di Fabio Saleppico.

Saranno presenti anche il sindaco di Acquapendente, Alberto Bambini, la relatrice Rosaria Francucci, l’Onorevole della Camera dei Deputati Alessandra Terrosi e Lidia Seri, la testimone.

Il romanzo racconta la storia di tre contadine del 1900. Le ragazze sono povere ed umiliate da un lavoro fin troppo pesante anche per le loro mani cresciute nel bisogno e nelle necessità. Le loro anime sono offese da soprusi ed amarezze di una vita non vissuta, di una vita che ha visto il regime totalitario del fascismo alternarsi alle due grandi guerre, all’aspra condizione della mezzadria ed ai condizionamenti della morale in mutamento.

L'autrice nel 2009 pubblica “Profumo dell’anima”, nel 2010 “Come ombre librate dalla luce”, nel 2012 “Nessuno dei vostri baci è caduto per terra”. Una grande passione, non solo letteraria, spinge Gigliola ad interessarsi di storie reali di donne in difficoltà che cercano di vivere la vita secondo i loro desideri, una grande difficoltà di molte donne ancora oggi nel Mondo.

Ed ora due parole con l’autrice Gigliola Biagini. Buona lettura!

 

A.M.: Ciao Gigliola, grazie per aver accettato questa mini intervista. Come nasce l'idea della presentazione del 12 aprile? Com'è il tuo rapporto con i lettori?

Gigliola Biagini: Ciao Alessia, grazie a te per avermi ospitato. L'idea di questa presentazione nasce grazie alla collaborazione che ho con la Te.Bo., un’associazione culturale che gestisce la stagione artistica del Teatro Boni di Acquapendente, ed altri eventi di spettacolo e cultura vari. Sarà di certo un'occasione importante per incontrare i lettori con i quali ho sempre un rapporto semplice e diretto.

 

A.M.: La locandina dell'evento cita diverse personalità dell'arte e della città che ti ospita. Ci racconti com'è nata questa collaborazione? 

Gigliola Biagini: Il Teatro Boni, una perla dell'ottocento, è la cornice ideale per accogliere eventi di questo genere. Il reading viene curato dal direttore artistico Sandro Nardi e le letture saranno interpretate da attrici delle due compagnie amatoriali della città di Acquapendente: la "Retropalco" e "Gli sfacciati", per le voci di Serena Tini e Livia Pieri. La relatrice dell'evento sarà Rosamaria Francucci, amica carissima, artista eclettica e costumista teatrale. Sarà presente anche Lidia Seri che ha raccolto le memorie della madre Loreta ed ha permesso che le trasformassi in un romanzo. Il sindaco Bambini Alberto e l'onorevole Alessandra Terrosi interverranno anche come illustri rappresentanti di una popolazione le cui radici affondano proprio nei contenuti della storia che io racconto. Ne sono lusingata e li ringrazio per la disponibilità e la sensibilità.

 

Per pubblicare con Rupe Mutevole Edizioni invia un’e-mail (info@rupemutevole.it) alla redazione inviando il tuo inedito, se vuoi pubblicare nella collana “Trasfigurazioni” con la collaborazione di Oubliette Magazine invia ad: alessia.mocci@hotmail.it

 

Written by Alessia Mocci

Addetta Stampa (alessia.mocci@hotmail.it)

 

Info

http://www.rupemutevoleedizioni.com/

https://www.facebook.com/RupeMutevole

http://www.rupemutevoleedizioni.com/letteratura/novita/figlie-minori-del-secolo-breve-di-gigliola-biagini.html

 Fonte

http://oubliettemagazine.com/2015/04/01/presentazione-del-libro-figlie-minori-del-secolo-breve-di-gigliola-biagini-12-aprile-2015-acquapendente/


Fonte notizia: http://oubliettemagazine.com/2015/04/01/presentazione-del-libro-figlie-minori-del-secolo-breve-di-gigliola-biagini-12-aprile-2015-acquapendente/


gigliola biagini | figlie minori del secolo breve | rupe mutevole | alessia mocci |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

#POLIdesignWeek


I Cadetti dell’Alga EtruscAtletica centrano tre finali tricolori


Fede e Cultura lungo la Via Francigena


Intervista di Alessia Mocci a Giancorrado Barozzi: vi presentiamo Altruismo e cooperazione in Pëtr A. Kropotkin


Intervista di Alessia Mocci a Cristina Zaltieri: traduttrice del filosofo François Zourabichvili per Negretto Editore


Avvocato tutela minori e donne Roma – Biagi & Partners Studio associato Biagi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

In libreria: La brace dei ricordi di Giovanna Fracassi edito da Rupe Mutevole Edizioni

