Home > Cultura > LO SPECCHIO ATTRAVERSATO

LO SPECCHIO ATTRAVERSATO

scritto da: Spensierando | segnala un abuso

LO SPECCHIO ATTRAVERSATO


 LO SPECCHIO ATTRAVERSATO

Giovanni De Lazzari, Oscar Giaconia, Francesco Pedrini a cura di Claudia Santeroni 

 

28 novembre – 20 dicembre 2015 opening sabato 28 novembre, h.18.30 

Bergamo, Ex Oratorio di San Lupo 

 

Dal 28 novembre al 20 dicembre 2015, lo spazio espositivo dell’Ex Oratorio di San Lupo ospita Lo Specchio Attraversato, mostra collettiva a cura di Claudia Santeroni. 

Lo specchio Attraversato è l’occasione per trasformare l’Ex Oratorio di San Lupo in un contenitore di dimensioni possibili, in cui ogni livello corrisponde ad una diversa chiave percettiva, psicologica, estetica. I tre artisti si confrontano con i tre livelli architettonici (matronei - corte interna - cripta) suggerendo, con poetiche differenti, il modo per andare “attraverso”. Ogni piano coincide, così, con una differente possibilità di fruizione, veicolata dai tre mondi dentro cui abitano gli artisti. In questo modo la mostra crea una fortissima relazione di senso e percezione fra le opere e il luogo, diventando un contenitore di visioni, suggestioni e suggerimenti che trasformano i limiti architettonici dell’edificio in una risorsa. 

Il percorso espositivo suggerisce un viaggio dove ciascun stadio fisico diviene luogo psichico, in cui i concetti di alto e basso si fondono a quelli di distanza e tempo. La riflessione si innesca fra spettatore e opera e a quest’ultimo torna, quasi rimbalzata, per invitarlo a esplorare lo stadio successivo in un’ideale passaggio fra testa, torace, ventre. 

 

Tre livelli. Tre artisti. Tre ricerche. Tre linguaggi. Un curatore. 

“Quello su cui ho continuato a rimuginare è stato l’elemento unificante - il “tra” - ciò che attraversa ciascuna di queste poetiche tanto diverse fra loro.
Il tra ed il tre, il binomio che mi ha suggerito come articolare questo discorso. E’ stato lo spazio stesso a indicarmi la tripartizione, la suddivisione in parti. Questo luogo che tanto mi ricorda un teatro, un possibile palcoscenico per una recita al di là dello specchio, dove “al di là dello specchio” sta per il luogo in cui, attraverso il nostro sguardo, possiamo tradurre il visibile in desiderabile. Il puro spazio della rappresentazione, dove tutto diventa possibile.
Per ciascun artista il suo linguaggio elettivo. Consapevole di non poter essere esaustiva nella presentazione delle loro ricerche, ho preferito frammentare il discorso, scegliendo per ciascuno una sola opera. Francesco Pedrini con il video, Giovanni De Lazzari con il disegno, Oscar Giaconia con la pittura. Tre strumenti per parlare di qualcosa che potrebbe essere ma non è, se non attraverso lo sguardo di chi l’ha concepito, oppure di chiunque permetterà di farsi rapire al di là delle superfici.
Dovendo preferire una piccola parte, ho scelto quella che mi piace di più, la storia che avrei voluto ascoltare.
Si entra così nello spettacolo, dove ogni fruitore è Alice, dispersa in un roseto, illuminata dalla luce delle stelle, a confronto con un macchinista, che non si sa sia artefice dello show o semplicemente parte di esso, suggeritore di una storia che non conosce.
La mostra è solo un gioco per grandi rimasti piccoli, persone che non sanno esattamente da che parte dello specchio stare, o forse cui semplicemente piace smarrirsi in queste membrane trasparenti che riflettono pulsioni.” 

Claudia Santeroni 

 

Gli artisti e le opere. 

Francesco Pedrini, Giovanni De Lazzari e Oscar Giaconia animano lo spazio attraverso la loro ricerca, innestando opere inedite studiate appositamente per interagire con ciò che le circonda. 

Un giardino accennato, un simbolico roseto emerge in Untitled, 2015 di Giovanni De Lazzari, permettendo allo spettatore di trasformarsi, di riscoprire dentro di sé un modo differente di guardare la realtà per andare oltre il visibile e riscoprire il fascino dell’esperienza. Dopo questo passaggio Nulla o Infinito, (2014) il video di Francesco Pedrini, trasporta la mostra ai limiti del mondo sperimentabile e visibile proiettando lo sguardo verso le stelle. All’opera di Oscar Giaconia il compito di rendere la cripta un nuovo luogo di riflessione e confronto, oscillando tra spazio, tempo e corpo, attraverso la sua opera Ginnungagap – (The Machinist), 2014. “Il macchinista” è colui che aspetta, conosce, muove e osserva. Uno sguardo indagatore che attraversa lo spettatore costringendolo a riflettere sulla propria essenza, proprio come di fronte a uno specchio. 

