Home > Cultura > Si può imparare ad essere assertivi? Lo chiediamo a Federica Curzi

Si può imparare ad essere assertivi? Lo chiediamo a Federica Curzi

scritto da: Aurelia | segnala un abuso

Si può imparare ad essere assertivi? Lo chiediamo a Federica Curzi


Conoscersi meglio. Consapevolezza e assertività di Federica Curzi è in libreria, intervistiamo l’autrice per comprendere meglio il suo libro e per avere risposte a molte domande che nascono dalla lettura del testo.
Cosa significa assertività? Si può imparare ad essere assertivi, ad essere consapevoli di sé e degli altri, rispettosi di se stessi e allo stesso tempo delle altre persone, positivi, con una buona capacità comunicativa e una forte serenità di fondo?

Incontriamo Federica Curzi in questa caldissima giornata di luglio. Sedute ad un bar sorseggiamo una bibita fresca e ci concediamo anche uno spuntino prima del pranzo. (l'intervista completa è sul Blog d Edizioni Psiconline)

D. Grazie Federica per aver accolto il nostro invito. Prima di lasciarti ai tuoi impegni vorremmo rivolgerti alcune domande, sperando di interpretare le aspettative dei tuoi lettori.
Tu affermi che per diventare assertivi si dovrebbero sviluppare: il pensiero positivo, una buona autostima, il problem solving ecc. Ma tutto questo come si apprende? È frutto dell’esperienza? L’apprendimento del resto non è esperienza?
R. Mi viene in mente questa frase presa dal libro “ Uccelli di rovo” e che ho anche riportato nel libro:
“ …la caratteristica che soprattutto affascinava i suoi amici era la straordinaria autodisciplina, come se fosse stata abituata sin dalla fanciullezza a non consentire alle circostanze di influenzare la sua serenità…”.
Tutto nella nostra vita è apprendimento e l’apprendimento non è altro che dovuto all’esperienza . Agire nel mondo in modo assertivo, decidere di dover apprendere questa qualità e agirla ecco cosa è importante fare.


D. Nel libro si parla della possibilità di scegliere che tipo di persona vogliamo essere… non pensi sia piuttosto complesso “decidere” il tipo di personalità che si vuole avere?
R. Penso sia possibile decidere che tipo di persona si vuol agire.
Penso anche sia più complicato continuare ad agire senza aver chiaro come siamo come ci mostriamo e come vogliamo essere e vorremo mostrarci.
Questo atteggiamento porta spesso a non renderci sereni a non vivere in armonia né con gli altri né tanto meno con noi stessi.
Penso sia importante fermarsi  e chiedersi cosa o come vorremo essere e muoverci.
La risposta per me è importante che sia sempre: Qualcuno che ci permetta di essere serene, felici, armoniosi.
Nel libro ho spiegato come poterlo fare, non trovo difficile modificare il nostro modo di fare se è quello che vogliamo veramente.

D. Se la vita ci ostacola in tutti i modi possiamo comunque realizzare noi stessi ed imparare ad essere assertivi?
R. Certo. L’assertivo non è colui che non ha situazioni difficili da affrontare, è colui che sa come affrontarle e sa anche che le circostanze esterne non hanno nulla a che fare con il nostro modo di affrontare le cose.

D.Come si impara ad essere felici?
R. Incominciando a domandarsi ogni mattina: “Cosa posso fare oggi per essere felice nel rispetto di me stesso e degli altri?” Nel libro ho dato delle linee guida da seguire, agirle.

affermazionedisé | assertività | Autori | comunicazione | conoscersi meglio | consapevolezza | consapevolezzadisé | edizionipsiconline | intervistacurzi | puntidivista |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il “Team Senza Paura Roma” vince la staffetta Resia – Rosolina 433km


Parliamo di assertività con Federica Curzi autrice di Conoscersi meglio. Consapevolezza e assertività - Edizioni Psiconline


Federica Sicignano, Maratona di Parigi 8 Aprile: Pronta e carica come una molla


LE INTERVISTE DI TALENT-TIME: FEDERICA AMBROSO


De Pierro su condanna Armando Spada, a Federica Angeli è andata meglio che a me


Conoscersi meglio di Federica Curzi - Edizioni Psiconline è in libreria


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Racconti schizofrenici di Stefano Porcu e Bruno Furcas - Edizioni Psiconline, dal 17 settembre in libreria

Racconti schizofrenici di Stefano Porcu e Bruno Furcas - Edizioni Psiconline, dal 17 settembre in libreria
Racconti schizofrenici. Vivere la malattia mentale attraverso gli occhi di operatori, pazienti e familiari di Stefano Porcu e Bruno Furcas, nella Collana A Tu per Tu, illustrazioni di Emanuele Musiu sarà disponibile in libreria dal 17 settembre. Gli autori hanno raccolto attraverso brevi racconti, delle storie che tratteggiano stralci di vita ed esperienza di persone con sofferenza menta (continua)

Edizioni Psiconline presenta l'anteprima delle novità editoriali

Edizioni Psiconline presenta l'anteprima delle novità editoriali
Dal 12 al 23 agosto 2015 Edizioni Psiconline chiuderà per le ferie estive, ma la nostra Redazione è da tempo impegnata per la preparazione di numerose e interessanti novità editoriali: Racconti schizofrenici, Scegliere il cambiamento, Ilcinquantaduepercento, sono soltanto alcuni titoli delle prossime pubblicazioni. Da settembre in tutte le librerie: Racconti schizofrenici (continua)

Chi è lo psicologo del lavoro?

Chi è lo psicologo del lavoro?
Lo psicologo del lavoro, le sue principali aree di attività e le sue competenze sono l'argomento dell'articolo pubblicato su www.psicologi-italiani.it dal titolo Chi è lo psicologo del lavoro? di Angela Chiara Leonino laureata in Psicologia Clinica e della Salute, all’Università “G. D’Annunzio” di Chieti. Lo Psicologo del lavoro è lo specialista (continua)

Intervista a Francesco Codato sul suo nuovo saggio Che cos’è la malattia mentale - Edizioni Psiconline

Intervista a Francesco Codato sul suo nuovo saggio Che cos’è la malattia mentale - Edizioni Psiconline
Sebbene la malattia mentale venga identificata quale male epocale, non esiste nessuna definizione precisa che persuada tutti gli animi su cosa essa sia. Francesco Codato nel suo nuovo saggio Che cos’è la malattia mentale cerca di ovviare a questo problema prendendo ad esame le risposte che le differenti discipline (psichiatria, storia, antropologia, sociologia, filosofia, religione, (continua)

Antonio Rinaldi e il metodo A.T.D.R.A. per il trattamento dei bambini autistici, sulla stampa degli ultimi giorni.

Antonio Rinaldi e il metodo A.T.D.R.A. per il trattamento dei bambini autistici, sulla stampa degli ultimi giorni.
Antonio Rinaldi nel suo libro Leggere il silenzio. Lavorare con i bambini autistici (collana Strumenti) - Edizioni Psiconline fornisce un esempio concreto di come si possa lavorare con un bambino autistico, il metodo che egli stesso ha adottato e continua ad adottare: il trattamento in acqua (surf-therapy). L’autore descrive il percorso in piscina e quello in mare (il surfing), delineandone (continua)