Home > Cultura > Antonio Rinaldi e il metodo A.T.D.R.A. per il trattamento dei bambini autistici, sulla stampa degli ultimi giorni.

Antonio Rinaldi e il metodo A.T.D.R.A. per il trattamento dei bambini autistici, sulla stampa degli ultimi giorni.

scritto da: Aurelia | segnala un abuso

Antonio Rinaldi e il metodo A.T.D.R.A. per il trattamento dei bambini autistici, sulla stampa degli ultimi giorni.


Antonio Rinaldi nel suo libro Leggere il silenzio. Lavorare con i bambini autistici (collana Strumenti) - Edizioni Psiconline fornisce un esempio concreto di come si possa lavorare con un bambino autistico, il metodo che egli stesso ha adottato e continua ad adottare: il trattamento in acqua (surf-therapy).
L’autore descrive il percorso in piscina e quello in mare (il surfing), delineandone anche punti di forza e debolezza, con qualche piccolo esempio di pazienti, da egli stesso curati, che hanno avuto i loro piccoli miglioramenti.
Il metodo ideato da Antonio Rinaldi è l’A.T.D.R.A. (Approccio Terapeutico Dinamico Relazionale in Acqua) che è sempre più apprezzato per il trattamento dei bambini autistici, infatti negli ultimi giorni la stampa (www.romatoday.it) (http://m.ilmessaggero.it) gli ha dedicato alcuni articoli in occasione dell’avvio delle attività di Surf-Therapy (Surfing Voice) presso uno stabilimento di Ostia, e in autunno presso le piscine della città. Nell’articolo di Roma Today si legge: “Surfista affermato e per questo team rider ed ambassador del famoso marchio australiano Billabong, Rinaldi negli anni ha istituzionalizzato sempre più la surf-therapy sino a certificare anch’essa con il nome “Surfing Voice“, ottenendo riconoscimento immediato dall’Italia e dall’estero. Surfing Voice, la prima forma di surf-therapy italiana e per certi versi nel mondo, si differenzia dalle pochissime realtà di surf-terapia già esistenti; queste utilizzano l’emozione scaturita dal cavalcare un’onda per alleviare il disagio e per rafforzare autostima, portando forza e motivazione alla vita, Surfing Voice invece interviene applicando alla generale struttura applicativa attenzioni e modalità personalizzate applicate al singolo soggetto e alle diverse patologie. Nel caso dell’autismo si opera nel rispetto del tipico funzionamento e di necessità, nell’accoglienza e nel riconoscimento si costruisce facendo leva sulla motivazione e sui punti di forza del soggetto.”
La Rivista Insegnare, inoltre, ha intervistato Antonio Rinaldi, egli racconta come nasce il suo percorso terapeutico “In realtà tutto nasce molto lontano, nel lontano 1999 grazie ad una prima esperienza con il mondo della disabilità in piscina scoprii quanto l’elemento acqua fosse indubbiamente più potenfotote nel creare connessione con le proprie emozioni e quindi con l’altro, rispetto agli altri contesti di intervento o semplicemente di vita.  D’altro canto l’acqua era giá elemento cardine nella mia vita e anche sulla mia persona lo avevo da sempre riconosciuto come dimensione terapeutica.
La surf-therapy nasce in realtà come evoluzione dall’intervento in piscina che negli anni ho strutturato e affinato per l’autismo e i disturbi dello sviluppo.
Il metodo denominato “a.t.d.r.a.” (approccio terapeutico dinamico relazionale in acqua) negli anni da strumento specifico per l’intervento in acqua, è divenuto metodologia per trattare l’autismo in qualsiasi contesto, utilizzabile per la didattica scolastica ed in qualsiasi contesto terapeutico e di vita.
Dall’esperienza clinica nasce, oltre che il libro Leggere il silenzio. Lavorare con i bambini autistici, anche l’idea di strutturare ed istituzionalizzare la surf-therapy, naturalmente sempre nel rispetto degli assiomi base del metodo a.t.d.r.a., che accolgono necessità e sfruttano i punti di forza del funzionamento autistico, uniti al potere motivazionale e meditativo dell’onda."
[…]
Il Dott. Rinaldi prosegue parlando delle principali difficoltà che si incontrano nel percorso e dei risultati che si ottengono: “Il percorso nella metodologia a.t.d.r.a. è costruito sulle peculiarità del funzionamento autistico, per cui dando valore alle potenzialità tipiche e rispettando le specifiche necessità, non incontra difficoltà con i soggetti, che anzi sin dalle primissime sessioni dimostrano grande motivazione ad esserci e a relazionarsi. L’unica reale difficoltà su cui possiamo imbatterci è il rischio di non far comprendere il valore terapeutico, a chi da esterno inconsapevole si limita a pensare al “surf”, di un intervento in un setting apparentemente poco strutturato come una piscina o una spiaggia; l’atipicità degli interventi a.t.d.r.a. verte sul nostro voler alleggerire lo stato d’animo del genitore e del bambino/ragazzo per far leva sugli aspetti motivazionali dello stare in relazione. Il grande limite di un ambiente prettamente clinico/medicalizzato, è già nel suo continuo rimando alla patologia, alla diagnosi e cosa fondamentale nel suo separare genitori e figlio. Elemento cardine del nostro operare invece è il coinvolgimento attivo del genitore.” […]
Tratto da www.insegnareonline.com Intervista a cura di M. Gloria Calì

