Home > Cultura > Ode to food: gemellaggio tra cibo ed arte contemporanea

Ode to food: gemellaggio tra cibo ed arte contemporanea

scritto da: Ariannacultura | segnala un abuso

Ode to food: gemellaggio tra cibo ed arte contemporanea


 

Milano - Cibo da mangiare con gli occhi: E’ Ode to food, l’esposizione collettiva, composta dalle opere di ben 32 artisti, inserita nella Milano art Week.

Un’ode al cibo ed all’arte contemporanea con lavori appartenenti alla categoria della pittura, della scultura, della fotografia, una installazione ed un’opera di video-arte.

Doppia esposizione a Milano: da sabato 27 giugno a sabato 4 luglio 2015 presso la Chie Art Gallery di viale Premuda 27 (l’inaugurazione è in programma per sabato 27 giugno alle ore 19.00) e da giovedì 2 luglio a giovedì 9 luglio 2015 presso la Galleria Pisacane Arte di via Carlo Pisacane 36 (l’inaugurazione è in programma per giovedì 2 luglio alle ore 19.00).

La mostra, ad ingresso libero, è promossa dall’Associazione Centro Culturale Arianna, con la curatela dell’esperta d’arte Gina Affinito.

Il presupposto

Il filosofo Ludwig Feurbach sostiene che l’uomo sia ciò che mangia, mentre l’antropologo Claude Levi Strauss, recentemente scomparso, sostiene che l’uomo mangia non solo ciò che è buono da mangiare ma anche e soprattutto ciò che è buono (ed opportuno) da pensare. Quindi ciò che è conforme alla sua struttura sociale di riferimento, alla sua affettività ed al suo credo. In definitiva si nutre di idee oltre che di cibo.

Il cibo è vita, non solo perché è essenziale al suo mantenimento, ma anche perché è fiammella di sentimenti come la felicità ed il dolore. Il cibo è vita, così come la sua assenza o penuria, o al contrario il suo eccesso, è foriero di malattie e morte.

Le lancette del cibo segnano l’ora di momenti di convivialità ed aggregazione, dove si intrecciano amori e lievi capricci, o si concludono affari, perché, come recita un vecchio adagio, a tavola non si invecchia”.

Cibo che unisce, come succede per l’olio, simbolo della cultura e della saggezza contadina, usato per condire un semplice pezzo di pane. Cibo che divide, portando con sè odio e morte, come accade per il cosiddetto olio nero, il petrolio, re e signore di tanti conflitti, che arricchisce pochi e affama molti.

Il cibo nutre i rapporti umani, così come la sua assenza o scarsità, li depriva, fino ad atrofizzarli irrimediabilmente. Perché per cibo intendiamo non solo quello che dalla gola arriva allo stomaco, ma anche quello che si dimostra capace di arricchire l’anima di emozioni ed esperienze.

Quindi è il momento di “cibarci d’arte”, alimentando la mente e facendo respirare l’anima, gustando a piccoli e saporiti sorsi il “bello da mangiare”, il cibo buono da mangiare e bello da vedere, come lo definisce Ave Appiano, esperta di semiotica dell’arte, nel suo omonimo libro.

Il cibo, da sempre, è indissolubilmente legato alla storia dell’arte. Si pensi solo all’excursus dalle nature morte, presenti sin dall’antichità, ai floridi corpi boteriani, che del cibo si fanno rappresentanti.

Il cibo per l’arte è come il dio Mercurio per l’Olimpo: colui a cui è affidato il delicato compito di comunicare numerosi messaggi.

Il Progetto

Ode To food è un progetto nato dall’incontro con la fotografa americana Beth Galton, che con il suo obiettivo puntato su tutto quello che nutre la vita e un portfolio ideale per gustare still life saporiti, odi alla patata, texture commestibili e la singolare prospettiva offerta dal Cut Food, indaga sugli aspetti estetici ed artistici del cibo, attraverso lo svelamento di quelle prospettive interne, invisibili allo sguardo affamato, ed attraverso la realizzazione di opere che sono una vera e propria poesia visuale.

Gli artisti selezionati

Un’apposita commissione di esperti ha selezionato 32 artisti. Ecco l’elenco completo:

Maria Luisa Acciaioli, Maria Grazia Algisi, Nicola Ancona , Anna De Rosa, Marilena Di Gianvito, Amedeo Esposito, Francesco Fai, Cristina Flaviano, Antonio Franchi, Marisa Fusco, Shakar Galajian, Tommaso Infè , Zaklina Jacoby, Laura Longhitano, Gabriella Lusignani, Giovanna Magugliani, Leonardo Martellucci, Chiara Margherita Mazza, Tittina Mirra, Antonella Modaffari Bartoli, Maurizio Muscettola, Gaia Pasini, Michele Salvatore Pellegrino, Marco Perini, Ivan Pili, Federico Pisciotta, Tina Racioppi, Piero Roca, Maria Antonietta Scala, Marina Taroni, Orlando Tocco, Raffaella Vaira.

Guest artist: Beth Galton Food Photographer.

