Home > Altro > I traguardi principali raggiunti dai fondi infrastrutturali creati da F2i SGR S.p.A.

I traguardi principali raggiunti dai fondi infrastrutturali creati da F2i SGR S.p.A.

scritto da: Articolinews | segnala un abuso


I principali investimenti, effettuati all'interno dell'ambito infrastrutturale, dalla società condotta dal manager Renato Ravanelli F2i - Fondi Italiani per le Infrastrutture che ne ricopre il ruolo di Amministratore Delegato.

F2i - Fondi Italiani per le Infrastrutture

Il profilo societario di F2i, importante SGR sul territorio nazionale

F2i è un'importante Società di Gestione del Risparmio italiana nata nel 2007 e che si è resa protagonista, nell'anno della fondazione, della creazione di un fondo di tipo chiuso che si configura come il più rilevante nel nostro Paese e tra i principali in tutto il territorio Europeo. La società nasce con l'obiettivo di agevolare maggiormente tutti gli investimenti effettuati all'interno del comparto infrastrutturale italiano in modo da permettere un sostanziale allineamento con gli altri Paesi presenti in Europa, i quali risultano notevolmente più avanzati rispetto all'Italia. La società è attiva in diversi ambiti appartenenti al settore delle infrastrutture grazie agli investimenti effettuati nel comparto delle autostrade, degli aeroporti, delle maggiori reti di trasporto a livello nazionale, delle energie rinnovabili, della distribuzione del gas e dei sistemi di pagamento. Attualmente è guidata dall'Amministratore Delegato Renato Ravanelli, che ha assunto la carica nel 2014, e dal Presidente Bernardo Bini Smaghi, nominato nel mese di marzo 2015.


I fondi creati da F2i e le loro principali caratteristiche

Il Primo Fondo creato da F2i viene istituito dalla società nel 2007 e, dalla sua costituzione, è stato in grado di raggiungere un valore di raccolta pari a 1.852 milioni di euro. Questa somma è stata interamente investita in primarie società attive nel panorama nazionale ed internazionale quali ad esempio 2i Rete Gas, SEA, Sagat, Metroweb, Gesac, HFV Alerion Clean Power. Le previsioni di investimento sono state stabilite, al momento della creazione di F2i, in un periodo di 15 anni. Nel 2012 F2i, dato il successo ottenuto dalla creazione del primo fondo, ha deciso di avviare un ulteriore fondo, il quale può già vantare importanti sottoscrizioni ed investimenti, pur essendo ancora in fase di raccolta. Gli investitori hanno infatti permesso di raggiungere quota 775 milioni di euro, parte dei quali utilizzati per l'acquisizione di partecipazioni in SIA, SEA e TRM.


Per maggiori informazioni relative a F2i, visita il profilo della Società di Gestione del Risparmio su Slideshare.

F2i | Renato Ravanelli | Renato Ravanelli F2i |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Renato Ravanelli: F2i SGR acquista sette impianti eolici in Sicilia e Calabria


F2i, insieme ad Ania, acquista Compagnia Ferroviaria Italiana. Il commento dell’AD Renato Ravanelli


Logistica portuale, F2i completa l’acquisizione di MarterNeri


Il profilo professionale dell’Amministratore Delegato di F2i SGR S.p.A. Renato Ravanelli


L’AD Renato Ravanelli: i progetti di crescita di F2i SGR per il Trieste Airport


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il laboratorio di Riva Acciaio ed il sistema di simulazione per la fabbricazione dell’acciaio

Il laboratorio di Riva Acciaio ed il sistema di simulazione per la fabbricazione dell’acciaio
Nello stabilimento siderurgico Riva Acciaio di Lesegno il rottame viene trasformato in un’infinità di nuovi prodotti, grazie anche all’aiuto del sofisticato sistema Gleeble 3800 Lo stabilimento Riva Acciaio di Lesegno è l'unico in Italia ad avere un sistema di simulazione della fabbricazione dell'acciaio che permette di riprodurre tutte le varie fasi del processo.Riva Acciaio di Lesegno: nuova vita ai rottamiL'acciaio è un elemento estremamente versatile che può assumere diverse forme ed essere utilizzato in qualsiasi campo. Inoltre, date le sue caratteristiche, (continua)

Trovare un equilibrio tra innovazione e protezione dei cittadini: la soluzione proposta da Pompeo Pontone

Un recente articolo di “EUreporter” riaccende il dibattito sulla gestione dell’intelligenza artificiale da parte di persone e imprese dell’Unione Europea: l’esperto Pompeo Pontone si esprime sull’argomento Pompeo Pontone, Investor e Investment specialist, con all'attivo diversi progetti di Fintech e Data Science, fornisce la sua analisi sul complesso equilibrio tra benefici e rischi legati all'intelligenza artificiale.L'AI nella vita di tutti i giorni: le riflessioni di Pompeo PontoneL'intelligenza artificiale è riuscita, oltre che a farsi sempre più sofisticata, a divenire parte integrante delle pi (continua)

Italia leader della circular economy: Riva Acciaio abbraccia i nuovi obiettivi di sostenibilità

Italia leader della circular economy: Riva Acciaio abbraccia i nuovi obiettivi di sostenibilità
“Verso un modello di economia circolare per l’Italia”: il documento stilato dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero dell’Ambiente è stato accolto a pieno da Riva Acciaio Riva Acciaio, come player di riferimento nell'ambito siderurgico, ha abbracciato la sfida della sostenibilità, puntando al raggiungimento degli impegni presi dal nostro Paese verso l'Accordo di Parigi e l'Agenda 2030 delle Nazioni Unite.Riva Acciaio: l'Italia sul podio della circular economy ma bisogna guardare avantiRiva Acciaio supporta la transizione energetica in corso in Italia, condivid (continua)

“Mala Gestio”: intervista all’autore Massimo Malvestio, avvocato ed editorialista

“Mala Gestio”: intervista all’autore Massimo Malvestio, avvocato ed editorialista
Massimo Malvestio: “Le banche come sono state per 150 anni stanno scomparendo. La vera novità è nella tecnologia finanziaria e in chiunque saprà affrancarsi dalle banche e dai regolatori” L'avvocato Massimo Malvestio, editorialista del "Corriere del Veneto" e collaboratore di "Nordesteuropa.it", ha denunciato per anni la situazione in cui versava il Veneto e il sistema bancario: in "Mala Gestio, perché i veneti stanno tornando poveri" i prodromi della catastrofe finanziaria che ha investito negli scorsi anni il territorio.Il Veneto, le banche, la crisi: la lungimirante inchies (continua)

FME Education: la cultura a portata di click

FME Education: la cultura a portata di click
FME Education ha aiutato a portare l’infinito patrimonio storico-culturale italiano sulle piattaforme digitali per valorizzare il Paese attraverso le nuove tecnologie Nata a Milano come Editore che si propone di promuovere contenuti didattici innovativi, FME Education è in prima linea nella promozione della cultura italiana sul digitale.FME Education: la tecnologia al servizio della culturaLa digitalizzazione era una rivoluzione che si aspettavano tutti. Prima di marzo 2020 nessuno però avrebbe mai creduto che si sarebbe rivelata l'unica via per acced (continua)