a t d r a | antonio rinaldi | autismo | bambini autistici | edizioni psiconline | leggere il silenzio | surf-therapy | surfing voice |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

CMP presenta la sua Heritage Ski Capsule ispirata a Mondrian


Autismo e cellule staminali del cordone ombelicale


Tumore al seno HER2-positivo e ADC: nuova sperimentazione per ENHERTU®


La Pizza Pascalina di Casa de Rinaldi protagonista alla Fondazione Pascale


NSCLC: Daiichi Sankyo ha presentato i risultati del farmaco U3-1402


Schiena mia... per piccina che tu sia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Racconti schizofrenici di Stefano Porcu e Bruno Furcas - Edizioni Psiconline, dal 17 settembre in libreria

Racconti schizofrenici di Stefano Porcu e Bruno Furcas - Edizioni Psiconline, dal 17 settembre in libreria
Racconti schizofrenici. Vivere la malattia mentale attraverso gli occhi di operatori, pazienti e familiari di Stefano Porcu e Bruno Furcas, nella Collana A Tu per Tu, illustrazioni di Emanuele Musiu sarà disponibile in libreria dal 17 settembre. Gli autori hanno raccolto attraverso brevi racconti, delle storie che tratteggiano stralci di vita ed esperienza di persone con sofferenza menta (continua)

Edizioni Psiconline presenta l'anteprima delle novità editoriali

Edizioni Psiconline presenta l'anteprima delle novità editoriali
Dal 12 al 23 agosto 2015 Edizioni Psiconline chiuderà per le ferie estive, ma la nostra Redazione è da tempo impegnata per la preparazione di numerose e interessanti novità editoriali: Racconti schizofrenici, Scegliere il cambiamento, Ilcinquantaduepercento, sono soltanto alcuni titoli delle prossime pubblicazioni. Da settembre in tutte le librerie: Racconti schizofrenici (continua)

Chi è lo psicologo del lavoro?

Chi è lo psicologo del lavoro?
Lo psicologo del lavoro, le sue principali aree di attività e le sue competenze sono l'argomento dell'articolo pubblicato su www.psicologi-italiani.it dal titolo Chi è lo psicologo del lavoro? di Angela Chiara Leonino laureata in Psicologia Clinica e della Salute, all’Università “G. D’Annunzio” di Chieti. Lo Psicologo del lavoro è lo specialista (continua)

Intervista a Francesco Codato sul suo nuovo saggio Che cos’è la malattia mentale - Edizioni Psiconline

Intervista a Francesco Codato sul suo nuovo saggio Che cos’è la malattia mentale - Edizioni Psiconline
Sebbene la malattia mentale venga identificata quale male epocale, non esiste nessuna definizione precisa che persuada tutti gli animi su cosa essa sia. Francesco Codato nel suo nuovo saggio Che cos’è la malattia mentale cerca di ovviare a questo problema prendendo ad esame le risposte che le differenti discipline (psichiatria, storia, antropologia, sociologia, filosofia, religione, (continua)

Ciro Pinto: la nuova intervista di Edizioni Psiconline

Ciro Pinto: la nuova intervista di Edizioni Psiconline
Ciro Pinto è un autore poliedrico e sensibile, attento osservatore e conoscitore dell’animo umano e L’uomo che correva vicino al mare è sicuramente un libro toccante e profondo. Un racconto che traduce la complessità del vivere con quella schiettezza che è frutto di profonda esperienza. Un racconto che nella sua scrittura privilegia la condizione dell&rsqu (continua)