Home > Sviluppo sostenibile > GIFASP propone il mondo del packaging in occasione di Expo Milano 2015 e ricorda i punti fermi per un corretto riciclo di carta e cartoncino

GIFASP propone il mondo del packaging in occasione di Expo Milano 2015 e ricorda i punti fermi per un corretto riciclo di carta e cartoncino

scritto da: Redoffice3 | segnala un abuso

GIFASP propone il mondo del packaging in occasione di Expo Milano 2015 e ricorda i punti fermi per un corretto riciclo di carta e cartoncino


Il Gruppo Italiano Fabbricanti Astucci e Scatole Pieghevoli promuove, in occasione dell’Esposizione Universale di Milano, la cultura della protezione e della sostenibilità, anche attraverso un giusto riciclo: ecco cosa smaltire nel contenitore della carta e del cartone e cosa no, con la massima attenzione alla sostenibilità

In occasione di Expo Milano 2015 GIFASP - Gruppo Italiano Fabbricanti Astucci e Scatole Pieghevoli promuove “La cultura della protezione e della sostenibilità: conservare le cose importanti vuol dire proteggere e difendere i punti di riferimento, non solo materiali, della nostra vita”. Con questo concetto  vuole infatti sottolineare quanto sia necessario proteggere, con gli imballaggi in carta e cartoncino, non soltanto gli oggetti e gli alimenti, ma soprattutto le cose importanti della vita. GIFASP intende inoltre diffondere la conoscenza della filiera del packaging in cartoncino, la sua sostenibilità, rinnovabilità e riciclabilità in funzione anti-spreco.

La carta e il cartoncino sono infatti prodotti assolutamente riciclabili: possono essere smaltite nel contenitore della carta e del cartone, contribuendo così a creare la base per la produzione di nuovo cartoncino; per un corretto riciclo bisogna però distinguere i rifiuti di carta riciclabili da quelli che non lo sono. Appartengono al primo gruppo e sono riciclabili: giornali, riviste, libri, fumetti e tutta la stampa commerciale (dèpliant, pieghevoli pubblicitari); i sacchetti per gli alimenti, per il pane o per la frutta; i sacchetti di carta con i manici; i fogli di carta di ogni tipo e dimensione; i contenitori di prodotti alimentari (come astucci per la pasta, per il riso, per i corn flakes ecc.); le fascette in cartoncino di prodotti come conserve, yogurt e bevande; le scatole delle scarpe; le confezioni, grandi e piccole, di prodotti come detersivi per lavatrici e lavastoviglie; le scatole dei medicinali, del dentifricio, ecc.; gli imballaggi in cartone ondulato di qualsiasi forma o misura (ad esempio per apparecchi televisivi o elettrodomestici); i contenitori in cartone per frutta e verdura e i cartoni per bevande (come ad esempio quelli di latte, succhi di frutta, vino, panna e similari) svuotati, sciacquati e appiattiti. Non sono riciclabili, invece, tutti i materiali non cellulosici, i contenitori di prodotti pericolosi, carte sintetiche, carte fotografiche ed ogni tipo di carta, cartone e cartoncino che sia stato sporcato (ad esempio carta oleata, carta e cartone unti, fazzoletti di carta usati, tovaglioli di carta sporchi di cibo, carta plastificata, fustini del detersivo).

Da parte di GIFASP vi è inoltre la massima l’attenzione per la sostenibilità: gli imballaggi in cartoncino sono costituiti da materie prime che provengono da fonti rinnovabili e sostenibili e la realizzazione dell’imballaggio cellulosico comporta un impatto ambientale minore rispetto a quello della realizzazione del prodotto che va a contenere. Per quanto infine riguarda la deforestazione, le cartiere che producono cartoncino in maniera responsabile, come quelle del Gruppo, utilizzano materiale che proviene da foreste sostenibili, dove per ogni albero abbattuto ne vengono piantati da due a quattro.