Patrocini
La Rassegna è realizzata con lAlto Patrocinio Morale UNESCO Napoli, sotto gli auspici di EXPO in città 2015 e rientra tra le iniziative artistiche sponsorizzate e supportate dalla Camera di Commercio di Milano.

Infatti sin da subito è risultato nevralgico ai fini della promozione e del sostegno morale del progetto il partenariato con le due Istituzioni depositarie delle iniziative legate all’Esposizione Universale 2015, Camera di Commercio di Milano ed EXPO in CITTA’. L’esposizione è stata ufficialmente inserita tra gli eventi ritenuti “più meritevoli” nell'incrementare l'attrattività della città durante il periodo Expo.

Le Location


Due Gallerie milanesi in due zone di prestigio:

  • Galleria “Chie Art Gallery” (Viale Premuda 27 - www.chieartgallery.com)

  • Pisacane Arte (Via C. Pisacane 36 - http://galleria.pisacanearte.it/)

 

 

Le date e gli orari

 

Vernissage presso la Chie Art Gallery giovedì 27 giugno 2015 h 19.00. La mostra sarà visitabile da sabato 27 giugno a sabato 4 luglio 2015.

Vernissage presso la Pisacane Art Gallery il 2 luglio h 19.00. La mostra sarà visitabile da giovedì 2 luglio a giovedì 9 luglio 2015.

L’esposizione sarà visitabile alla Chie Art Gallery dal martedì alla domenica dalle 11.30 alle 19.00

L’esposizione sarà visitabile alla Galleria Pisacane Arte dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 19.00. Il sabato dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00.


 

Il team

Immacolata Maddaloni (Presidente)

Gina Affinito (Curatela e contatti con gli Artisti)

Tania Sabatino (rassegna stampa)

Mariano Cervone (impaginazione grafica)

Ivan Pili (coordinamento generale)

Claudia Capozi (segreteria)


 

Per richiedere ulteriori informazioni che non siano indicate nel presente comunicato, contattare la curatrice Gina Affinito ai numeri 327.3463882 (Italia) – 971.554732207 (Emirati) o scrivere a gina.affinito@gmail.com


 

Addetto Stampa: Dr.ssa Tania Sabatino

Ph. +393205741842

E-mail press.office.eu@gmail.com

arte | cultura | arianna | chie | pisacane | od | food | cibo | inno | ricette | anima | storia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Indiscusso successo per l'evento ospitato da IEG


Food Delivery Management: Arriva Deliverart, il channel manager per i ristoratori


6 Regole per investire in modo efficace in Arte Contemporanea


Netaddiction e I Love Italian Food annunciano la loro partnership


Chinotto Neri avvia partnership con Officina del Cibo: Verona prende vita il progetto “La storia torna di attualità”


Massimo Paracchini e Francesco Leale alla Galleria Nelson Cornici


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Italian Art Fair Dubai 2015. L'inaugurazione sabato 5 dicembre alla Gallery of Light del Ductac

Italian Art Fair Dubai 2015. L'inaugurazione sabato 5 dicembre alla Gallery of Light del Ductac
 Il progetto Italian Art Fair vuole essere una più valida ed adeguata proposta di visibilità e promozione dell’arte italiana nel mondo. Con la curatela affidata alla dott.ssa Gina Affinito e con gli auspici dell’Istituzione italiana Camera di Commercio Italiana in UAE, è un progetto atteso e richiesto, visto il fiorire prepotente di nuove (continua)

Dialoghi... culture a confronto a Palazzo Migliaresi

Dialoghi... culture a confronto a Palazzo Migliaresi
  In un momento in cui l’incontro ed il dialogo tra culture si fa troppo spesso scontro, per incomprensioni e per quella penuria, vera o presunta, di risorse che agevola l’instaurarsi di una guerra tra poveri, l’arte ha un ruolo nevralgico. Attraverso i colori e le consistenze, infatti, che parlano non solo all’emisfero sinistro della razionalità ma anche e so (continua)

Ciro Pompeo mi arrampico senza vedere. Solo Exhibition

Ciro Pompeo mi arrampico senza vedere. Solo Exhibition
 CIRO POMPEO mi arrampico senza vedere   SOLO EXHIBITION a cura di Gina Affinito 05 giugno - 5 luglio 2015 Palazzo S. Agostino - Salerno testo critico Carlo Roberto Sciascia Vernissage venerdì 5 giugno h 17.00 Sala Giunta   Ciro Pompeo, nato a Napoli il 28 maggio 1979, fin da giovane sviluppa una spiccata vena artistica.   Dipinge il suo primo quadro nel 199 (continua)

Grande successo per Italian Soul Contemporary Art in UAE

Grande successo per Italian Soul Contemporary Art in UAE
 Terminato il clamore mediatico connesso alle inaugurazioni, fatti un po’ di conti e con il cuore e le emozioni più in ordine dopo l’immane sforzo di coordinamento degli organizzatori, è tempo di primi bilanci. Ed il bilancio appare decisamente in attivo. Infatti, la seconda edizione di Italian Soul Contemporary Art in UAE, organizzata dal Centro Culturale Arianna e (continua)