Home > Economia e Finanza > Sentiment positivo nell'immobiliare

Sentiment positivo nell'immobiliare

scritto da: Todayonline | segnala un abuso

Sentiment positivo nell'immobiliare


 Si consolida l’atteggiamento positivo degli operatori del settore immobiliare nei confronti dell’economia e del mercato immobiliare in particolare. Secondo l’indagine sul “Sentiment del mercato immobiliare” del primo quadrimestre 2015, elaborato dall’Università di Parma, le aspettative degli operatori sono in progressivo miglioramento e le tendenze negative del passato sembrano completamente superate. La ricerca si basa su interviste rivolte a una platea di circa duecento operatori del mercato immobiliare.

Aumentano innanzitutto coloro che ritengono l’economia in fase di stabilizzazione o miglioramento nel corso dei prossimi 12 mesi (rispettivamente il 46,25% e il 32,5% degli intervistati), tendenza convalidata per il settore immobiliare.

Esattamente come affermato dal presidente dell’Immobildream Roberto Carlino ormai tempo fa: “La ripresa economica e del settore immobiliare è un fattore "inevitabile e fisiologico ” ha sempre affermato il presidente Roberto Carlino, “le famiglie hanno di nuovo fiducia nell’acquisto di una casa, perché è l’investimento più profittevole che ci sia. Perché come ha sempre detto  Roberto Carlino la casa è come il buon vino, più invecchia e più acquista valore!”

Cresce la quota di chi si attende prezzi in risalita, soprattutto insieme a una riduzione dei tempi di vendita.

Cosa aspettarsi dagli investitori? Il capitale degli istituzionali converge ancora sul mattone, cresce l’interesse a investire da parte dei fondi pensione e delle compagnie di assicurazione. Sembra incidere, in questo senso, la maggiore facilità di accesso ai mutui: secondo il 60,38% degli intervistati si riscontra un miglioramento delle condizioni di accesso alla leva finanziaria.

Continua il Presidente dell'Immobildream il Sentiment  generale ha raccolto anche le opinioni selezionate di alcuni operatori sugli immobili considerati più appetibili come oggetto di investimento. Particolare interesse riscuotono gli asset cielo-terra, che, a differenza dei singoli appartamenti e delle singole porzioni, possono più facilmente essere oggetto di vere e proprie riqualificazioni e valorizzazioni di dimensioni più significative.

Come nelle passate edizioni, anche nel questionario del Sentiment per il I quadrimestre 2015 sono state inserite alcune domande legate all’attualità: il 74% giudica positivamente le misure espansive della Banca Centrale Europea, conosciute come “quantitative easing”.

Conclude Roberto Carlino: “A dare sicuramente uno sprint maggiore alla fiducia dei consumatori e delle famiglie italiane nei confronti del settore immobiliare, c’è la decisione del presidente del consiglio Matteo Renzi di eliminare le imposte sulla prima casa nel prossimo 2016, un vero assist per il mercato immobiliare.”

immobiliare | sentiment positivo | ripresa economica | ripresa immobiliare | roberto carlino | immobildream | matteo renzi |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Investimento immobiliare più redditizio

Investimento immobiliare più redditizio
Secondo gli ultimi dati, in Italia, l’investimento in immobili è sempre più redditizio. Acquistare un immobile di qualsiasi tipologia per metterlo a reddito produce, nel peggiore dei casi, il doppio del rendimento che offrono i Buoni del Tesoro a 10 anni.     Secondo questo studio, che mette in relazione i prezzi di vendita e affitto delle diverse tipologie immobilia (continua)

Ottimi risultati sul fronte mutui

Ottimi risultati sul fronte mutui
Non deludono i dati sui nuovi mutui proposti dalle banche, in cui si registra che la media dei migliori spread per un finanziamento a tasso variabile e fisso sono passati rispettivamente da un 1,8% e 1,9% nel primo trimestre 2015 a un 1,7% e un 1,3% nel secondo trimestre 2015. Lo segnala la Bussola Mutui, il bollettino trimestrale firmato Crif e MutuiSupermarket.it, aggiungendo che, dal confronto (continua)

Immobiliare italiano e indice di affordability

Immobiliare italiano e indice di affordability
Altre città di Italia, come Salerno e Bologna, seguono la scia positiva di Roma con l’aumento del numero di compravendite, le famiglie italiane dimostrano sempre maggiore fiducia nei confronti del mattone, bene rifugio da sempre preferito dagli italiani. Non solo perché il momento è favorevole per l’acquisto di una casa e per la richiesta di un mutuo, mai a condizi (continua)

Matteo Renzi e IMU 2016: molti consensi

Matteo Renzi e IMU 2016: molti consensi
La decisione del presidente del consiglio Matteo Renzi di abolire le imposte IMU  e TASI sulla prima casa a partire dal prossimo 2016 ha preso molti consensi da molti lati. Primo fra tutti il Presidente dell’Immobildream Roberto Carlino, che non appena sentita la notizia ha subito dimostrato il proprio apprezzamento nei confronti della manovra progettata da Renzi, porgendogli i suoi co (continua)

I cambiamenti nel mercato immobiliare italiano

I cambiamenti nel mercato immobiliare italiano
Cambiamenti importanti nel mercato immobiliare. A partire dalla decisione del presidente del consiglio Matteo Renzi di eliminare le imposte sulla prima casa nel 2016. Questi i punti: nel 2016 abolizione delle imposte  sulla prima casa, nel 2017 intervento Ires e Irap e nel 2018 interventi sugli scaglioni Irpef e sulle pensioni. "Con questo governo e con la maggioranza del Pd non soltanto (continua)