Home > Internet > L’EMAIL MARKETING PER IL RECUPERO DEI CARRELLI ABBANDONATI: OPPORTUNITA’ PER L’ECOMMERCE

L’EMAIL MARKETING PER IL RECUPERO DEI CARRELLI ABBANDONATI: OPPORTUNITA’ PER L’ECOMMERCE

scritto da: Information Blog | segnala un abuso

 L’EMAIL MARKETING PER IL RECUPERO DEI CARRELLI ABBANDONATI: OPPORTUNITA’ PER L’ECOMMERCE



I carrelli abbandonati negli 
ecommerce sono un’opportunità. Se consideriamo infatti che il processo d’acquisto è complesso e che chi abbandona il carrello si trova nella fase informativa del processo, il mettere i prodotti nel carrello e non acquistarli immediatamente diventa quindi un passaggio naturale e necessario. Sono molte le ragioni per cui si abbandona un carrello. Vanno dalla curiosità, alla troppo lunga esperienza di registrazione ed arrivano anche alle spese di spedizione inaspettate e non presentate in anticipo. Secondo Marketing Sherpa (dati 2012) il 21% di chi abbandona il carrello, poi acquista. E tra quelli che poi acquistano, il 55% spende di più rispetto a chi non abbandona il carrello.

Per quanto riguarda le azioni di remarketing su chi abbandona il carrello, è importante agire entro i primi 60 minuti perché il 90% dei lead si “raffredda” entro un’ora. Entro 12 ore la maggior parte degli acquirenti che ha intenzione di comprare, procede con l’acquisto (studio Massachusetts Institute of Technology).

Il 50% delle e-mail trigger viene aperto, il 95% in più rispetto alle e-mail tradizionali. Il canale e-mail genera il 57% di tutto il traffico relativo ai carrelli degli ecommerce.

Il CTR delle e-mail inviate a seguito di un abbandono del carrello su un sito di commercio elettronico è del 14,2%, mentre il CTR delle email tradizionai è del 4% (dati SalesCycle, 2013).

Per impostare un programma di recupero carrelli abbandonati è ovviamente necessario avere la mail dell'utente, che quindi o ha già effettuato acquisti, o è iscritto a una tua newsletter. Attraverso i software di email marketing è possibile impostare una semplice automazione per inviare una mail di notifica a quegli utenti che hanno inserito prodotti nel carrello ma non hanno completato l'acquisto. Per evitare di sembrare “assillanti” e finire nello spam dobbiamo optare per una campagna di recupero formata da tre invii considerando anche e statistiche a cui abbiamo accennato poco fa.

Lanciamo una prima email prima che passino 60 minuti dall’abbandono del carrello; questo fa in modo che la percentuale di recupero aumenti in modo significativo. chiedendo all’utente stesso cosa ha bisogno per completare l’acquisto oppure quali siano i suoi dubbi. Se si tratta di un cliente abituale è altresì possibile contattarlo telefonicamente, se si hanno i dati. Questa azione è fondamentale nel processo di recupero dei carrelli abbandonati.

Passato qualche giorno, ma comunque entro la settimana, è consigliabile inviare una seconda email all’utente segnalando che i prodotti messi nel carrello sono ancora disponibili fino ad una determinata data, fornendo anche maggiori informazioni sui prodotti stessi e mostrando le loro peculiarità. 

Se non è stata ricevuta nessuna risposta è possibile inviare una terza mail, prima che passino i 30 giorni, proponendo un’offerta che possa stimolare l’utente a portare a termine l’acquisto e a realizzare la conversione. Inviando, ad esempio, un coupon sconto o una promozione sulle spese di spedizione. E’ importante anche informare l’utente sul fatto che verranno ritirati dal carrello i prodotti che ha scelto Questo sarà l’ultimo tentativo di recupero: è quindi importante giocarsi tutte le carte a disposizione.

 Se volete impostare una campagna di email marketing per il recupero dei carrelli abbandonati rivolgetevi a degli esperti di soluzioni per ecommerce.

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Recupero Foto Cancellate da Cellulari e Smartphone a Roma


Recupero Dati a Roma ? Scegli il servizio di Newtechsystem Recupero Dati


Impostazioni email telecamere Foscam: Scopri come ricevere le notifiche


Recupero Dati Cellulare Roma


eCommerce e IVA: cosa cambierà nel 2021 per chi vende prodotti extra UE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Ecommerce: basta competere sul prezzo e iniziamo a competere sulla Customer Experience

Ecommerce: basta competere sul prezzo e iniziamo a competere sulla Customer Experience
 Ogni percorso del cliente include più punti di contatto, e tutti questi punti devono essere collegati a disegnare un'esperienza unica. Oggi, gli ecommerce devono aumentare il valore della loro relazione con il cliente in ogni step della vendita. Non è un mistero che la gente ama sentirsi speciale. Vogliono sentire che un marchio e/o un’azienda si preoccupi since (continua)

Ecommerce: 6 modi economici sul mercato per diventare uno store di nicchia 

Ecommerce: 6 modi economici sul mercato per diventare uno store di nicchia 
Il marketing per le aziende ecommerce può essere estremamente costoso, ma in questo post vogliamo illustravi sei modi economici per fasr diventare il vostro un ecommerce di nicchia per i potenziali clienti .  Post sui forum di appassionatiDipende da quanto è grandeè il vostro ecommerce, ma la maggior parte delle aziende hanno un forum si sostegno, dove gli appassion (continua)

Alla ricerca di lavoro? Ecco come fare la lettera di presentazione

  Alla ricerca di lavoro? Ecco come fare la lettera di presentazione
Quando siete alla ricerca di lavoro, non dimenticatevi insieme al Cv di allegare la lettera di presentazione. La lettera di presentazione è il vostro biglietto da visita, la prima immagine che un potenziale datore di lavoro, o l’agenzia per il lavoro che vi sta selezionando, riceve da voi. Dedicate, quindi, attenzione alla sua stesura, personalizzandola di volta in volta, (continua)

WEBINAR DI ADHR GROUP SUL JOBS ACT

WEBINAR DI ADHR GROUP SUL JOBS ACT
 La famosa agenzia per il lavoro ADHR GROUP, che opera su tutto il territorio nazionale ma che il suo quartiere generale nel bolognese sta promuovendo per i clienti attuali e potenziali un webinar in diretta streaming il giorno 27 Ottobre 2015, con l’avvocato dello studio legale DLA Paper, su tutte le novità degli ultimi decretivi attuativi del Jobs Act; la discussa riforma (continua)

5 Best Practices per email che è possibile implementare oggi per un ecommerce  

5 Best Practices per email che è possibile implementare oggi per un ecommerce   
 L’email rimane uno degli strumenti più efficaci del marketing digitale per un ecommerce - è veloce, misurabile e conveniente. Una email ben progettata è fondamentale per le conversioni e attenersi a queste buone pratiche farà in modo che le email abbaino risultati sorprendentemente per tutte le piattaforme e i dispositivi. Obiettivo per la l (continua)