Home > Sport > NAPOLI A WOLFSBURG UNA PARTITA DI CALCIO MA NON SOLO GIOCATA SUL SACRO SUOLO DELL'EMIGRAZIONE ITALIANA IN GERMANIA. di Antonio Castaldo

NAPOLI A WOLFSBURG UNA PARTITA DI CALCIO MA NON SOLO GIOCATA SUL SACRO SUOLO DELL'EMIGRAZIONE ITALIANA IN GERMANIA. di Antonio Castaldo

articolo pubblicato da: TonySpeaker | segnala un abuso

NAPOLI A WOLFSBURG UNA PARTITA DI CALCIO MA NON SOLO GIOCATA SUL SACRO SUOLO DELL'EMIGRAZIONE ITALIANA IN GERMANIA.  di Antonio Castaldo

Il 16 aprile prossimo la città della Volkswagen, “Macchina del popolo” , Wolfsburg,  “Castello del Lupo”, ospiterà il Napoli, il cui emblema è notoriamente il “Ciuccio”.

C’è un filo rosso che lega tutti questi elementi. Il lavoro dell’uomo: tedeschi e Gastarbeiter, “lavoratori ospiti” italiani e di altre nazionalità, insieme nel costruire la grande nazione tedesca. Il mondo animale: il lupo, animale sociale, d’istinto gregario che basa sulla cooperazione la sua sopravvivenza, mentre il ciuccio, umile ed instancabile, sopporta grandi fatiche. Il gioco del calcio: metafora della vita e dei suoi ideali, del conflitto e del rispetto delle regole, della pace e non della guerra.

I Verdi del Wolfsburg e gli Azzurri del Napoli, il 16 aprile nell’Arena Volkswagen, sapranno degnamente rappresentare la storia calcistica ed umana, nazionale e territoriale, in una leale gara sotto l’egida dell’Europa League e per dare ancora una volta, con lo sport, il contributo alla pacifica convivenza di popoli e culture nel mondo.

Questa occasione risveglia nel sociologo Antonio Castaldo la personale memoria di Wolfsburg, di quando ventenne scorrazzava per l’Europa: due anni, 1978 e 1979 in Germania, con il lavoro sulla catena di montaggio della Volkswagen che coglieva il successo della Golf  dopo quello del mitico Maggiolino. Lavoro e benessere hanno fatto e fanno da potente calamita per i flussi migratori soprattutto del Meridione d’Italia.  “I primi italiani, -afferma il sociologo Castaldo-  giunsero nella zona del Niedersachsen, Bassa Sassonia, nel 1906 per lavorare nelle miniere di carbone di Fallersleben, poi per incrementare la costruzione della Volkswagen voluta da Adolf Hitler, 1938, ed ancora  dopo la Seconda Guerra Mondiale alla riapertura della fabbrica per il lavoro sulla catena di montaggio. Nel 1962 il primo numeroso contingente giunse tra il 16 ed il 17 gennaio a Wolfsburg per la VW-Werk la fabbrica del Maggiolino. Oggi sono oltre 500.000 gli italiani in Germania. La Volkswagen Arena, con i suoi 30.000 posti, sorge sullo stesso spazio dove fino al 1977 esisteva il villaggio di baracche di Berliner Brücke , dal nome del ponte sul Mitteland Kanal. Qui sorgeva quell’insediamento abitativo, indicato come Klein Neapel, Piccola Napoli, dove vivevano 4000 emigranti italiani. Il campetto di calcio venne inaugurato nel 1963, per il tempo libero e per i primi eroici campionati, una storia che oggi continua con la USI Lupo-Martini squadra di calciatori italiani nella Oberliga, corrispondente alla nostra serie D. L’attualità -conclude Antonio Castaldo- ci consegna la squadra del Napoli che, come tante comitive migranti, va a cercare fortuna all’estero, sperando di rafforzarsi nello spirito vittorioso, dopo la ripresa registrata nel campionato casalingo, nell’incontro con la Fiorentina, da  consolidare prossimamente con il Cagliari come chiedono De Laurentiis e Benitez. Ma ora godiamoci i quarti di finale dell’Europa League con la migliore delle aspettative: Il ritorno a casa da vincitori”.

