Home > Cultura > INAUGURATO IL NUOVO CENTRO NARCONON PER L’EUROPA

INAUGURATO IL NUOVO CENTRO NARCONON PER L’EUROPA

scritto da: Rose Tom | segnala un abuso

INAUGURATO IL NUOVO CENTRO NARCONON PER L’EUROPA


A dare il calcio d'inizio a una serie di inaugurazioni di nuovi centri Narconon è stata quella del Centro Continentale Narconon per l’Europa, avvenuta pochi giorni fa di fronte a 1000 persone.

L’edificio di 6.000 metri quadrati è situato in una tenuta di oltre sei ettari nell'incantevole campagna che circonda il lago Arresø, il più grande lago danese.

L'inaugurazione del Centro Continentale Narconon per l’Europa avviene in un momento di crescita senza precedenti della vasta rete di centri Narconon che offrono un programma pionieristico basato sulle scoperte e gli scritti del Fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard.

 E' il primo di quattro nuovi centri che saranno aperti nelle prossime settimane. A poche ore dell'apertura del Centro Continentale Narconon per l’Europa è stato inaugurato il Centro Narconon del Regno Unito, situato in una tenuta nella campagna dell'East Sussex.

 La prossima settimana sarà inaugurato il Centro Narconon dell'America Latina, in Messico, che servirà 21 nazioni; poi sarà la volta del Centro Narconon di Ojai, nella California del Sud, che ospiterà celebrità e leader della società caduti nella trappola degli stupefacenti.

 A officiare l'inaugurazione è stata la direttrice della Association for Better Living and Education International (ABLE Int) che ha detto: "ABLE si dedica  a migliorare la società. E' per questo che l'apertura di questo centro Narconon è così importante per noi. Perché non è semplicemente un'altra struttura per la riabilitazione dalla droga. Questo è il lancio di un movimento per porre fine al flagello della droga in Europa..."

 I direttore del Narconon Europa, sig. Jorgen Jorgensen, ha ringraziato i presenti che hanno contribuito a realizzare il nuovo centro e ha detto: "I Centri Narconon in Europa, nel corso degli anni, hanno aiutato più di 18.000 persone a vivere una vita sana e produttiva."

 Secondo una stima dell'Osservatorio Europeo sulle Droghe e le Tossicodipendenze (OEDT) un milione e 400.000 cittadini sono consumatori problematici di oppiacei, in particolare di eroina. L'OEDT segnala inoltre un aumento senza precedenti negli ultimi cinque anni dell'uso di nuove sostanze psicoattive e un aumento conseguente di malattie e morti.

 Tra i relatori che si sono avvicendati sul palco, il sig. Thøger Berg Nielsen, ex-sovrintendente capo della polizia danese e veterano di numerose missioni di pace delle Nazioni Unite, ha detto: "Quando ho sentito parlare del programma Narconon non credevo che si potesse davvero riabilitare i tossicodipendenti incalliti. Così ho deciso di andare a vedere di persona un centro Narconon. Quando ho parlato con coloro che avevano terminato il programma e ho guardato nei loro occhi e nei loro cuori ho visto che erano cambiati. Ho ascoltato le loro testimonianze, le loro storie di riabilitazione e mi sono commosso fino alle lacrime per l'onestà e la vita che erano ritornate in loro. Ecco perché mi sono unito a voi per portare questa tecnologia di recupero dalla droga direttamente in Danimarca."

 Egli ha terminato il suo discorso presentando un premio in memoria di L. Ron Hubbard con queste parole: “Il mio motto è ‘Servire al di sopra di se stessi’ e io non ho mai visto un tale  motto così ampiamente e competentemente dimostrato come dall’umanitario L. Ron Hubbard e dalle organizzazioni che ha fondato. E’ un vero benefattore dell’umanità.”

Condividendo l'entusiasmo del sig. Carlsen, il Rev. William McComish, pastore presbiteriano e Decano Emerito della cattedrale di San Pietro di Ginevra, sul programma Narconon ha detto: "Ogni passo è pensato in dettaglio. Sono veramente impressionato e ho una grande fiducia in quello che state facendo."

 

Il Dr. Stig Cronberg, stimato medico a livello internazionale, esperto di malattie infettive e profondo conoscitore del Narconon ha dichiarato: "E' il miglior programma che abbia mai incontrato e, onestamente, non si trova nulla di simile in tutto il mondo."

 Questo è forse uno dei motivi per cui un ambasciatore, dopo la presentazione, ha affermato:"Sono completamente determinato nel coinvolgere altri a diffondere questo programma. Il problema della droga è vasto, ma quello che ho visto qui oggi sono soluzioni che devono essere condivise da altri. È per questo che torno a casa con l'intenzione di portare altre autorità qui, in modo che possano apprendere e portare queste soluzioni nei loro paesi."

