Home > Altro > Il 66% delle donne italiane è normopeso e con uno stile di vita salutare

Il 66% delle donne italiane è normopeso e con uno stile di vita salutare

scritto da: GiadaRossi | segnala un abuso


 Il 66% delle donne italiane è normopeso e con uno stile di vita salutare

Ma la gravidanza è spesso l’inizio di errori e mancanze come

carenza di acido folico, pesce, vitamina D e calcio

 

Il ginecologo figura chiave nel colmare il gap di informazioni nella paziente:

è quanto emerge durante il workshop alla SIGO sull’efficacia della comunicazione

nella fase perinatale organizzato dalla Fondazione Pardi

 

Milano, 19 ottobre 2015 – Il 65,8% delle italiane è normopeso, ma la gravidanza è spesso l’inizio di errori e mancanze: è quanto si evince da uno studio sull’alimentazione e gli stili di vita salutari, realizzato da AstraRicerche e commissionato dalla Fondazione Giorgio Pardi, con il supporto di Effik.

La ricerca, realizzata su un campione di quasi 1.600 donne tra i 18 e i 42 anni, è stata presentata oggi all’interno del Congresso Nazionale SIGO, durante il workshop patrocinato da Padiglione Italia EXPO 2015 ed intitolato “Cosa capiscono i pazienti di ciò che gli diciamo riguardo la nutrizione perinatale?”; obiettivo è interrogarsi sull’efficacia della comunicazione sulla nutrizione in gravidanza. L’evento è stato organizzato dalla Fondazione Giorgio Pardi, ente non-profit che sostiene la ricerca materno-fetale e che con il portale ama nutri cresci fornisce informazioni alle future mamme, ed è supportato da Effik, in occasione del lancio di Gynefam Folic, il nuovo integratore per la gravidanza con la forma biologicamente attiva dell’acido folico.

Emerge che un buon 65,8% delle donne intervistate è normopeso, invece il 17,7% è sovrappeso, il 6,1% risulta obesa e il 10,5% sottopeso. Dalla ricerca si evince che le donne italiane hanno un comportamento sostanzialmente salutare: i due terzi delle intervistate mangia a sufficienza frutta e verdura, limita i grassi introdotti nella dieta, pratica sport e attività fisica.

La ricerca evidenzia come le donne italiane siano meno ferrate, invece, sui comportamenti corretti da tenere in gravidanza. Tra le 21 prescrizioni mediche indicate, la notorietà di molte di loro non raggiunge la metà delle intervistate:

ü  quasi 3 donne su 10 non conoscono l’importanza di assumere l’acido folico

ü  solo il 51,7%  sa dell’importanza di evitare obesità e sovrappeso

ü  meno della metà, il 46,6%, conosce l’importanza di una dieta ricca di vitamina D e calcio e di un moderato esercizio fisico in gravidanza (il 46,1%)

ü  solo il 35,0% delle donne conosce l’importanza di distribuire più equamente le quantità di cibo fra i pasti principali

ü  sono meno del 35% le donne che conoscono l’importanza di vivere all’aria aperta (34,5%) e del lavare più spesso le mani (33,7%)

ü  solo il 23,6% è a conoscenza dell’importanza di mangiare più pesce durante l’allattamento

Alla domanda sulle prescrizioni che sono state realmente applicate, emerge che le donne intervistate affermano di aver avuto in gravidanza un comportamento tendenzialmente attento, con evidenti cali nell’evitare il sovrappeso (evitato solo dal 76,0% delle intervistare), il fare moderato esercizio fisico (fatto solo dal 76,3%) e il mangiare più pesce (fatto solo dal 71,4%).

Sottolinea Cosimo Finzi, Direttore di AstraRicerche: “In conclusione della nostra indagine si evince come la figura del ginecologo sia di grande importanza per far recepire le prescrizioni e convincere le pazienti che si tratta di gesti importanti per vivere una gravidanza in salute, riuscendo a modificare in maniera attiva il loro comportamento.”

Il campione ha visionato cinque brevi filmati in cui medici di primaria rilevanza informano su alcuni temi con riferimento alla gravidanza: dieta mediterranea, obesità, acido folico, Omega 3, e Vitamina D. Tra il 74,8% e il 84,9% delle pazienti dichiara che i messaggi visionati sono in grado di influenzare attivamente le loro scelte, portando ad una modifica del loro comportamento.

Soddisfatto il Segretario Generale della Fondazione Giorgio Pardi e fautore del workshop, Sabino Maria Frassà: “Siamo lieti oggi, durante il nostro workshop, di avere fatto il punto su un fattore di cruciale importanza per le future mamme: la comunicazione se coordinata e programmata tra i diversi “attori” porta a risultati ed è efficace prima e durante la gravidanza” Continua Frassà: “Oggi è stata l’occasione per un confronto internazionale con personaggi di spicco come Enzo Grossi, Scientific Advisor Padiglione Italia, Michael Krawinkel, Docente di Nutrizione & Pediatria presso l'Università di Giessen, Germania, Ellen Muehlhoff della FAO, Mark Hanson, Professore di Scienze Cardiovascolari e Direttore dell'Istituto di Scienze dello Sviluppo presso la Facoltà di Medicina di Southampton e Shirin Elahi, Dirigente presso Normann Partners”.