IESUS

Istituto Europeo di Scienze Umane e Sociali

Brusciano NA

Sport | Fratellanza | Emigrazione |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Brusciano Grande partecipazione alla Solennità di Sant’Antonio di Padova con il Vescovo S. E. Mons. Marino. (Scritto da Antonio Castaldo)

Brusciano Grande partecipazione alla Solennità di Sant’Antonio di Padova con il Vescovo S. E. Mons. Marino.  (Scritto da Antonio Castaldo)
 A Brusciano, giovedì 13 giugno 2019, c’è stata una grande partecipazione alla Messa Solenne, celebrata dal Vescovo, S. E. Mons. Franceso Marino, ed alla Processione di Sant’Antonio di Padova promossa dalla Comunità Interparrocchiale guidata dal Parroco Don Salvatore Purcaro. Nel saluto di accoglienza sull’Altare della Chiesa S. Maria delle Grazie, per (continua)

Saviano: Seminario sull’Anticorruzione in Memoria di Andrea Ciccone con Raffaele Cantone ANAC. (Scritto da A. Castaldo

Saviano: Seminario sull’Anticorruzione in Memoria di Andrea Ciccone con Raffaele Cantone ANAC. (Scritto da A. Castaldo
Presso la Casa Comunale di Saviano, nell’Aula Consiliare, verrà svolto, venerdì 14 giugno 2019, con inizio alle ore 10.00, la Giornata di studio sulla “Lotta alla corruzione tra prevenzione e repressione” dedicata alla figura dello scomparso segretario regionale Campania dell’Unione Nazionale Segretari Comunali e Provinciali, Andrea Ciccone, gi&agrav (continua)

-Brusciano Consiglio Comunale con Maggioranza compatta su Rendiconto 2018 e Inventario dei Beni. (Scritto da Antonio Castaldo)

-Brusciano Consiglio Comunale con Maggioranza compatta su Rendiconto 2018 e Inventario dei Beni.                                          (Scritto da Antonio Castaldo)
  Un sindaco che cade e si rialza, che sfida la sorte ed i buoni consigli dei medici, dopo l’infortunio casalingo patito nei giorni scorsi, aggiunge un tocco melodrammatico alla storia amministrativa del Comune di Brusciano sotto la guida dell’Avvocato Giuseppe Montanile eletto un anno fa vincendo al ballottaggio la sfida con il Giudice Dott. Carminantonio Esposito.  Nell&rs (continua)

- Brusciano: Verso la Celebrazione Solenne di Sant’Antonio di Padova con il Vescovo Sua Ecc. Marino. (Scritto da Antonio Castaldo)

- Brusciano: Verso la Celebrazione Solenne di Sant’Antonio di Padova con il Vescovo Sua Ecc. Marino. (Scritto da Antonio Castaldo)
La Comunità interparrocchiale di Brusciano si appresta alla Celebrazione Solenne di Sant’Antonio di Padova. Martedì 11 Giugno è terminata la “Peregrinatio Antoniana” a Brusciano promossa dall’intraprendente Parroco Don Salvatore il quale ha espresso il suo ringraziamento a tutta la Comunità, alle famiglie ed ai fedeli per la sentita e numerosa pa (continua)

-Brusciano: Il poeta Emanuele Cerullo con “Il Ventre di Scampia” ospite dell’Associazione “Pensammece Mò”. (Scritto da Antonio Castaldo)

-Brusciano: Il poeta Emanuele Cerullo con “Il Ventre di Scampia” ospite dell’Associazione “Pensammece Mò”. (Scritto da Antonio Castaldo)
A Napoli, metropoli del Terzo Millennio, fra la “Camorra”, quella della cronaca nera, e la “Gomorra”, quella della rappresentazione cinetelevisiva, emerge la voce resistenziale del poeta Emanuele Cerullo, il quale denuncia malessere, rivendica spazi di libertà, afferma una rinnovata soggettività e reclama normalità del vivere nella indipendente espr (continua)