Home > Cultura > Serata d’autore, aspettando il Rosignano Foto Festival

Serata d’autore, aspettando il Rosignano Foto Festival

articolo pubblicato da: iziobenz | segnala un abuso

Serata d’autore, aspettando il Rosignano Foto Festival

Serata d’autore, aspettando il Rosignano Foto Festival

 

Prosegue l’intensa programmazione del sodalizio artistico Fabbrica Immagine di Rosignano Marittimo (LI), con l’incontro con Maria Luisa Lamanna dal titolo “Mosaico Minimo”, che si svolgerà venerdì 24 aprile alle ore 21.15 presso gli spazi della Galleria della Fattoria Arcivescovile del Castello in Via del Torrione a Rosignano Marittimo. Per conoscere meglio la protagonista ed il suo percorso artistico ci avvaliamo della preziosa presenza di Fabrizio Pizzolorusso: “Il suo percorso nasce con la parola, che diventa fulcro della sua vita artistica in termini di passione, ricerca, riflessioni sulle bellezze dell'animo umano. Tutto questo ha origine da innumerevoli e importanti letture e da un amore per la poesia tanto grande da portarla ad avere al suo attivo una serie di pubblicazioni, l'ultima delle quali intitolata “Il respiro incatenato”. Scruta nelle pieghe dei contrasti della vita, in sé stessa, in profondità, fino al dolore, il cui riflesso è quell'esperienza alta e forte che le ha permesso di riconoscere  la bellezza interiore che l'ha avvicinata alla verità. Questa sua continua forte esperienza le ha portato consapevolezze che ora è capace di cogliere istantaneamente in ciò che la circonda inquadrando aspetti struggenti, meravigliosi, ma anche ruvidi, crudi e nudi dell'umano sentire, vivere, vedere. Coglie l'incanto del mondo circostante. Un'anima, la sua, che vive nell'immedesimazione con il mondo in quanto esperienza di unità. Queste sue anamnesi, alla fine, sono un continuo cercare sé stessi, un confronto con il mondo circostante. È attenta agli altri, capace di ascoltare, di captare in modo profondo e pensoso. È l'avvicinamento alla verità, che non potrà mai avvenire completamente. È un avvicinamento apparente. È la ricerca impossibile della conclusione di sé stessi.  Con la fotografia Maria Luisa ha trovato il mezzo ideale per questa sua costante ricerca. La fotografia si presta a stare fra il reale e l'irreale, per questo motivo è il mezzo a quest'autrice congeniale: le permette di esplorare l'oltre da cui si sente attratta e le permette di indagare attraverso la fusione di parola e immagine.s Detto questo, possiamo affermare che il fatto che Maria Luisa abbia sin da subito creato fotografie di spessore, dimostra come la fotografia è in primis un pensiero e che chi lo sa, trova subito l'immagine da cogliere e Maria Luisa lo sa molto bene.  Ha uno sguardo lontano dal luogo comune, uno sguardo che rileva una chiarezza, un profondo sentire, la consapevolezza di ciò che coglie ancora prima dello scatto, un foglio bianco su cui scrive il suo pensiero. Sa cogliere l'inaspettato nella natura, nella fotografia di strada, nel ritratto, nel macro; nelle sue fotografie vi è una forza espressiva che deriva dall'interpretazione del reale che parla del reale esistenziale. La sua chiarezza è quel dialogo tra ciò che è manifesto e ciò che è nascosto, tra chiari e scuri, tra velato e svelato (nebbie).  Le foto in mostra non rappresentano un portfolio, un tema preciso, ma parlano di lei, poetessa e fotografa, della sua bellezza e profondità d'animo. Ogni immagine è un'isola, un eden per ognuno di noi, un deserto in cui rifugiarsi e trovare forse il rovescio della felicità, una rigenerazione, riflessioni, luoghi di prova in cui ogni nostra anima ha la possibilità di cogliere quelle domande che l'autrice solleva per iniziare ad esplorare profondità e voragini, bellezze inaspettate che si nascondono nell'intimo.  Un costante chiedersi sull'umano sentire, ma anche un fermarsi, spesso doloroso, e poi ripartire in altre pieghe dello stare al mondo.  Come disse Rudolf Steiner: “L'artista non cerca il vero naturale, ma l'apparenza del vero. L'opera artistica completa è opera dello spirito e quindi al di sopra della natura...””.  Concludiamo col ricordare che il club artistico rosignanese ha altri due incontri fissati per il venerdì 15 maggio con Antonio Presta e il venerdì 12 giugno con Roberto Nencini. Non resta che auguarvi buona visione.

