Home > Primo Piano > G DATA: Sfatati i miti sulla sicurezza IT

G DATA: Sfatati i miti sulla sicurezza IT

scritto da: SABMCS | segnala un abuso


 I rischi per gli utenti Internet sono in agguato ovunque nella rete

 
Bochum (Germania) - Gli esperti dei G DATA SecurityLabs sfatano due miti ricorrenti sulla sicurezza IT: “non visito i siti porno quindi il mio computer non può essere infettato.” oppure “non ho niente di importante salvato sul mio computer e non ho niente da nascondere – per quale motivo dovrei essere il bersaglio di un attacco?” Purtroppo la realtà è un po’ diversa. In questo articolo gli esperti spiegano perché queste affermazioni siano, di fatto, errate e perché la sicurezza IT sia importante per ogni utente.
 
 Mito #1 - "Non navigo su siti pericolosi"
 
Uno dei risultati più eclatanti della ricerca G DATA è che non esiste ambito scevro da siti fraudolenti, il problema non riguarda quindi solo siti mal visti. Le seguenti dieci categorie di sito, rilevate nel 2014, celano infatti il 76,4% di tutti i siti con codice malevolo analizzati. Categorie di norma ritenute innocue, come tecnologia, commercio o salute, sono da annoverarsi tra le maggiori fonti di rischio per gli utenti. Al contrario, siti implicanti pornografia e gioco d’azzardo hanno un impatto minore.
 
Gli attacchi possono aver luogo ovunque nella rete. Alcuni settori celano maggiori rischi di infezione ma nessuno di essi è  del tutto maligno o innocuo. I cyber criminali hanno come bersaglio siti che trattano argomenti particolarmente in voga, prediligendo per lo più attacchi non mirati e rapidi da eseguire, come ad esempio infezioni di massa di siti web vulnerabili: profitti elevati col minimo sforzo.
 
Mito #2 - "Il mio computer non è rilevante per i cyber criminali"
 
Per i criminali ogni computer ha valore, nei modi più svariati.  I PC infetti possono essere integrati in botnet per poi abusarne impiegandoli come proxy, per inviare messaggi spam o come strumento per attacchi DDoS contro altri sistemi. In altri casi, le risorse della CPU del computer infetto possono essere utilizzate per ottenere valute virtuali come Bitcoins. Lo studio segnala altresì un sensibile aumento della quantità di nuovi malware usati per perpetrare attacchi a utenti di computer durante la seconda metà del 2014.
 
Gli esperti hanno registrato  4.150.068  nuovi tipi di malware, un aumento del 125% rispetto al primo semestre  che ha portato ad un numero complessivo di 6 milioni nel 2014, di cui un’ampia fetta spetta a malware legati alla creazione e alla manutenzione di botnet.
 
Anche molti dei dati contenuti nel computer rappresentano un bene prezioso per i criminali: potrebbero appropriarsi degli indirizzi email dei contatti, potrebbero trovare password non protette di account da usare in modo inappropriato, per non dimenticare dati personali tra cui immagini e  documenti, un elemento da non sottovalutare. Questi contenuti digitali potrebbero infatti essere venduti su mercati sommersi o utilizzati per ricattare gli utenti colpiti.
 
Internet può essere un luogo pericoloso in cui navigare, ma non c’è bisogno di preoccuparsi se non per il dato di fatto che i computer senza appropriate misure di sicurezza sono una facile preda per i criminali. Va da sé che il prezzo da pagare per un’infezione è molto più alto rispetto al costo di una soluzione di sicurezza completa.
 
L’articolo è stato originariamente pubblicato in lingua inglese sul blog InfoSecurityEurope: http://blogs.infosecurityeurope.com/two-major-it-security-myths-debunked/

Fonte notizia: https://sabmcs.wordpress.com


botnet | cyber criminali | G DATA | G DATA SecurityLabs | IT security | malware | miti sicurezza IT | sicurezza IT | siti fraudolenti |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Robinson Jr.


La vita in piazza di Maria Concetta Distefano


Movimento Network Marketing


La montagna in salute


Delirium di Postremo Vate


La montagna in salute di Sonia Peyrot


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

VoIP: In Europa un utente su due vincola la sicurezza dei telefoni IP alla notorietà del marchio

VoIP: In Europa un utente su due vincola la sicurezza dei telefoni IP alla notorietà del marchio
Mentre per metà degli utenti VoIP europei il brand è determinante ai fini della sicurezza e dell’interoperabilità dei terminali con le più moderne soluzioni VoIP, l’altra metà è convinta che qualsiasi terminale IP sia sicuro e si interessa poco delle funzionalità avanzate, «basta poter telefonare». Due atteggiamenti del tutto dicotomici, oltre che errati, emersi dal recente studio di Snom Technology. Dei 3156 utenti aziendali intervistati in occasione del sondaggio condotto da Snom Technology con l’ausilio dell’istituto di ricerche di mercato indipendente Norstat in Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia e Spagna tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo 2020, solo il 14% non dispone di un telefono da scrivania. Una media che in Italia è ancora inferiore: ben il 94% degli utenti continua a (continua)

Platino e oro per i distributori Snom

Platino e oro per i distributori Snom
Snom, noto produttore di telefoni IP premium per aziende, professionisti e per ambienti industriali, ha annunciato i distributori premiati per gli eccellenti risultati conseguiti nel corso dell’anno fiscale 19/20, conclusosi a fine marzo. Determinante ai fini dell’assegnazione degli ambiti riconoscimenti non solo il quantitativo di terminali venduti ma anche l’assistenza qualificata erogata ai rivenditori. Tra i premiati figurano due distributori italiani.Per la prima volta dopo sette anni Snom Technology GmbH torna a premiare i partner commerciali più meritevoli su scala globale. Si tratta di aziende annoverate a buon ragione tra (continua)

Intervento contro la solitudine: 100 nuovi telefoni IP Snom presso Silbernetz e. V.

Intervento contro la solitudine: 100 nuovi telefoni IP Snom presso Silbernetz e. V.
Anche senza il coronavirus, la solitudine e il silenzio caratterizzano la quotidianità di milioni di anziani. Cento nuovi telefoni Snom per i volontari e i collaboratori della „rete d’argento“ Silbernetz e.V. contribuiscono a cambiare le cose. Quando i figli hanno lasciato il nido da tempo, il coniuge è deceduto e la TV o la radio sono l’unico collegamento co (continua)

Una conversazione é più efficiente dell’e-mail: Snom offre la migliore qualità audio per le Huddle Rooms

Una conversazione é più efficiente dell’e-mail: Snom offre la migliore qualità audio per le Huddle Rooms
Mai prima d’ora abbiamo comunicato così tanto e spesso. Per il solo 2019 gli esperti hanno previsto un volume di circa 293,6 miliardi di e-mail scambiate in tutto il mondo – ogni giorno! Entro il 2023 questa cifra dovrebbe salire a 347,3 miliardi ogni 24 ore*. Nel contempo i dipendenti sono sempre più mobili e svolgono il proprio lavoro ovunque sia possibile: in uffi (continua)

Nuovo accessorio - Snom A190: headset DECT multicella

Nuovo accessorio - Snom A190: headset DECT multicella
Snom, produttore internazionale di telefoni IP premium per professionisti e aziende presenta il nuovo A190 cordless DECT multicella. Un headset in grado di passare senza soluzione di continuità da una cella all’altra e di eseguire il roaming in installazioni DECT multicella. Insieme alla stazione base DECT M900 annunciata di recente , gli utenti dispongono di una soluzione complet (continua)