http://www.gifasp.com/


Fonte notizia: http://www.gifasp.com/


gifasp | gruppo italiano fabbricanti astucci scatole pieghevoli | packaging gifasp | cartoncino gifasp | scatole gifasp | riciclo carta gifasp | expo milano 2015 packaging gifasp | expo milano 2015 imballaggio gifasp |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il dopo-Expo per approfondire i temi caldi che hanno visto il packaging coniugarsi con la lotta allo spreco alimentare all’insegna della “Cultura della protezione e della sostenibilità”


Concorso fotografico Packlick Mem. G. Meana: premiate la sostenibilità e la creatività fotografica


GIFASP, con il concorso fotografico Packlick, dà continuità alla campagna “La cultura della protezione e della sostenibilità”: iscrizioni aperte da gennaio ad aprile 2016


“Dal buon cibo al cibo giusto”. Riflessioni su cibo, imballaggi e sostenibilità all’Expogate di Milano, in sintonia con i valori dell’Esposizione Universale


Concorso fotografico Packlick: “buon packaging” cartaceo e sostenibile, fotografia di qualità e talento giovanile, elementi caratterizzanti del contest. In pieno svolgimento le iscrizioni


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Reagire alla crisi: una soluzione arriva dall’alta gioielleria d’arte

Reagire alla crisi: una soluzione arriva dall’alta gioielleria d’arte
Il "Grande Patto” proposto da #GabriellaRivalta è un vero e proprio nuovo paradigma che vede la cultura e la prassi della condivisione diventare driver di cambiamento nella pratica di tutti i giorni La Maison piemontese di gioielli d’arte, con a capo Gabriella Rivalta e il figlio Roberto, ha deciso di recuperare i rapporti che in questi momenti di crisi sanitaria e sistemica stanno subendo danni irreparabili nel tessuto sociale e relazionale dell’Italia. Ecco la proposta di #GabriellaRivalta: “si tratta di un rivoluzionario rapporto di collaborazione, un nuovo patto fiduciario fra produz (continua)

Diretta con “Da Gutenberg a Zuckerberg, che emozione!”, martedì 26 maggio 2020 dalle ore 14.30 alle 16

Diretta con “Da Gutenberg a Zuckerberg, che emozione!”, martedì 26 maggio 2020 dalle ore 14.30 alle 16
Le frontiere dell'editoria del terzo millennio ed i segreti per una strategia di content curation e storytelling efficace, fra tecnologia ed umanità Come riconoscere le nuove forme di editoria digitale che possono diventare modelli di business validi e replicabili? Come rendere la propria comunicazione multi-canale coerente ed efficace? Risponderà a queste ed altre domande un evento AISM - Associazione Italiana Sviluppo Marketing a cura di Emotional Marketing Lab e MIURA: dalla prima Bibbia sino a «Facebook Augmented Reality» passando per (continua)

La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana

La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana
“La desiderabilità del segno” è un concept a tre voci con Paolo Rossetti, Simonetta Ferrante e Matteo Pettinaroli, in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di gesti Designing Happiness a 100 anni da Bauhaus L’incontro “La desiderabilità del segno”, avvenuto nel centesimo annive (continua)

La desiderabilità del segno

La desiderabilità del segno
La desiderabilità del segno Un incontro tra arte, design e trasformazione urbana, a cento anni dall’esperienza Bauhaus con al centro la desiderabilità, motore che fa girare l'esistenza “La desiderabilità del segno”. Un incontro a tre voci, Paolo Rossetti, Matteo Pettinaroli, Simonetta Ferrante in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di ge (continua)

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0
Il meeting svoltosi il 30 gennaio 2018 ha visto protagonista il robot NAO della Scuola di Robotica che ha interagito con gli ospiti. L’incontro, presentato da “LA LOGICA DEL FLUIRE. CHE MERCATO SAREMO” e “COPERNICO”, ha incluso gli interventi di Fiorella Operto, Fabrizio Bellavista e Stefano Lazzari e un saluto di benvenuto di Federico Lessio mentre Luisa Cozzi ha (continua)