Home > Altro > PRENIRE E' MEGLIO CHE CURARE

PRENIRE E' MEGLIO CHE CURARE

articolo pubblicato da: ale.gntl | segnala un abuso

Come combattere le droghe che stanno invadendo la nostra societa’? Come mai ad un età sempre minore i giovani si avvicinano al mondo della droga?

E’ facile trovare una risposta a queste domande….manca la prevenzione. La nostra società è specializzata nel fermare il traffico e punire chi traffica od usa droga, ma nonostante questo sforzo il consumo di droga aumenta.

Inoltre sono sempre meno i giovani che non hanno mai usato le droghe, consumo di droghe da strada è in continuo aumento e le famiglie che sono state rovinate dall’abuso di queste sono un numero sempre crescente. I parchi, le case non abitate, capannoni non più utilizzati, sono questi i ritrovi di drogati che li, trovano il loro spazio per “farsi”.
E’ necessario fare qualcosa per fermare una volta per tutte lo sterminio che le droghe stanno causando. La droga non sono solo cocaina, morfina, LSD, ma lo sono anche gli psicofarmaci che sempre più stanno venendo usati da giovani che ignorano i danni che provocano.
Il gruppo del “Dico no alla droga” di Verona propone un opuscolo “La verità sulle droghe” che informa correttamente su quello che le droghe causano.
Le droghe menzionate nell’opuscolo distribuito sono: alcol, cannabis, sostanze da inalare, ecstasy, cocaina e crack, ritalin, crystal meth, metamfetamine, eroina, LSD, ossicodone. Per ogni tipo di droghe, nell’opuscolo, vengono riportati gli effetti a breve e lungo termine e i nomi più comuni utilizzati per la droga in questione.
Ogni opuscolo è di facile lettura e coinvolge la persona, facendole capire quello che succederebbe se assumesse le droghe. E’ risaputo che chi e’ correttamente informato su quello che le droghe causano, si mantiene a debita distanza, in quanto ha capito a cosa va incontro nel caso assumesse droghe.
Oggi il mondo continua sempre più a degradarsi togliendo ai giovani con le doghe, tutte le gioie del vivere perché, come disse il filosofo e umanitario Ron Hubbard: <<Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono comunque l’unica ragione di vivere>>.”. Un grato riconoscimento per il continuo supporto alla Chiesa di Scientology.



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

DA' UN BUON ESEMPIO

 Ogni individuo o gruppo cerca di avere una vita il piu’ possibile piacevole e priva di dolore. La sopravvivenza delle persone possono essere minacciate dalle cattive azioni delle persone che ci vivono accanto. La felicità può essere trasformata in tragedia e dolore dalla disonestà e cattiva condotta degli altri. Questo significa che siamo responsabili di quello ch (continua)

FERMARE LA DROGA E' UN DOVERE

 Le informazioni che circolano sulla droga tra i giovani sono il più delle volte non veritiere. Queste informazioni provengono da chi la droga la vende e non la consuma, ovvero gli spacciatori. Non sono loro sicuramente la voce autorevole.   L’associazione “Dico no alla droga” di Verona fa il suo lavoro informando correttamente tutte le persone su quello che le (continua)

UNA GUIDA SUL BUON SENSO

 Ogni giorno la società si sta degradando, l’uso di droghe sta continuamente aumentando. Proprio recentemente a Milano l’aumento di droghe e’ incrementato del 30%. La cosa è più spaventosa ancora se si pensa che l’aumento si ha tra professionisti di lustro. Ecco che si capisce che la droga sta venendo utilizzata per aumentare le prestazioni lavorat (continua)

VIVIAMO UNA VITA FELICE

 Oggi viviamo in un mondo invaso dalla criminalità e dalla droga. La brutalità e l’arroganza fanno parte del quotidiano e sembra sia quasi la normalità. Quelli che una volta erano crimini ora sono semplici infrazioni. Nella vita di tutti i giorni e’ normale subire truffe o raggiri e la gente si è persino rassegnata a sporgere denuncia. E’ proprio (continua)

NO ALLA DROGA

 Oggi come oggi le droghe fanno molti danni soprattutto tra i più giovani. I ragazzi utilizzano le droghe in diverse situazioni come in discoteca, tra le lezioni e con gli amici. Questo deriva anche da una cultura italiana ritirata sul soggetto delle droghe, nel senso che anziché informare i ragazzi, si tende a non parlare di droghe e di quello che causano. Le droghe non verreb (continua)