Home > Economia e Finanza > Il percorso professionale di Renato Ravanelli, Amministratore Delegato di F2i

Il percorso professionale di Renato Ravanelli, Amministratore Delegato di F2i

scritto da: Articolinews | segnala un abuso


La carriera di Renato Ravanelli, dagli studi universitari in Economia al ruolo di Amministratore Delegato in F2i - Fondi Italiani per le Infrastrutture.

Renato Ravanelli, Amministratore Delegato di F2i

Carriera ed esperienze professionali di Renato Ravanelli

Nell'ottobre 2014 Renato Ravanelli viene nominato Amministratore Delegato di F2i, Società di Gestione del Risparmio che, attraverso due fondi, investe nel settore delle infrastrutture. Precedentemente, Ravanelli si distingue come CFO, dapprima nel Gruppo AEM (dove si occupa di trading di energia elettrica e di gas) e, in seguito, nel gruppo Edison (dove dal 2005 al 2007 è componente esecutivo del Consiglio di Amministrazione).
Nel 2008 Ravanelli diviene componente esecutivo del Consiglio di Gestione e Direttore Generale del gruppo A2A - principale multiutility italiana, operante nei settori dell'energia elettrica, del gas, in quello ambientale e nella gestione di reti di distribuzione di vettori energetici - incarico che mantiene sino all'approdo in F2i.
Ravanelli è inoltre, da novembre 2010, componente indipendente del Comitato Investimenti di Inframed, il più importante fondo infrastrutturale che opera in Nord Africa e in Turchia.
Milanese, nato nel 1965, si forma in ambito economico, conseguendo la laurea in Economia e Commercio presso l'Università Cattolica di Milano.

F2i: storia e attività

F2i è la Società di Gestione del Risparmio, nata e approvata dalla Banca d'Italia nel 2007, che ha operato lo stanziamento del più grande fondo chiuso italiano, denominato appunto Fondo Italiano per le Infrastrutture.
Dopo il lancio di un primo fondo nel 2007, F2i ne predispone un secondo nel 2012. Entrambi perseguono la medesima strategia di investimento, affermandosi come punto di riferimento nel settore delle infrastrutture in Italia.
Attualmente, sotto la guida del CEO Renato Ravanelli, F2i investe nei settori dell'energia e delle infrastrutture, puntando a colmare alcune delle carenze che caratterizzano il sistema nazionale delle infrastrutture e che determinano un gap rispetto agli altri principali Paesi europei.
Nella sua attività, F2i si relaziona con soggetti pubblici e privati, in ambito nazionale ed internazionale.

Per maggiori informazioni sulla carriera di Renato Ravanelli, visita il suo profilo su Executive Manager.

Renato Ravanelli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Renato Ravanelli: acquisizione dell’aeroporto di Olbia, il valore dell’operazione per F2i


Logistica portuale, F2i completa l’acquisizione di MarterNeri


Il Secondo Fondo F2i supera l’obiettivo iniziale di 1.200 milioni di euro


Il profilo professionale dell’Amministratore Delegato di F2i SGR S.p.A. Renato Ravanelli


F2i, il fondo infrastrutturale amministrato da Renato Ravanelli, acquista il 100% di Clouditalia tramite la partecipazione in IRIDEOS


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Crisi di Governo, Lorenzo Mattioli (Confindustria Servizi HCFS): “C'è bisogno di stabilità”

Crisi di Governo, Lorenzo Mattioli (Confindustria Servizi HCFS): “C'è bisogno di stabilità”
Confindustria Servizi HCFS: instabilità politica e crisi economica, i temi al centro dell’intervista al Presidente Lorenzo Mattioli “Questa crisi di Governo non aiuta: crea ulteriore incertezza. Questo è un momento davvero complicato e difficile che non si può gestire in un clima politico precario”: così Lorenzo Mattioli, Presidente di Confindustria Servizi HCFS.Lorenzo Mattioli: cruciale dare risposte urgenti, non più derogabiliL’instabilità dell’attuale scenario politico sta mettendo a dura prova le imprese in Italia, g (continua)

Superbonus 110%: la proposta di Gruppo Green Power per l’efficientamento energetico

Superbonus 110%: la proposta di Gruppo Green Power per l’efficientamento energetico
Casa Efficiente di Gruppo Green Power permette a famiglie e aziende di risparmiare sui costi dell’energia e diminuire le emissioni approfittando del Superbonus Fondato nel 2010, Gruppo Green Power è uno dei maggiori operatori nazionali nell'ambito dell'efficientamento energetico.Gruppo Green Power: Superbonus, un iter semplificatoRisparmiare sui costi dell'energia e allo stesso tempo contribuire al miglioramento della qualità dell'aria: con Gruppo Green Power è possibile. Grazie al servizio dedicato al Superbonus 110%, tutti coloro ch (continua)

Benessere nei luoghi di lavoro: Riva Acciaio e il successo del progetto WHP

Benessere nei luoghi di lavoro: Riva Acciaio e il successo del progetto WHP
Lo scorso 1° marzo le buone pratiche adottate da Riva Acciaio a beneficio dei lavoratori di Caronno Pertusella sono state premiate dai promotori del progetto WHP Riva Acciaio aveva aderito lo scorso agosto al network grazie all’ATS Insubria.Riva Acciaio: le attività a sostegno della salute dei lavoratoriIl progetto “WHP - Workplace Health Promotion”, sostenuto dall’Unione degli Industriali della Provincia di Varese, ATS Insubria e Cgil-Cisl-Uil, è stato lanciato per promuovere attività a beneficio del benessere dei dipendenti. L’iniziativa, rivolta a (continua)

Italia e dossier industriali, Vito Gamberale: “Non serve nazionalizzare le autostrade”

Italia e dossier industriali, Vito Gamberale: “Non serve nazionalizzare le autostrade”
Alitalia, Ilva e banda larga alcuni dei temi cruciali per il Paese: in un intervento su “Il Foglio”, Vito Gamberale analizza l’attuale situazione dei dossier industriali in Italia “Non penso che questo governo abbia bisogno di compiere una mossa demagogica. Sembrerebbe quasi distonico. Salvo che non sia un’iniziativa autonoma di CDP, magari in coincidenza di prossime scadenze”: affidate alle pagine de “Il Foglio”, le considerazioni di Vito Gamberale su alcuni importanti fascicoli industriali in Italia.Vito Gamberale: un passo indietro sul dossier ASPI da parte del Governo“S (continua)

La ricetta di Serenissima Ristorazione per il contenimento delle perdite a causa della pandemia

La ricetta di Serenissima Ristorazione per il contenimento delle perdite a causa della pandemia
Tommaso Putin, CFO di Serenissima Ristorazione, racconta le strategie adottate per affrontare i cambiamenti causati dal Covid-19 nella ristorazione collettiva Tommaso Putin, CFO di Serenissima Ristorazione, ha parlato in un’intervista della situazione attuale dell’azienda dopo un 2020 influenzato dallo scoppio della pandemia e delle strategie adottate per fronteggiarla.Serenissima Ristorazione: differenziazione di portafoglio e consegna soluzioni vincenti nel contrasto al Covid-19Il 2020 nella ristorazione collettiva ha comportato una flessione generale (continua)