Home > News > 20 maggio 2015. Oscar dell’imballaggio vinto da Goglio con GTea, packaging attivo all’estratto di the verde

20 maggio 2015. Oscar dell’imballaggio vinto da Goglio con GTea, packaging attivo all’estratto di the verde

scritto da: Redoffice3 | segnala un abuso

20 maggio 2015. Oscar dell’imballaggio vinto da Goglio con GTea, packaging attivo all’estratto di the verde


Premiato il 20 maggio, durante la pomeridiana premiazione dell’Oscar dell’Imballaggio 2015, svoltasi all’interno della Fiera Ipack-Ima, questo imballo attivo dell’azienda di Daverio (Varese) è portatore di un’innovazione rispettosa dell’ambiente. L’estrema reperibilità del the verde, unita al suo basso costo, rendono l’adesivo agevolmente accessibile da tutte le economie

Un progetto orientato all’attenzione ambientale consente a Goglio, packaging specialist, di vincere l’Oscar dell’Imballaggio 2015; la premiazione del progetto GTea, packaging attivo all’estratto di the verde, è avvenuta nel pomeriggio del  20 maggio 2015 durante la Fiera Ipack-Ima a FieraMilano. Ha ritirato il Premio Osvaldo Bosetti, Converting  R&D Chemical Director in Goglio.

GTea, “l’alleato più attivo del packaging”, sfruttando le naturali proprietà antiradicali della catechina, agisce sul processo di ossidazione cui sono soggetti gli alimenti confezionati in imballi flessibili, migliorandone la shelf life ed enfatizzando proprietà e caratteristiche organolettiche dei prodotti. Frutto del progetto di ricerca Safemtech sviluppato con l’Università di Zaragoza e il patrocinio della Comunità Europea, con GTea Goglio si propone quale portatore di un’innovazione rispettosa dell’ambiente e, soprattutto, etica: l’estrema reperibilità del the verde, unita al suo basso costo, rendono il materiale agevolmente accessibile da tutte le economie.

Goglio è tra l’altro presente, dall’1 maggio al 31 ottobre, a Expo Milano 2015 nel Padiglione “Cibus è Italia” per raccontare e condividere con ogni visitatore i valori, la storia e il patrimonio di una famiglia che si occupa di confezionamento da più di 165 anni, perché un alimento non confezionato, non protetto o mal conservato è un alimento perso. Il claim dell’azienda è: “Meno packaging, più prodotto: imballaggio, tecnologia, innovazione”.

Grazie ad altri progetti green il Gruppo Goglio, specialista nel packaging, ha vinto l’Oscar dell’imballaggio in diverse edizioni; tra le più recenti, nel 2011 con la confezione ecologica di EcoTruck della Iberemec e nel 2013 con “Fres-co Green”, un sistema integrato di confezionamento 100% compostabile e amico dell’ambiente a 360°. In quell’occasione Goglio aveva ottenuto il prestigioso riconoscimento nella sezione speciale ‘Tecnologia’, distinguendosi per le proprie caratteristiche di pack interamente costituito da materiali e componenti che si biodegradano pressoché completamente nell’arco di 180 giorni.

 

http://www.goglio.it  

https://www.facebook.com/ExpoMilanPackagingGoglio


Fonte notizia: https://www.facebook.com/ExpoMilanPackagingGoglio


goglio packaging specialist | gtea goglio | goglio oscar imballaggio 2015 | goglio vincitore oscar imballaggio 2015 | gtea goglio vincitore oscar imballaggio 2015 | goglio expo milano 2015 |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Imballaggio, tecnologia, innovazione: il claim di Goglio è “Più prodotto, meno packaging”, verso soluzioni sempre più sostenibili


Concorso fotografico Packlick: “buon packaging” cartaceo e sostenibile, fotografia di qualità e talento giovanile, elementi caratterizzanti del contest. In pieno svolgimento le iscrizioni


Goglio nel padiglione Cibus - Federalimentare dentro Expo 2015 a Milano


Goglio presenta a Host 2015 le sue soluzioni di packaging per il caffè


“Packaging Sicuro e Sostenibile”. Ieri sera 28 ottobre, in Expo, ancora protagonista Goglio


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Reagire alla crisi: una soluzione arriva dall’alta gioielleria d’arte

Reagire alla crisi: una soluzione arriva dall’alta gioielleria d’arte
Il "Grande Patto” proposto da #GabriellaRivalta è un vero e proprio nuovo paradigma che vede la cultura e la prassi della condivisione diventare driver di cambiamento nella pratica di tutti i giorni La Maison piemontese di gioielli d’arte, con a capo Gabriella Rivalta e il figlio Roberto, ha deciso di recuperare i rapporti che in questi momenti di crisi sanitaria e sistemica stanno subendo danni irreparabili nel tessuto sociale e relazionale dell’Italia. Ecco la proposta di #GabriellaRivalta: “si tratta di un rivoluzionario rapporto di collaborazione, un nuovo patto fiduciario fra produz (continua)

Diretta con “Da Gutenberg a Zuckerberg, che emozione!”, martedì 26 maggio 2020 dalle ore 14.30 alle 16

Diretta con “Da Gutenberg a Zuckerberg, che emozione!”, martedì 26 maggio 2020 dalle ore 14.30 alle 16
Le frontiere dell'editoria del terzo millennio ed i segreti per una strategia di content curation e storytelling efficace, fra tecnologia ed umanità Come riconoscere le nuove forme di editoria digitale che possono diventare modelli di business validi e replicabili? Come rendere la propria comunicazione multi-canale coerente ed efficace? Risponderà a queste ed altre domande un evento AISM - Associazione Italiana Sviluppo Marketing a cura di Emotional Marketing Lab e MIURA: dalla prima Bibbia sino a «Facebook Augmented Reality» passando per (continua)

La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana

La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana
“La desiderabilità del segno” è un concept a tre voci con Paolo Rossetti, Simonetta Ferrante e Matteo Pettinaroli, in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di gesti Designing Happiness a 100 anni da Bauhaus L’incontro “La desiderabilità del segno”, avvenuto nel centesimo annive (continua)

La desiderabilità del segno

La desiderabilità del segno
La desiderabilità del segno Un incontro tra arte, design e trasformazione urbana, a cento anni dall’esperienza Bauhaus con al centro la desiderabilità, motore che fa girare l'esistenza “La desiderabilità del segno”. Un incontro a tre voci, Paolo Rossetti, Matteo Pettinaroli, Simonetta Ferrante in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di ge (continua)

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0
Il meeting svoltosi il 30 gennaio 2018 ha visto protagonista il robot NAO della Scuola di Robotica che ha interagito con gli ospiti. L’incontro, presentato da “LA LOGICA DEL FLUIRE. CHE MERCATO SAREMO” e “COPERNICO”, ha incluso gli interventi di Fiorella Operto, Fabrizio Bellavista e Stefano Lazzari e un saluto di benvenuto di Federico Lessio mentre Luisa Cozzi ha (continua)