Home > Lavoro e Formazione > PROGETTARE CULTURA - Arte, design, imprese culturali. PERCHE’ LA CULTURA HA BISOGNO DI PROGETTISTI?

PROGETTARE CULTURA - Arte, design, imprese culturali. PERCHE’ LA CULTURA HA BISOGNO DI PROGETTISTI?

scritto da: POLI.design | segnala un abuso

PROGETTARE CULTURA - Arte, design, imprese culturali. PERCHE’ LA CULTURA HA BISOGNO DI PROGETTISTI?


 La risposta nel Master di POLI.design, Consorzio del Politecnico di Milano e ALMED, Alta Scuola in Media Comunicazione e Spettacolo dell’Università Cattolica

 

Il mondo della cultura è alla ricerca di nuovi profili professionali in grado di gestire progetti culturali innovativi, dove il successo dei contenuti passa inevitabilmente attraverso le capacità ideative, tecniche e organizzative necessarie per la realizzazione di mostre, eventi, installazioni e manifestazioni diffuse a livello cittadino o territoriale. Affinché un progetto sia riconoscibile serve un linguaggio visivo efficace; affinché un’opera, un’installazione o un padiglione siano realizzati o allestiti, servono competenze progettuali di design e architettura. Oltre alle tradizionali competenze in campo artistico e umanistico, anche le discipline del progetto concorrono pertanto in maniera fondamentale alla riuscita e al successo di ogni format culturale: dal design degli interni alla comunicazione, dall’architettura al design dei servizi, fino al design strategico.

Il Master PROGETTARE CULTURA - ARTE, DESIGN, IMPRESE CULTURALI è frutto della collaborazione fra due eccellenze accademiche: ALMED, l’Alta Scuola in Media Comunicazione e Spettacolo dell’Università Cattolica e POLI.design, Consorzio del Politecnico di Milano che hanno dato vita a un percorso formativo in cui convergono i saperi e i know how professionali di Università Cattolica del Sacro Cuore e del Politecnico di Milano.

400 ore sono dedicate allo stage, finalizzato all'inserimento formativo del partecipante nel contesto reale dell'ideazione, gestione e comunicazione di progetti culturali presso istituzioni e aziende convenzionate che hanno maturato una consolidata collaborazione con i due atenei. Tra le realtà coinvolte negli anni, studi professionali (Studio Cerri & Associati, Interaction Design, Lab, Migliore + Servetto), fondazioni, istituzioni e associazioni (Fondazione Prada, ADI Associazione per il Disegno Industriale, Gruppo Credito Valtellinese), incubatori (Make a Cube), case editrici (Electa, Skira), gallerie e musei (Museo Poldi Pezzoli).

Il profilo in uscita sarà in grado di rispondere alle esigenze dei nuovi format culturali, e avrà acquisito le skill necessarie per la creazione di nuove imprese culturali e sociali in grado di operare sul territorio.

Designer, architetti, ingegneri gestionali, urbanisti, esperti in beni culturali e relazioni pubbliche, sono solo alcuni dei profi­li in target con il percorso proposto e non stupisce dunque, data la peculiare struttura didattica, che il Master abbia attratto negli anni studenti con background formativi eterogenei che hanno potuto confrontare in aula i propri differenti approcci all’insegna del dialogo e dell’interazione.

Dalla testimonianza diretta di alcuni ex partecipanti, emerge chiaramente che chi si iscrive al Master Progettare Cultura è interessato soprattutto a questa dinamica interdisciplinare. Marzia Moreschi, Laurea Triennale in Scienze dei Beni Culturali: “Il Master racchiudeva in sé tutto quello che stavo cercando a partire dai corsi di arte contemporanea, a tutti quelli con una base economica (budget, fundraising, marketing..), fino a quelli in collaborazione con il Politecnico, che mi sembravano interessanti anche da un punto di vista pratico, in quanto con la mia formazione non avevo mai avuto a che fare con argomenti di tipo tecnico". Eleonora Valenti, Laurea Specialistica in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali, ha visto invece nel Master l’occasione per un rilancio professionale: “Avevo studiato urbanistica e architettura e lavoravo in uno studio: la crisi del settore mi ha portata a cercare di allargare la base della mia formazione”. Enrica Ponzo, Laurea magistrale in architettura, partecipante dell’edizione 2013 del Master, invece, riassume così le sue motivazioni: “L'obiettivo che mi ero prefissata era di riuscire a coniugare le mie passioni per l'arte, il design e l'architettura con tematiche di marketing, comunicazione e project management perché volevo entrare nel mondo del lavoro con skills specifiche”. Aggiungendo poi: “Le aspettative non sono state deluse e gli obiettivi iniziali sono stati conseguiti: terminato il periodo di didattica frontale, ho iniziato l'internship presso IdLab; dopo tre mesi, mi è stato proposto di continuare a lavorare per questo studio con il ruolo di Junior Project Manager, che attualmente ricopro”.