 

 

Il catalogo 

Il catalogo della mostra Lo specchio Attraversato sarà edito da Lubrina Editore in un’edizione limitata di 33 copie, numerate e firmate. Ogni artista ne avrà a disposizione 11 copie, di cui ne personalizzerà una pagina con un intervento dedicato. 

 

L’Ex Oratorio San Lupo 

L’Ex Oratorio, costruito nel 1734 e recentemente restaurato, è composto da un’aula unica che si sviluppa in altezza attraverso dei matronei collegati tra loro. Nel XVIII secolo, si riunivano qui i membri della Giovanile Confraternita della Morte mentre fino all’inizio del XIX secolo fu utilizzato come cimitero e ossario della vicina chiesa parrocchiale di Sant’Alessandro della Croce. Venne costruito da Ferdinando Caccia, ricordato nelle fonti settecentesche come un uomo capace di convertire luoghi abbandonati e oscuri in strutture confortevoli e di bell’aspetto, e di renderli maestosi con poco sforzo. L’edificio si presenta maestoso e dalle balconate del primo e del secondo livello è possibile abbracciare con lo sguardo l’intera aula, che ha più l’aspetto di un teatro che di un luogo sacro. 

Dalla sua ristrutturazione e riapertura nel 2007 viene utilizzato come sede espositiva e ha ospitato lavori di artisti come Jannis Kounellis, Vincenzo Castella, Andrea Mastrovito e Claudio Parmiggiani. 

 

https://www.facebook.com/lospecchioattraversato/timeline

 

 

Lo specchio attraversato | bergamo | mostra | arte | ex oratorio san lupo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

“Nello specchio” di Filippo Ferrante


Solarfilm - Pellicola Oscurante Vetri


L'estate sta arrivando... con essence tutte pronte per sfoggiare un look da vere reginette della spiaggia!


ECCO “SPECCHIO”, SINGOLO E VIDEO ANTIPASTO DELL’ALBUM “GHOST WRITER”


Novità per la zona ingresso: TEAM 7 presenta hood e haiku


ScollegARTE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

LIBEMAX LA STARTUP CHE REALIZZA LE IDEE DELLE STARTUP

LIBEMAX LA STARTUP CHE REALIZZA LE IDEE DELLE STARTUP
 Nel 2014 sei informatici guidati da Daniel Maida hanno dato vita a Libemax, una start up in campo tecnologico che col tempo ha accresciuto il suo successo e ora aiuta le nuove start up a dare concretezza alle proprie idee.  Ancora prima dei finanziamenti, ancora prima dell’avvio del business, ancora prima di costruire il proprio mercato, infatti, le start up hanno bisogno di tr (continua)

App rilevazione presenze, uno strumento rapido ed efficace per i propri dipendenti fuori sede

App rilevazione presenze, uno strumento rapido ed efficace per i propri dipendenti fuori sede
 Da Bergamo arriva una nuova applicazione dedicata al mondo del lavoro. Si chiama “Rilevazione Presenze” e permette con un semplice tocco di segnalare la propria posizione e orario. A crearla è stata Libemax, azienda con sede a Torre Boldone guidata dall'informatico Daniel Maida, e da sempre impegnata nel fornire servizi telematici funzionali alle aziende. Grazie a colla (continua)

HARAMBEE ONLUS PRESENTA ELSONA - IL DESIGN HANDMANDE DEL SUD AFRICA

HARAMBEE ONLUS PRESENTA ELSONA - IL DESIGN HANDMANDE DEL SUD AFRICA
 Anche quest’anno, con l’arrivo del natale, la Bottega del Mondo di Harambee Onlus presenta un progetto speciale legato alla qualità artigianale e al valore sociale del commercio equo e solidale. Quest’anno l’Associazione di Calcinate ci porta in Sud Africa, all’interno del progetto Elsona.      C'è una bellissima fattoria rossa a (continua)

eMooks, la startup italiana che cambia la lettura digitale, conquista il Web Summit e l'interesse di Dan Brown

eMooks, la startup italiana che cambia la lettura digitale, conquista il Web Summit e l'interesse di Dan Brown
 eMooks è un'assoluta novità nel campo della lettura digitale. eMooks inserisce la musica nei libri, cambiando di fatto il nostro rapporto con gli eBook. L'app ha catturato anche l'attenzione dell'autore internazionale Dan Brown. Lo scorso anno, quando il progetto era ancora in fase di studio, anche Ken Follett un a (continua)

eMooks arriva su Eppela, iniziato il crowfunding che cambia la lettura digitale.

eMooks arriva su Eppela, iniziato il crowfunding che cambia la lettura digitale.
  Ora anche tu puoi sostenere eMooks e fare parte della nuova frontiera dei libri digitali. eMooks vuole crescere e musicare altri libri, permettendo a tutti di poter vivere l’esperienza bidimensionale di un libro con colonna sonora integrata e sincronizzata alla lettura.  Guarda il video e sostieni!    https://www.eppela.com/projects/4034-emooks?locale=it#   C (continua)