In libreria: La brace dei ricordi di Giovanna Fracassi edito da Rupe Mutevole Edizioni
“La brace dei ricordi” è la nuova raccolta poetica di Giovanna Fracassi recentemente pubblicata per la casa editrice Rupe Mutevole Edizioni. La copertina e le immagini dei quadri presenti all’interno del libro sono opere di Nico Daniele, in arte NicDan. “[…] Volute di fumo/ saliranno dai prati:/ il respiro dell’estate/ a confondersi con il mio/ e sarò acqua nella pioggia/ nuvola nel vento/ erba nella terra/ fuoco nelle viscere dell’universo.” – dalla lirica “Volute di fumo”“La brace dei ricordi” è la nuova raccolta poetica di Giovanna Fracassi recentemente pubblicata per la casa editrice Rupe Mutevole Edizioni. La copertina e le immagini dei (continua)

Intervista di Alessia Mocci ad Emanuele Martinuzzi: vi presentiamo “Notturna gloria”

Intervista di Alessia Mocci ad Emanuele Martinuzzi: vi presentiamo “Notturna gloria”
Emanuele Martinuzzi (Prato, 1981) si è dedicato ai versi sin dalla tenera età ed, anche, dopo la laurea in Filosofia ha continuato una strada solitaria di dialogo incessante. Dalla prima pubblicazione con “Nella pienezza del Non” sino al canzoniere di cui si tratterà in questa intervista, Emanuele si è prodigato nell’indagine sul perché della scrittura come necessità “costruttiva affidata al verso”. “Le mie prime raccolte, che non ho quasi più riletto se non alcuni estratti, provenivano da tutt’altra considerazione personale della poesia, il senso che davo al poetare era molto nitido dentro di me, la ricerca della poesia si sposava perfettamente con la riflessione e la conoscenza di se stessi e del mondo, era un fatto che davo per scontato, quei lavori risentono di queste e altre illusio (continua)

Capitale Mobile: come trasformare un’idea in una Startup di successo

Capitale Mobile: come trasformare un’idea in una Startup di successo
Trovare investitori, individuare locali ed immobili in posizioni strategiche, cercare consulenti e dipendenti specializzati (e non), aver accesso ad una banca dati di incontro tra domanda ed offerta di risorse umane e materiali: ecco alcuni temi primari da tenere presente per poter iniziare a comprendere come proseguire. “La cosa più importante per un imprenditore è di raccogliere un’idea su qualcosa che ama davvero, lavorarci, e trasformarla in un business solo quando è sicuro che funziona.” – Mark Zuckerberg Non serve presentare l’autore di questa affermazione essendo uno degli uomini più famosi al mondo per inventiva e per capacità di business. Certamente alla base di qualsiasi buona idea c’è la passione (continua)

Intervista di Alessia Mocci a Laure Gauthier: vi presentiamo kaspar di pietra

Intervista di Alessia Mocci a Laure Gauthier: vi presentiamo kaspar di pietra
Laure Gauthier vive a Parigi ed insegna Letteratura tedesca e cinematografia all’Università di Reims. La prima opera, pubblicata nel 2013, è in lingua tedesca (successivamente tradotta in francese) “marie weiss rot/ marie blanc rouge”.  “Ogni epoca ha i suoi pericoli, la nostra è in una determinata fase della crisi del capitalismo, esiste un’“atrofia dell’esperienza” («Verkümmerung der Erfahrung»), come la definiva già Walter Benjamin, e davanti a questa svalutazione dell’esperienza, si esalta il linguaggio, si usano continuamente iperboli oppure all’opposto continuamente eufemismi. Siamo in un periodo di inflazione e (continua)

Intervista di Alessia Mocci a Zoe Tami Kirsten: “Trycia”, avvincente metafora del mondo sulle ali della scrittura

Intervista di Alessia Mocci a Zoe Tami Kirsten: “Trycia”, avvincente metafora del mondo sulle ali della scrittura
Zoe Tami Kirsten è nata nel 1991 negli USA. Dopo aver brillantemente concluso gli studi universitari in Storia contemporanea e Letterature moderne comparate, da circa due anni e mezzo vive in Italia. “Lo sceriffo sapeva qualcosa, che presumeva dovesse riguardare Trycia, che fino ad allora aveva tenuto nascosto a Robert per timore che lui potesse agire d’impulso, compromettendo l’indagine. Gli agenti della squadra che aveva mandato sul luogo dell’incidente lo avevano informato subito di aver trovato i segni delle ruote di una motocicletta impresse nella terra, oltre il ciglio della strada, (continua)