 L'inaugurazione del Centro Continentale Narconon per l’Europa è stata possibile grazie ad una generosa contribuzione da parte dell'Associazione Internazionale degli Scientologist.

 In quasi 50 anni, i centri Narconon hanno salvato le vite di innumerevoli persone che si pensava fossero perse per sempre a causa della tossicodipendenza.

 La missione dei Narconon è quella di fornire un percorso efficace per la riabilitazione e per aiutare a sconfiggere il flagello della droga in tutto il mondo.

 Nei centri Narconon coloro che fanno il programma vengono chiamati "studenti" piuttosto che essere considerati "tossicodipendenti" o "vittime", e l'unico scopo è quello di dare loro gli strumenti per condurre una vita libera dalla droga. Ogni dettaglio è studiato per dare agli studenti la stabilità e il comfort di cui hanno bisogno per liberarsi dalla dipendenza e ricostruire le loro vite.

 Il programma Narconon inizia con una fase di astinenza ideata per aiutare l'individuo a interrompere la dipendenza dalla droga il più rapidamente e confortevolmente possibile. Tale fase è seguita da un particolare metodo di disintossicazione, specificamente orientato ad aiutare gli studenti a eliminare i residui di droga che ancora sono nel corpo e che creano il desiderio di assumerne altra. La fase finale del programma consiste in una serie di corsi che forniscono agli studenti gli strumenti necessari per saper condurre il resto della loro vita senza dover ricorrere a sostanze stupefacenti.

 I centri Narconon operano oggi in 23 nazioni. Per maggiori informazioni www.narconon.org.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

PREVENZIONE E RECUPERO DALLA TOSSICODIPENDENZA


Commenti sul Centro Narconon Gabbiano: il Racconto di Savino


Cliniche Private per Disintossicazione Droghe - Una Valida Alternativa


Comunità Miste per Tossicodipendenti


Comunità di Recupero Tossicodipendenti Private


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

I danni delle droghe sulla mente

I danni delle droghe sulla mente
La mente è in realtà un insieme di ciò che chiamiamo immagini mentali. Queste immagini costituiscono ciò a cui generalmente ci si riferisce come memoria. Si usano per risolvere i problemi della vita. Quando si pensa a qualcosa, nella mente si ha un'immagine di quella cosa. Queste immagini sono facili da vedere, si chiudono gli occhi, si pensa ad un leone e si otterrà l'immagine. Normalmente, qu (continua)

Nonna chiede aiuto per la figlia e le tolgono la nipotina

Nonna chiede aiuto per la figlia e le tolgono la nipotina
Pisa. Sembra tetro il destino della piccola nipotina di una giovanissima nonna di Pisa. Il Tribunale per i minorenni di Firenze ha accolto le richieste del Consulente d’Ufficio di mandare in adozione la nipotina strappata alla famiglia circa un anno e mezzo fa, quando aveva appena compiuto un mese di vita. Questo ha sollevato le proteste indignate della nonna che parecchi anni fa aveva chiesto ai (continua)

Premio Giorgio Antonucci 2017

Premio Giorgio Antonucci 2017
Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus - è lieto di presentare il "Premio Giorgio Antonucc​i 2017" ​in onore dei Difensori i Diritti Umani nel campo della salute mentale. L’evento, programmato da tempo, cade ad appena una settimana dalla dolorosa scomparsa del Dott. Antonucci ma, su sua specifica richiesta, avrà comunque luogo e, semmai, diventerà un’occasione per ricorda (continua)

In onore di Giorgio Antonucci

In onore di Giorgio Antonucci
Dopo una lunga malattia, ieri ci ha lasciato Giorgio Antonucci, paladino dei diritti umani e strenuo sostenitore di un approccio umano alla sofferenza mentale. Medico, poeta, scrittore, psicanalista, ha lavorato per un breve periodo nell’ospedale psichiatrico di Gorizia, diretto da Franco Basaglia, per poi approdare all’ospedale psichiatrico “Lolli” di Imola dove, come raccontò a Dacia Maraini (continua)

I Diritti Umani al IV Concerto per la Pace e Vita di Hernan e Friends

I Diritti Umani al IV Concerto per la Pace e Vita di Hernan e Friends
In questo 2017 non è mancato il Concerto per la Pace e Vita di Hernan Gipsy, giunto alla sua quarta edizione. Il Concerto sta diventando un momento atteso e amato dal pubblico, a pieno titolo inserito tra i principali eventi artistici per celebrare l’integrazione tra culture diverse e scopi affini quali quello della pace. La manifestazione si è tenuta al Teatro dell’Affratellamento in Firenze ieri (continua)