Elena Casolati, della Direzione Medica di Effik Italia conclude: “Le donne vanno informate fin dall’adolescenza sui corretti comportamenti da adottare in previsione di una futura, e certe volte anche non pianificata, gravidanza. Effik ha identificato la propria mission aziendale proprio nella salvaguardia della salute della donna, soprattutto in gravidanza: la corretta informazione nella fase perinatale è di grande importanza così come una dieta corretta per raggiungere le dosi raccomandate di tutte le vitamine e i minerali, utili per una gravidanza in salute. Qualora ci fosse uno scarso apporto alimentare con la dieta, Effik ha realizzato Gynefam Folic il multi minerale e multivitaminico con la forma biologicamente attiva dell’acido folico, elemento fondamentale per tutta la gravidanza.”

donne | salute | gravidanza | alimentazione | gynefam folic |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Perché una donna affitta un gigoló!


I Settanta Anni Dell' UDI nel messaggio del Presidente Sergio Mattarella


"Il Made in Italy delle donne" di Ketty Karraffa


Alimentazione decalogo online: su Merendine italiane 10 regole da tenere a mente


Daiichi Sankyo e ONDA insieme per una “Cardiologia al Femminile”


BlackRock indagine abitudini di risparmio, le donne italiane sono le più attente


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

CNA Milano, Matteo Reale è il nuovo presidente. Hub metropolitano per le PMI, digitalizzazione e transizione ambientale: le linee guida del programma

CNA Milano, Matteo Reale è il nuovo presidente. Hub metropolitano per le PMI, digitalizzazione e transizione ambientale: le linee guida del programma
Reale: “Il nostro obiettivo è rafforzare l’associazione metropolitana per farla divenire un punto d’ingresso per imprenditori, professionisti e PMI verso opportunità di sviluppo e di rete” Eletti anche: · 15 responsabili verticali di mestieri · 3 Presidenti di Raggruppamenti dei settori Pensionati, Cinema Audiovisivo e Professioni · 3 Presidenti Territoriali per Milano, Rho e Cinisello Balsamo Matteo Reale è il nuovo presidente di CNA Milano. Consulente d'impresa e con esperienze nel campo del marketing e della sostenibilità, Reale al suo primo mandato, succede a Daniela Cavagna (presidente per 2 mandati) sarà affiancato dalla direttrice Laura Buscarini e dalla Presidenza composta da Fabio Massimo, Paolo Ponzini, Massimo Pagani e Antonio Casabona. Consulente di direzione atti (continua)

Pensiline fotovoltaiche innovative: il progetto GeVERI

Pensiline fotovoltaiche innovative: il progetto GeVERI
Il progetto, condotto da Green Utility SpA e il Dipartimento di Ingegneria dell’Università Roma Tre ha costruito e testato un sistema integrato di gestione dei vettori energetici incorporando le ultime innovazioni fv Pensiline fotovoltaiche intelligenti ed innovative, capaci di produrre energia sfruttando anche la luce diffusa e riflessa per ricaricare i veicoli elettrici. Questo l’obiettivo raggiunto da GeVERI, progetto di ricerca tutto italiano, cofinanziato dal POR-FESR 2014-2020 della Regione Lazio. A realizzarlo, Green Utility SpA, azienda leader nel settore delle energie rinnovabili, (continua)

Un piatto unico squisito, genuino e fresco, tipico della cucina australiana e americana ma amatissimo anche in Italia, l’avocado toast di Sonia Peronaci

Un piatto unico squisito, genuino e fresco, tipico della cucina australiana e americana ma amatissimo anche in Italia, l’avocado toast di Sonia Peronaci
Gamberi con frutti di bosco e pomodorini delicati lavati con Bicarbonato Solvay® in Microgranuli per Frutta & Verdura per il toast dell’estate, perfetto come piatto unico per pranzi e cene veloci Non perdete Lunedì 26 Luglio sulla pagina FB di Bicarbonato Solvay® e suicanali IG e FB di Sonia Peronaci, la ricetta personalizzata e rivisitata daSonia Peronaci:l’avocado toast con gamberi, frutti di bosco e pomodorini.Piatto unico per pranzi e cene veloci ma anche per un brunch tra amici, una colazione proteica salata e una merenda sostanziosa. (continua)

Mangrovia Blockchain Solutions e REVO: partnership strategica per la digitalizzazione del settore assicurativo

Mangrovia Blockchain Solutions e REVO: partnership strategica per la digitalizzazione del settore assicurativo
La software house Mangrovia Blockchain Solutions ha sottoscritto un accordo vincolante con REVO, Special Purpose Acquisition Company (SPAC), promossa da Alberto Minali e Claudio Costamagna, quotata all’AIM Italia. La finalità della partnership è quella di accelerare lo sviluppo di prodotti parametrici. Questi ultimi sono una nuova tipologia di soluzioni assicurative che, attraverso l’utilizzo della tecnologia blockchain e degli smart contract, subordina la liquidazione dell’indennizzo direttamente alla certificazione automatizzata del verificarsi di un evento, rendendo superfluo l’accertamento del danno.L’e (continua)

Sentenza Elder: giudici influenzati dalla divisa. Sono state nascoste le verità processuali

Sentenza Elder: giudici influenzati dalla divisa.    Sono state nascoste le verità processuali
entenza non solo ingiusta, ma anche sbagliata nel merito Ci troviamo di fronte ad una sentenza non solo ingiusta, ma anche sbagliata nel merito – hanno dichiarato gli avvocati Renato Borzone Roberto Capra difensori di Finnegan Lee Elder - La lettura delle motivazioni, mostra la precisa volontà di non voler vedere la verità processuale. Con che coraggio i giudici affermano che non sono emerse negligenze da parte delle forze dell’ordine quando dive (continua)