 

Maurizio Piccirillo

Maria Luisa Lamanna Fabbrica Immagine Galleria della Fattoria Arcivescovile del Castello | Fabrizio Pizzolorusso |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Peperoncino Jazz Festival 2007


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA "LA MIA TERRA


IL FREGENE SUMMER FESTIVAL SI COLORA CON L’HOLI


ASTIMUSICA 19: Asti-Piazza Cattedrale, dal 9 al 25 Luglio


Lo spirito del pianeta _ da venerdì 25 maggio a Chiuduno.. Fino al 10 giugno .. L'unico festival di musiche e danze etniche da tutto il mondo.. All'interno unica data in Italia per Carlos Nunez.. Il N 1 della cornamusa n


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

L’Album d’esordio di Alex Cadili

L’Album d’esordio di Alex Cadili
Nelle scorse settimane è uscito il primo lavoro discografico di Alex Cadili dal titolo: “Tutto quello che non si può dire al telefono”, titolo curioso quanto azzeccato e che rispecchia, appunto, il tema di tutto l’album, ovvero una comunicazione che va controcorrente. Queste otto tracce, fresche e ben dosate sia nella parte musicale che testuale da Alex Cadili, sono state prodotte, è giusto ricord (continua)

Al di là delle cose scontate di Emanuele Mazzocco

Al di là delle cose scontate di Emanuele Mazzocco
Al di là delle cose scontate è un viaggio. Un viaggio che richiede il coraggio di percorrere strade impervie e poco battute, difficili e in salita. E poco importa se esse si trovino in Argentina o sulle montagne italiane. È un viaggio alla ricerca di sé stessi, alla scoperta dell’io più profondo e autentico, che non è rappresentato dai titoli accademici o dai traguardi professionali che si riesce (continua)

Festival internazionale della robotica: dalla chirurgia robotica, agli organi (robotici) impiantabili, alla caccia al tesoro tecnologica

Festival internazionale della robotica: dalla chirurgia robotica, agli organi (robotici) impiantabili, alla caccia al tesoro tecnologica
Dalla chirurgia robotica agli organi (robotici) impiantabili, a un’insolita caccia al tesoro, dove i protagonisti sono anche e soprattutto i robot: sono alcuni degli eventi in programma per venerdì 28 settembre al Festival internazionale della robotica che, in questa giornata, collabora con BRIGHT2018, la “Notte europea dei ricercatori” prevedendo un’apertura straordinaria degli spazi espositivi a (continua)

Zic in radio da Venerdi 7 Settembre con il nuovo singolo "Stavo apparecchiando"

Zic in radio da Venerdi 7 Settembre con il nuovo singolo
videoclip: http://www.youtube.com/watch?v=SD848ufv7Lw Nuovo singolo per Lorenzo Ciolini, in arte Zic, cantautore classe '97, rivelazione nell'ultima edizione di Amici di Maria De Filippi, che dopo i brani "Capodanno", "Il fantasma del Sabato sera" e "Ti ho cercato", ci presenta "Stavo apparecchiando", già disponibile nei digital store. Prodotto da Zic e Pio Stefanini per l’etichetta Platinum St (continua)

L’artista veneto Paride Bianco in mostra personale a Gubbio (PG) “FOCUS 1968-2018”

L’artista veneto Paride Bianco in mostra personale a Gubbio (PG) “FOCUS 1968-2018”
Presso il Palazzo del Bargello di Gubbio, sede della Galleria d’Arte Contemporanea, Via Dei Consoli, Largo del Bargello si inaugura sabato 8 settembre alle ore 11.30 la mostra “FOCUS 1968-2018”, rappresentativa dei 50 anni di attività artistica del Maestro veneziano Paride Bianco. Formatosi nella Venezia delle testimonianze pittoriche sociali del Novecento veneziano (Marco Novati, Fioravante Seibe (continua)