Home > News > Imballaggio, tecnologia, innovazione: il claim di Goglio è “Più prodotto, meno packaging”, verso soluzioni sempre più sostenibili

Imballaggio, tecnologia, innovazione: il claim di Goglio è “Più prodotto, meno packaging”, verso soluzioni sempre più sostenibili

scritto da: Redoffice3 | segnala un abuso

Imballaggio, tecnologia, innovazione: il claim di Goglio è “Più prodotto, meno packaging”, verso soluzioni sempre più sostenibili


Goglio, azienda leader nei settori dell'imballaggio flessibile, degli accessori in plastica e degli impianti di confezionamento, è protesa in tutta la filiera verso una sostenibilità sempre maggiore; in quest’ottica la ricerca è costante nel settore del packaging e quest’anno sta avendo, in occasione di Expo Milano 2015, un’accelerata: partecipazione all’Esposizione Universale (in contemporanea con Ipack Ima e Fruit Innovation) con un proprio stand, un nuovo impianto di trigenerazione per l’efficienza energetica nella sede produttiva di Daverio e la vittoria all’Oscar dell’Imballaggio 2015

“Nell’ambito del packaging cerchiamo di diminuire l’impatto ambientale e di rendere più sostenibile il nostro prodotto riducendo lo spessore dei materiali e rendendo questi sempre più omogenei, in modo che possano mantenere o addirittura aumentare la conservazione dei prodotti. Cerchiamo perciò di abbassare lo spessore dei materiali di confezionamento che immettiamo sul mercato, secondo lo slogan di Goglio ‘Più prodotto, meno packaging’” dichiara Pietro Lironi, Amministratore Delegato di Goglio Cofibox.

Goglio, azienda nata nel 1850 con stabilimenti produttivi e sedi commerciali in tutto il mondo, si distingue per la propria affidabilità, qualità del prodotto, sensibilità al rispetto ambientale, forte spinta all'innovazione e per gli ingenti investimenti rivolti alla Ricerca e Sviluppo. Testimoniano tutto questo anche le scelte più recenti come l’inaugurazione di un nuovo impianto di rigenerazione, la partecipazione a Expo Milano 2015 e la vittoria all’Oscar dell’Imballaggio 2015.

A fine aprile 2015 il Gruppo Goglio ha infatti inaugurato, insieme al gruppo energetico E.ON, un nuovo impianto di trigenerazione ad alta efficienza. E’ stato realizzato presso la sede centrale del Gruppo Goglio a Daverio; fornisce energia elettrica, riscaldamento e raffreddamento ed è in grado di ridurre le emissioni di CO2 di circa 6.300 tonnellate l’anno.

Riguardo la presenza di Goglio ad Expo Milano 2015, Franco Goglio, Presidente del Gruppo, ha sottolineato: “eccellenza nel pieno rispetto dell’ambiente: con le nostre soluzioni di confezionamento flessibile garantiamo al consumatore la qualità del prodotto fresco, permettendo la conservazione degli alimenti per periodi di tempo prolungati, contribuendo così attivamente alla lotta agli sprechi. ‘Meno packaging, più prodotto’ perché packaging significa cibo e cibo significa vita, per noi e per il pianeta e un alimento non confezionato, non protetto o mal conservato è un alimento perso”.

Il 20 maggio 2015, durante Ipack-Ima, infine, l’azienda di Daverio ha ottenuto il prestigioso premio Oscar dell’Imballaggio 2015 per l’innovazione tecnologica con GTea, il packaging attivo all’estratto di the verde, portatore di un’innovazione attenta all’ambiente.

Un claim, “Meno packaging, più prodotto: imballaggio, tecnologia, innovazione”, che non resta solo sulla carta.

http://www.goglio.it

https://www.facebook.com/ExpoMilanPackagingGoglio

goglio expo milano 2015 | goglio imballaggio tecnologia innovazione | golgio più prodotto meno packaging | goglio nuovo impianto rigenerazione | goglio oscar imballaggio 2015 | packaging goglio expo milano 2015 | imballaggio goglio expo milano 2015 | pietro |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

20 maggio 2015. Oscar dell’imballaggio vinto da Goglio con GTea, packaging attivo all’estratto di the verde


Goglio nel padiglione Cibus - Federalimentare dentro Expo 2015 a Milano


Concorso fotografico Packlick: “buon packaging” cartaceo e sostenibile, fotografia di qualità e talento giovanile, elementi caratterizzanti del contest. In pieno svolgimento le iscrizioni


Goglio presenta a Host 2015 le sue soluzioni di packaging per il caffè


Acquistare packaging personalizzato dalla Cina


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Reagire alla crisi: una soluzione arriva dall’alta gioielleria d’arte

Reagire alla crisi: una soluzione arriva dall’alta gioielleria d’arte
Il "Grande Patto” proposto da #GabriellaRivalta è un vero e proprio nuovo paradigma che vede la cultura e la prassi della condivisione diventare driver di cambiamento nella pratica di tutti i giorni La Maison piemontese di gioielli d’arte, con a capo Gabriella Rivalta e il figlio Roberto, ha deciso di recuperare i rapporti che in questi momenti di crisi sanitaria e sistemica stanno subendo danni irreparabili nel tessuto sociale e relazionale dell’Italia. Ecco la proposta di #GabriellaRivalta: “si tratta di un rivoluzionario rapporto di collaborazione, un nuovo patto fiduciario fra produz (continua)

Diretta con “Da Gutenberg a Zuckerberg, che emozione!”, martedì 26 maggio 2020 dalle ore 14.30 alle 16

Diretta con “Da Gutenberg a Zuckerberg, che emozione!”, martedì 26 maggio 2020 dalle ore 14.30 alle 16
Le frontiere dell'editoria del terzo millennio ed i segreti per una strategia di content curation e storytelling efficace, fra tecnologia ed umanità Come riconoscere le nuove forme di editoria digitale che possono diventare modelli di business validi e replicabili? Come rendere la propria comunicazione multi-canale coerente ed efficace? Risponderà a queste ed altre domande un evento AISM - Associazione Italiana Sviluppo Marketing a cura di Emotional Marketing Lab e MIURA: dalla prima Bibbia sino a «Facebook Augmented Reality» passando per (continua)

La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana

La desiderabilità del segno a Milano: brand design, calligrafia e agopuntura urbana
“La desiderabilità del segno” è un concept a tre voci con Paolo Rossetti, Simonetta Ferrante e Matteo Pettinaroli, in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di gesti Designing Happiness a 100 anni da Bauhaus L’incontro “La desiderabilità del segno”, avvenuto nel centesimo annive (continua)

La desiderabilità del segno

La desiderabilità del segno
La desiderabilità del segno Un incontro tra arte, design e trasformazione urbana, a cento anni dall’esperienza Bauhaus con al centro la desiderabilità, motore che fa girare l'esistenza “La desiderabilità del segno”. Un incontro a tre voci, Paolo Rossetti, Matteo Pettinaroli, Simonetta Ferrante in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di ge (continua)

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0
Il meeting svoltosi il 30 gennaio 2018 ha visto protagonista il robot NAO della Scuola di Robotica che ha interagito con gli ospiti. L’incontro, presentato da “LA LOGICA DEL FLUIRE. CHE MERCATO SAREMO” e “COPERNICO”, ha incluso gli interventi di Fiorella Operto, Fabrizio Bellavista e Stefano Lazzari e un saluto di benvenuto di Federico Lessio mentre Luisa Cozzi ha (continua)