Il Master Progettare cultura si rivolge a laureati italiani e stranieri.

Le domande di ammissione dovranno essere inviate entro il 20 ottobre 2015 scrivendo a formazione@polideisgn.net

Le candidature saranno valutate in ordine di ricevimento fino ad esaurimento dei posti previsti.

Il numero degli ammessi è fissato a 20 partecipanti.

Il Master inizia il 17 novembre 2015. Le lezioni si concludono entro giugno 2016.

 

Ufficio Coordinamento Formazione POLI.design

Tel. (+39) 02.2399.7217 -  fax. (+39) 02.2399.5970

Via Durando 38/a 20158 Milano Bovisa

formazione@polidesign.net 

www.polidesign.net/progettarecultura

Press Contact:

Ufficio Comunicazione POLI.design

Tel. (+39) 02.2399.7201

comunicazione@polidesign.net

 

Ufficio Master, Università Cattolica del Sacro Cuore

tel +39-02-7234 3860 | fax +39-02-7234 5202

via Carducci 28/30, I - 20123 Milano

master.universitari@unicatt.it  |  master.progettarecultura@unicatt.it

http://master.unicatt.it/milano/progettarecultura

 

 


Fonte notizia: http://www.polidesign.net/it/progettarecultura


master | progettare | cultura | ARTE | DESIGN | IMPRESE CULTURALI | milano | politecnico | POLI design | università cattolica | almed | mostre | eventi | installazioni | manifestazioni | stage | Studio Cerri Associati | Interaction Design | Lab | Migliore Servetto |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Bando Cre-Attivi. Dalla Camera di commercio di Monza e Brianza in arrivo 250mila euro per le giovani imprese culturali e creative della Brianza


HEAVY E-SHOPPERS: FIDUCIOSI NELL’ECOMMERCE MA ATTENTI AI “TRANELLI” DELLA NAVIGAZIONE


Make My Design amplia i suoi servizi: nuova partnership con lo studio GLP per offrire consulenza sulla tutela della proprietà intellettuale dei progetti


User Experience Design


Un libro su Carmelo Di Bartolo, pioniere della Bionica e Design. Lo IED celebra i 40 anni di carriera del designer ricercatore


Al via la seconda edizione del concorso di progettazione internazionale dedicato all’evoluzione dei locali pizzeria


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MASTER IN SERVICE DESIGN

MASTER IN SERVICE DESIGN
 Progettare servizi utilizzando un approccio di service design comporta immaginare soluzioni che siano vicine ai bisogni degli utenti finali e che creino valore sia per chi li utilizza, che per chi li produce. Il design dei servizi si riconferma essere uno degli ambiti core della ricerca e della formazione firmata Politecnico di Milano ed in particolare, il Master Universitario dedicato alla (continua)

FURNITURE DESIGN Learning from the Italian Experience

FURNITURE DESIGN Learning from the Italian Experience
 Tra i settori che hanno fatto di Milano una delle capitali indiscusse del design internazionale, l’arredo rappresenta forse il comparto più determinante in termini di capacità produttiva e di trend setting.   Il furniture sta però attraversando una fase di profonda trasformazione che spinge le aziende a riconfigurare la propria offerta e a considerare nuov (continua)

TRANSPORTATION & AUTOMOBILE DESIGN

TRANSPORTATION & AUTOMOBILE DESIGN
 10 anni di attività per il Master del Politecnico di Milano dedicato all’automotive   Avvio delle lezioni: marzo 2018 Disponibili agevolazioni alla frequenza entro il 27/10/2017 In collaborazione con Volkswagen Group Italia     È una pole position quella conquistata dal Master in Transportation & Automobile Design del Politecnico di Milano, che t (continua)

SMART Label: l’edizione 2017 conferma la vitalità del settore Ho.Re.Ca. e retail assegnando oltre 60 label.

SMART Label: l’edizione 2017 conferma la vitalità del settore Ho.Re.Ca. e retail assegnando oltre 60 label.
 Parlare di ospitalità professionale significa trattare di innovazione: il settore è da sempre al passo con le evoluzioni tecnologiche in atto e costantemente sintonizzato sui trend di mercato e i bisogni dell’utente. I risultati di SMART Label 2017, l’iniziativa promossa da HOSTMilano e POLI.design, fotografano e confermano questa situazione premiando oltre 60 az (continua)

Corso di Alta formazione in Design per il Comfort abitativo

Corso di Alta formazione in Design per il Comfort abitativo
 La risposta di POLI.design alle esigenze della nuova edilizia sostenibile   Uno sguardo attento al mercato di settore rivela come le aziende che operano nel campo dell’edilizia sostenibile stiano concentrando le proprie attività intorno ai temi legati al comfort percepito all’interno degli spazi abitativi. La committenza è infatti molto attenta, oltre al ris (continua)