Home > Primo Piano > La Buona Scuola: Renzi divora e i sindacati non sono “Nessuno”

La Buona Scuola: Renzi divora e i sindacati non sono “Nessuno”

scritto da: Giovanni Esaltato | segnala un abuso


Matteo Renzi con la riforma approvata nel cdm per una “buona scuola”, ma con un disegno di legge “inemendabile”, e che a “mezzogiorno di fuoco” del 9 luglio 2015, in un putiferio di presenti, votanti, astenuti, maggioranza, favorevoli, contrari…, tipico della “democrazia”, come “previsto”, è “legge" (Legge 13 luglio 2015, n. 107), pare che continui a non piacere a nessuno. Prosegue con un occhio solo il suo cammino partito dalla sottrazione di centralità e poteri al Parlamento, amplificato dalle riforme poste in campo e concretizzato nel Jobs Act del mondo del lavoro in generale e in particolare di quello della Scuola. Ma quel “Nessuno”, i cinque sindacati più significativi, sebbene fatalmente uniti, non hanno la capacità di Ulisse di abbattere il ciclope non molto democratico. Comunque la Flc Cgil, Cisl e Uil Scuola, Snals e Gilda motrice, come un trenino in festa, dopo aver girato intorno a un tavolo si sono a suo tempo sedute contro il ddl a Roma: 400 delegati Rsu da tutta Italia con Pantaleo, Scrima, Di Menna, Nigi, e Di Meglio della Gilda per i quali la questione primaria è il lavoro: “La questione dei precari va stralciata dal disegno di legge, e affrontata con un serio piano pluriennale di stabilizzazione; su questo tutti i segretari ritorneranno a dare battaglia. Non si deve lasciare fuori nessuno, tantomeno i grandi assenti di questo piano, gli Ata”. E per nessuno si intendono anche e in specie i precari dal destino incerto, chi a coprire il turnover, chi destinati al cosiddetto “organico funzionale”; quello che la Boscaino del comitato Lip scuola definisce “ibrido monstrum extracontrattuale” con chiamata per 36 mesi, e “mansionario da tuttologo e tuttofare”. Dall’altra parte del tavolo la senatrice Puglisi de PD, Giordano del Sel, Marsilio FI, tutti onorevoli, senza dimenticare Silvia Chimienti del M5S. Secondaria, ma mica tanto, è quella del potere che il disegno di legge vorrebbe dare al dirigente, non solo relativo alla chiamata diretta e gestione del personale ma anche alla valutazione del docente e attribuzione del salario con un parziale concetto di premialità. Per il preside “dittatore”, perdendo il collegio dei docenti prerogativa di didattica, e il consiglio d’istituto ogni sovranità, addiverranno a “corte” solo consultiva dei suoi desideri. E, dulcis in fundo, è quella dell’arruolamento dei “prof con la carta”, che è poi il secondo punto dei dodici della “Buona scuola di Renzi” che, come i Dieci Comandamenti, dall’alto siffatta recita: “40 mila giovani qualificati nella scuola fra il 2016 e il 2019. D’ora in avanti si diventerà docenti di ruolo solo per concorso, come previsto dalla Costituzione. Mai più ‘liste d’attesa’ che durano decenni”. Il proposito è buono, e bene il rispetto della Costituzione ogni tanto. Quello che non è bene è il metodo dei concorsi in generale, basato su parametri neurologici di capacità mentale piuttosto che intellettuali di morale e dedizione, nella migliore delle ipotesi. L’esito delle assunzioni, concorsuali o non, è stato comunque ad oggi un esercito docente, con stipendi di tutto riguardo, che non ha saputo o voluto insegnare onestà, socialità e generosità vera a una nazione oggi per questo sofferente. E che il ciclope buono dei “benefits” a tutto campo vuole premiare anche con una card da 500 euro “per andare a teatro, a sentire un concerto, a vedere l’opera…” magari, perché no? anche una partita di football… Come una bella “élite” ben allineata… Tra Polifemo cieco e furente che ha già divorato gran parte del Senato e forse anche i “bambini”, e un Ulisse rapito da sirene, capace solo di lancio di matite e pennarelli contro il Ministero dell’Istruzione, quale il destino della scuola e il nostro? Giovanni Esaltato 16/08/2015

Giovanni Esaltato | CGIL | FIOM | sindacato | sindacato | Matteo Renzi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il "Vermouth del Bergese" per celebrare il trentennale dell'Istituto Alberghiero


Once upon a time… Cinderella in Naples


Wildix: fatturato in crescita e leadership nella tecnologia WebRTC


Il Retail Perfetto Merita La Tecnologia Perfetta


Venice Hospitality Challenge 2017


RUGGERO de I TIMIDI festeggia i 5 anni di carriera con il Primo Raduno Timido


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nella Sanità Ammalata… “Non abbiate paura!”

Nella Sanità Ammalata… “Non abbiate paura!”
Nella Sanità ammalata…, perfetta parallela espressione e derivato della classe politica, come un organismo infetto nel quale gli anticorpi ricercano la salute, gli stessi medici, che potevano invitare il cittadino e paziente a denunciare senza riserve i medici scorretti, il cittadino stesso più propriamente li esorterebbe a un maggior rigore e combattività interna nel risanamento della loro catego (continua)

Ianus Bifrons della dipendenza

Ianus Bifrons della dipendenza
Nel dì penultimo del breve mese di febbraio, anno 2018 dalle prime ore del mattino sino alle quattordici di una giornata uggiosa, si è tenuto un sostanzioso incontro-studio per volontà dell’ASP di Cosenza nella tranquilla Sala Confindustria della città medesima. Il suo scopo è stata la presentazione del volume dal titolo “Dipendenze di genere e web society. Teorie, ricerche, esperienze” relativa a (continua)

Grossi illuminato illumina

Grossi illuminato illumina
Le forze dell’ordine all’entrata dell’Aula Magna dell’Università di Calabria in Rende mi davano la misura della eccellenza in oratoria per la lectio magistralis già iniziata in perfetto orario alle dieci e mezza del primo giorno di febbraio dell’Anno Domini 2018 che corre: gli operatori di sicurezza con estrema professionalità mi guidavano a un posto a sedere in un auditorio che seguitava a gremir (continua)

Ah! Sììì? No!

Il detto antico parla chiaro: l'asino, dov'è cascato una volta, non ci casca più. Di contro l’Italiano pare scivolarci sempre in promesse di politici, evidentemente votati e supportati a mal ragione, che inesorabilmente continuano a tradire le sue aspettative, anche come contribuente, e condurre la Nazione alla catastrofe più nera: nel diritto e dovere del voto al refere (continua)

La Direzione Nazionale Antimafia – che brava – ha chiesto la liberalizzazione delle droghe leggere!

La Direzione Nazionale Antimafia – che brava – ha chiesto la liberalizzazione delle droghe leggere!
Uno Stato che propone la via della droga, indegna di uno Stato civile, è antistato. La recente richiesta di liberalizzare le droghe “leggere” (per quelle “meno” la strada è breve?) non proviene da Pannella o lettera firmata Mafia ma, “udite, udite”, dalla Direzione Nazionale Antimafia nella relazione annuale per il 2014! E lesto quel Benedetto d (continua)