Home > Pubblica amministrazione > Il possesso dei requisiti ai fini della partecipazione alle gare: le “categorie OG, OS e le S.I.O.S. tra A.T.I., “avvalimento” e “subappalto”. Esempi e casi pratici, anche alla luce delle pronunce della giurisprudenza e

Il possesso dei requisiti ai fini della partecipazione alle gare: le “categorie OG, OS e le S.I.O.S. tra A.T.I., “avvalimento” e “subappalto”. Esempi e casi pratici, anche alla luce delle pronunce della giurisprudenza e

scritto da: Media Graphic | segnala un abuso


 AppaltiLavori Pubblici e Risoluzione controversie

 

Ai sensi dell’art. 12 della legge n. 80/2014, entro il 28 maggio di quest’anno avrebbero dovuto essere pubblicate, ma ciò non è accaduto, le nuove regole sui requisiti da chiedere ai concorrenti ai fini della loro partecipazione alle procedure di gara per l’affidamento di lavori pubblici.

In attesa di tali nuove regole, e di una più organica disciplina del settore, gli operatori si trovano in difficoltà, dal momento che l’attuale quadro normativo non detta regole chiare circa i controlli che le stazioni appaltanti devono espletare in sede di gara per verificare il possesso di quanto sopra.

Tali requisiti, infatti, possono essere comprovati anche attraverso dichiarazioni di “subappalto” (su questo aspetto, tuttavia, si registrano conflitti di posizioni tra l’ANAC e la giurisprudenza), ovvero attraverso l’“avvalimento” (anche in tal caso si contrastanti posizioni della giurisprudenza). Senza contare la possibilità, per i concorrenti, di associarsi tra di loro per coprire i requisiti in questione.

Gli incerti confini dei controlli sui requisiti che le stazioni appaltanti devono effettuare in sede di gara, non agevola le scelte di queste ultime, esponendole, talvolta, al rischio di assumere decisioni impugnabili, con ogni conseguenza in termini di responsabilità.

L’incontro è l’occasione per fare chiarezza su aspetti controversi e fornire indicazioni operative agli addetti ai lavori sulle soluzioni da adottare.

– Udine, 19 novembre

– Roma, 26 novembre

 


Fonte notizia: http://www.mediaconsult.it/seminario/il-possesso-dei-requisiti-ai-fini-della-partecipazione-alle-gare-le-categorie-og-os-e-le-s-i-o-s-tra-a-t-i-avvalimento-e-subappalto-esempi-e-casi-pratici-anche-alla-luce-delle-pronunc/


amministrazione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Attestazione SOA


Il ruolo del Project Manager e del Business Analyst nella raccolta e definizione dei requisiti


Attestazione SOA: a cosa serve?


Terna AD Ferraris nominato all’unanimità dal C.d.A.


I registri professionali per certificare le competenze


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

ABBONAMENTO AI NOSTRI SEMINARI

  ABBONAMENTO AI NOSTRI SEMINARI  ...Partecipi anche Lei alle molteplici nostre iniziative a condizioni agevolate. 4 GIORNATE: EURO 1.200,00* 5 GIORNATE: EURO 1.400,00* 10 GIORNATE: EURO 2.000,00* OFFERTA VALIDA SINO AL 31/01/2016 Le partecipazioni potrà utilizzarle quando vuole, hanno come intestatario l'Ente di appartenenz (continua)

Direttive comunitarie su appalti e concessioni e nuovo Codice dei contratti: norme di recepimento e disposizioni già vincolanti

 Appalti, Novità   Come è noto il recepimento delle nuove Direttive comunitarie in materia di appalti e concessioni è visto dal sistema anche quale occasione irripetibile per rivedere funditusl’intera disciplina dei contratti pubblici, al fine di combattere in modo significativo il problema della corruzione e del l’illegalità diffu (continua)

La risoluzione delle controversie in corso d’opera, tra “transazioni” e “accordo bonario”. La disciplina delle riserve. Ruolo e funzioni del R.U.P. e del D.L. Esempi operativi.

 Appalti, Lavori Pubblici e Risoluzione controversie   Gli organi istituzionali di controllo, che vigilano sull’operato dei committenti di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture (in primis, la Procura della Corte dei Conti, oltre, naturalmente, all’A.N.A.C.), mostrano di riservare un’attenzione crescente ai procedimenti di “accordi bonari” (continua)

Corso per utilizzatori del MePA

 Appalti, MEPA   L’obbligo di utilizzare il MePA non prevede eccezioni né per importi limitati di spesa né qualora il mercato tradizionale risultasse più conveniente. Più pareri della Corte dei Conti chiariscono che l’obbligo non ammette eccezioni esplicite, neanche di natura economica, ma deve comunque conciliare le esigenze di economicit& (continua)

La documentazione di gara

 Appalti, Documentazione e procedura di gara   Bando, disciplinare, capitolato, i documenti degli operatori economici, i verbali, l’aggiudicazione, le verifiche, la nomina della commissione… Il corso analizza le procedure di gara relative agli appalti di forniture e servizi, evidenziando l’interesse sulla documentazione e sulle certificazioni che le stazioni ap (continua)