Home > Primo Piano > G DATA evita ai suoi utenti danni per oltre 100 milioni di euro

G DATA evita ai suoi utenti danni per oltre 100 milioni di euro

articolo pubblicato da: SABMCS | segnala un abuso

G DATA evita ai suoi utenti danni per oltre 100 milioni di euro

 Sono molteplici le rivelazioni che G DATA riserva ai propri utenti con la pubblicazione del proprio Malware Report relativo al primo semestre del 2015, ora disponibile online. La più eclatante: gli utenti G DATA, che si tratti di privati o aziende, dormono sonni tranquilli. La tecnologia BankGuard li salvaguarda efficacemente dai furti.

 
Bochum (Germania) - Con oltre 22 milioni di utenze private e 2,6 milioni di utenze aziendali rilevate da Banca D’Italia nel Dicembre 2014, l’online banking gode in Italia, come all’estero, di un forte interesse e di un crescente numero di fruitori. Un trend che non sfugge ai cybercriminali: nel 2014 il Dipartimento Federale della Polizia Criminale Tedesca ha rilevato 6.984 casi di phishing associati all’online banking: un aumento del 70,5% rispetto al 2013, confermato integralmente anche dalle ricerche dei SecurityLabs di G DATA, che hanno rilevato e notificato attraverso il Malware Report relativo al primo semestre del 2015, un numero crescente di attacchi respinti in questo settore. Dalla sua implementazione ad oggi, la tecnologia BankGuard di G DATA, integrata in tutte le soluzioni di sicurezza dello specialista di sicurezza teutonico, ha evitato ai propri utenti possibili danni per oltre 100 milioni di euro durante le operazioni di online banking e lo shopping online. Per il 2015 gli esperti prevedono un aumento nel numero di attacchi sferrati tramite trojan bancari. Il Malware Report di G DATA è disponibile online.
 
Soltanto nel primo semestre del 2015 gli esperti G DATA hanno rilevato oltre 3 milioni di nuovi ceppi di programmi dannosi –ciò corrisponde ad una media di 12 nuovi malware al minuto. Un aumento del 64,8% rispetto al primo semestre del 2014.
 
Utenti di banche tedesche nel mirino dei trojan bancari
 
“Nella prima metà del 2015 è stato registrato un maggior numero di attacchi respinti, non solo a causa dell’ondata di attacchi tramite il trojan bancario Swatbanker” spiega Ralf Benzmüller, a capo dei G DATA SecurityLab. “Per l’intero 2015 prevediamo una riacutizzazione degli attacchi tramite trojan bancari per la prima volta dal 2012.” I G DATA SecurityLabs hanno analizzato attentamente la massiccia campagna del trojan bancario Swatbanker, che mira primariamente a utenti bancari in Germania, Austria e Polonia. Gli utenti verrebbero adescati attraverso la reiterazione di campagne di phishing che hanno avuto un particolare successo: i messaggi ricevuti dagli ignari utenti, esemplari in termini di social engineering, risultavano firmati da noti operatori telefonici (campagne simili al phishing condotto a firma Enel qualche mese fa anche in Italia). Gli esperti dei SecurityLabs non escludono che questa campagna abbia avuto esiti anche sui computer del Parlamento Tedesco.
 
La tecnologia BankGuard di G DATA protegge gli utenti dell’online banking
 
Gli utenti G DATA vengono protetti in modo efficiente contro i trojan bancari grazie alla tecnologia BankGuard, integrata dall’aprile 2011 in tutte le soluzioni G DATA. Ogni anno BankGuard respinge decine di migliaia di tentativi di attacco. Nel solo primo semestre del 2015 sono stati sventati in totale 182.457 attacchi. In base alle statistiche europee sul livello medio di danno finanziario dovuto ai trojan bancari, BankGuard ha impedito fino ad ora furti per oltre 100 milioni di euro.
 
Ulteriori previsioni in ambito finanziario
 
Il numero totale di nuovi tipi di programmi dannosi del 2015 sarà indubbiamente più elevato rispetto a quello del 2014 (5.998.685).
Nel corso del 2015 il numero di attacchi sferrati con trojan bancari tornerà ad aumentare per la prima volta dal 2012 (picco massimo registrato).
 
