Home > Economia e Finanza > Legge stadi, il parere di Sergio Lupinacci

Legge stadi, il parere di Sergio Lupinacci

articolo pubblicato da: DailyFocus | segnala un abuso

Legge stadi, il parere di Sergio Lupinacci

 Legge stadi, il parere di Sergio Lupinacci, avvocato penalista. La legge di Stabilità 2014 ha introdotto – come è noto – nell’ordinamento nazionale disposizioni che consentono l’ammodernamento e la costruzione di impianti sportivi ed in particolare di stadi di calcio. La “legge stadi” (art. 1 comma 304 – 306), consente ora l’adozione di una procedura amministrativa con tempi rigidi e ravvicinati, destinati a facilitare lo sviluppo di progetti imprenditoriali da parte di investitori privati in accordo con le società sportive o progetti direttamente presentati da parte di queste ultime.

Velocità e sicurezza: cosa dice la legge. La nuova legge, che semplifica le procedure amministrative e offre modalità innovative di finanziamento – commenta l’avvocato Sergio Lupinacci – intende tutelare la sicurezza degli impianti e degli spettatori, in continuità con quanto previsto dal decreto legge n. 119/2014 (convertito in Legge n. 146/2014), introducendo misure straordinarie per la repressione di fenomeni di violenza ed illegalità durante lo svolgimento delle competizioni sportive.

Il cantiere dello Juventus Stadium

Il cantiere dello Juventus Stadium

La legge stadi prevede ora che chi intenda realizzare l’impianto sportivo dovrà presentare al Comune interessato uno studio di fattibilità, da valere quale progetto preliminare, corredato di un piano economico finanziario e dell’accordo con una o più associazioni sportive utilizzatrici l’impianto in via prevalente.

Valutato il progetto – prosegue Lupinacci – il Comune deve dichiarare il pubblico interesse della proposta entro il termine di 90 giorni dalla presentazione dello studio, indicando eventualmente le condizioni necessarie per ottenere i successivi atti di assenso sul progetto.

Sulla base dell’approvazione del progetto preliminare, il proponente deve presentare il progetto definitivo al Comune, che dovrà deliberare in via definitiva entro 120 giorni dalla presentazione del progetto; nel caso la competenza spetti alla Regione la delibera dovrà esser presa entro 180 giorni così da determinare la dichiarazione di “pubblica utilità, indifferibilità e urgenza dell’opera medesima”.

Una stretta di mano tra Renzi e De Laurentiis e finisce l’era degli stadi lumaca. Per concludere: l’intero iter amministrativo dovrebbe essere completato in 12 – 15 mesi,contro i 4-5 anni di attesa cui eravamo abituati. La legge – aggiunge Sergio Lupinacci – introduce poi la possibilità per lo stesso Consiglio dei Ministri, in caso di decorrenza infruttuosa dei termini per l‘approvazione del progetto da parte dell’ente territoriale competente, di adottare i provvedimenti necessari.

Lo Juventus Stadium

Lo Juventus Stadium

Un nuovo sviluppo economico per le aree sportive. Oltre alla accelerazione dei tempi burocratici, la legge dovrebbe occuparsi anche dello sviluppo dell’area circostante al nuovo stadio, prendendo esempio dalle esperienze di altri Paesi – la Gran Bretagna prima di tutto – dove accanto al complesso sportivo sorgono esercizi commerciali e servizi, in grado di attrarre un numero elevato di consumatori e turisti.
Lo studio di fattibilità potrà quindi prevedere “atti di intervento strettamente funzionali alla fruibilità dell’impianto e al raggiungimento del complessivo equilibrio economico – finanziario dell’iniziativa e concorrenti alla valorizzazione del territorio in termini sociali, occupazionali ed economici”(con esclusione della realizzazione di complessi residenziali).