Nota per i redattori:
 
Il Malware Report 1H/2015 contiene numerose indicazioni anche su altre tipologie di attacchi. Nello specifico la campagna “money rain” e la recrudescenza di attacchi tramite “exploit kit” (p.es. flash) saranno oggetto di ulteriori comunicazioni.
 
Il Malware Report di G DATA è disponibile online al link:
 
https://secure.gd/dl-en-pcmwr201501

G DATA | online banking | trojan bancari | BankGuard | cybercriminali | exploit kit | G DATA SecurityLabs | malware | Malware Report 2015 | money rain | phishing | Ralf Benzmüller | Securitylabs | shopping online | Swatbanker | Tecnologia BankGuard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

VINNATUR TASTING: TUTTI I SAPORI DELLA MANIFESTAZIONE DEDICATA AI VINI NATURALI


"Domenica In " - Mara Venier e Gianni Boncompagni i più amati della fortunata trasmissione. Lo dice il Web!


"Una manetta sul mare": I Trilli e i Buio Pesto in concerto per la Onlus Gigi Ghirotti


Giovanni Roncoroni ed Emanuela Moretti – grandi imprenditori in Italia


Brain Force potenzia l’offerta grazie alla partnership con Debridat


VALERIA CAUCINO “THE BEATING OF LIFE” È IL SECONDO SINGOLO ESTRATTO DALL’ALBUM "AT THE BREAK OF DAWN"


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

La nuova libertà nelle conversazioni telefoniche: l’headset DECT A150 ultraleggero di Snom

La nuova libertà nelle conversazioni telefoniche: l’headset DECT A150 ultraleggero di Snom
 Con il suo A150, Snom, produttore internazionale di terminali VoIP premium per aziende e professionisti presenta un headset ultraleggero senza fili, che si avvale del protocollo DECT per massimizzarne la portata. L’eccellente qualità audio e la comodità d’uso una volta indossato caratterizzano l’elegante dispositivo sovrauricolare dotato di numerose funzionali (continua)

Un binomio inseparabile: la trasmissione di dati e voce in ambito professionale

Un binomio inseparabile:  la trasmissione di dati e voce in ambito professionale
 Sebbene oggi la maggior parte degli utenti di telefoni professionali sa che la propria voce viene trasportata „over IP“, solo a pochi è chiaro cosa ciò comporti esattamente e cosa sia necessario per renderlo possibile.   Mentre l’utenza privata si avvale ancora di piattaforme Internet pubbliche per chiamare a poco costo o gratuitamente amici e parenti, (continua)

Snom presenta moderno terminale IP di base con display a colori e sensore di luminosità: il D717

Snom presenta moderno terminale IP di base con display a colori e sensore di luminosità: il D717
 Snom, pioniere e produttore tedesco leader di telefoni IP per l’uso professionale annuncia la disponibilità del suo nuovo D717, il modello “entry level” della serie premium di terminali IP da scrivania D7xx. A dispetto della qualifica di modello di base, lo Snom D717 é paperless, poichè dotato di tasti funzione digitali e di un display a colori, risulta (continua)

Tre scenari d’impiego delle moderne soluzioni per teleconferenze

Tre scenari d’impiego delle moderne soluzioni per teleconferenze
 Snom, produttore internazionale di telefoni IP premium per aziende e professionisti illustra come soluzioni per teleconferenze non invasive nè impattanti sul budget IT consentano di incrementare la produttività di qualsiasi organizzazione, dalle start-up alle PMI, fino alle grandi aziende, grazie alla loro fruibilità nei più diversi scenari d’uso.   S (continua)

Infrastruttura IT ombra: una vera sfida per il reparto IT

Infrastruttura IT ombra: una vera sfida per il reparto IT
 Nelle aziende, i responsabili dell’infrastruttura IT sono solitamente in prima linea quando si tratta di misurare l'impatto di eventuali variazioni del modo di operare dei dipendenti. Nonostante l’assiduo monitoraggio, negli ultimi anni sono emerse nuove pratiche non sicure tra cui la "Shadow IT", ovvero l'uso di applicazioni e servizi, spesso basati su cloud, parallela (continua)