D’altronde, è innegabile che, ad oggi, il rilancio dell’impiantistica sportiva non possa prescindere dall’intervento di capitali privati che dipendono dalla possibilità, per chi investa, di ottenere un certo equilibrio finanziario tra costi di realizzazione e di gestione dell’impianto e ricavi attesi; ricavi che per essere appetibili dovranno necessariamente essere maggiori di quelli derivanti dalla sola vendita dei biglietti dell’evento sportivo.
L’auspicio – conclude Lupinacci – è ora che la legge possa convincere le società a presentare e a definire progetti di ammodernamento e costruzione di complessi sportivi in grado di competere con gli stadi europei, incentivando così un crescente investimento privato nel Paese.

Sergio Lupinacci, avvocato penalista
(www.studioalc.it)

FONTEThe Chronicle

Sergio Lupinacci | Lupinacci Sergio | Lupinacci | Lupinacci Legge Stadi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Lupinacci Rifugiati Politici: “Oltre l'Europa della paura"


Sergio Lupinacci, COP21 da Parigi un regalo ai nostri figli


Investire a Dubai, tutte le opportunità con Sergio Alberti Real Estate


Intervista Sergio Alberti: un approfondimento sul mercato immobiliare di Dubai


Consulenza immobiliare a Dubai: Sergio Alberti parla del nuovo progetto


“FIS INSPECTION” IN VAL DI FIEMME. STAFF AL LAVORO PER LE STAGIONI 2012 E 2013


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Diritti tv serie A: guerra tra Sky Italia e Mediapro Italia S.r.l

Diritti tv serie A: guerra tra Sky Italia e Mediapro Italia S.r.l
 Codici: ad andarci di mezzo è sempre il consumatore, presentata segnalazione all’Antitrust Codici ha presentato una segnalazione all’Antitrust per segnalare il messaggio pubblicitario potenzialmente ingannevole di cui è autrice la società Sky Italia S.r.l La società infatti, pubblicizza nel proprio sito internet, una proposta di abbonamento della d (continua)

Pil Lombardia Speciale, Pil pro capite in Lombardia più alto di Gran Bretagna e Francia

Pil Lombardia Speciale, Pil pro capite in Lombardia più alto di Gran Bretagna e Francia
 Nel 2017 il Pil lombardo aumenta dell’1,8%, raggiungendo quota 37.258 euro pro capite, e del 5,1% nell’ultimo quadriennio. Le elaborazioni di Assolombarda evidenziano che, dal 2014 al 2017, la performance della regione è seconda solo a quella dell’Emilia-Romagna (+5,5%), migliore delle confinanti Veneto (+4,5%) e Piemonte (+2,3%) e sopra la media itali (continua)

Lombardiaspeciale imprese economia: indagine SWG e Polis Lombardia (febbraio 2018)

Lombardiaspeciale imprese economia: indagine SWG e Polis Lombardia (febbraio 2018)
 La Lombardia è una terra che offre opportunità al sistema delle imprese che, in generale, sono abbastanza soddisfatte della propria situazione economica e chiedono soprattutto un sostegno per poter liberare le migliori energie ed innovare. Questa è la sintesi di quanto emerge da una recente indagine svolta da SWG e Polis Lombardia(febbraio 2018), con (continua)

Masterclass Circolo Canottieri Aniene: Dal segno GRAFICO al segno SONORO

Masterclass Circolo Canottieri Aniene: Dal segno GRAFICO al segno SONORO
 L’Ensemble Vocale della Cappella Musicale Pontificia e il Maestro Direttore Mons. Massimo Palombella al Circolo Canottieri Aniene in una Lezione/Esibizione per conoscere e approfondire il repertorio corale sacro rinascimentale. Il 14 marzo 2018, alle ore 19, il Circolo Canottieri Aniene ospita una Masterclass del Maestro Direttore della Cappella Musicale Pontificia Mons. M (continua)

Lombardia Speciale, Innovazione, Lombardia regina delle start up

Lombardia Speciale, Innovazione, Lombardia regina delle start up
 Intervista al Prof. Angelo Di Gregorio, Ordinario di Management al Dipartimento di Scienze Economico-Aziendali e Diritto per l’Economia dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca sull’approfondimento settimanale di Lombardia Speciale su “Innovazione, Lombardia regina delle start up”. Molti dati confermano che la Lombardia è una terr (continua)